Jambalaya mon amour

Ieri sera siamo stati invitati a cena – ma abbiamo pagato noi, curioso no? – da Flanigan’s, uno sports bar, complice anche la partita degli Heat. Essendo sostanzialmente onnivora e non avanzando grandi pretese su quello che passa il convento, solitamente non mi e’ difficile scegliere cosa mangiare. E difficilmente casco male. Ma iniziamo da My. Ha ordinato una costola di brontosauro, qui chiamata Baby back ribs, e sottolineiamo il baby. Il suo piatto occupava meta’ tavolo. Costolette di manzo con salsa barbeque, cosi’ dolce che sembra di mangiare una caramella (qui difficilmente le cose restano del loro sapore originario, … Continua a leggere Jambalaya mon amour

Food you’ll never eat in Italy #4 Spaghetti w/Meatballs

In Italy, we don’t eat spaghetti with meatballs. Most Italians don’t eat spaghetti with meatballs even in the United States. Most Italians don’t eat Italian food in the United States, but never mind. As in lesson #2, pasta is a first plate and meatballs are a second course that we serve with a side; we don’t eat them together. Once in Tunisia I ate meatballs with spaghetti as a side, unfortunately. I was having dinner with some German people, and they loved the meal. Because I know you love that dish too, I want to give you a tip: why … Continua a leggere Food you’ll never eat in Italy #4 Spaghetti w/Meatballs

Un leggero accento

Test in classe, a coppie fissate dalla prof. Capito con un’amica di quella simpaticona di qualche settimana fa, ‘nnamo bene!, penso. E invece questa qui, dopo i primi istanti in cui evidentemente aveva pensato che anche io fossi una gran simpaticona, si rivela davvero molto carina. Non solo riusciamo a fare un buon lavoro, ma troviamo anche il tempo per scambiare qualche chiacchiera. Scoperto che sono italiana mi dice che ama Tiziano Ferro e Laura Pausini, e che le sarebbe piaciuto vivere a Roma, una citta’ antica e piena di fascino. Insomma, ci conosciamo e ci piacciamo.Ci viene un dubbio … Continua a leggere Un leggero accento

Pensateci bene

A quei genitori, quelle mamme soprattutto – mi dispiace sottolinearlo, ma e’ spesso cosi’ – che ferite/umiliate/arrabbiate dalla fine di un matrimonio, magari per un tradimento, decidono di vendicarsi dell’ex coniuge “levandogli pure le mutande“. A quelle coppie che si sfiniscono di battaglie in Tribunale perche’ averla vinta sull’altro e’ questione essenziale e di principio – un modo per non lasciarsi mai? A quelle persone – donne soprattutto, mi piace sottolinearlo – che si rendono conto che anche se la vita ti regala delle orribili sorprese, le guerre non servono a nulla e soprattutto il benessere dei figli viene prima … Continua a leggere Pensateci bene

Il modello da esportare

Caro Benedetto… a leggere i primi commenti alle tue affermazioni, troppo dovranno aspettare, i Cubani. Intanto, un assaggio del loro humour. Perche’ a Cuba non ci sono piscine?  Perche’ tutti quelli che sanno nuotare sono andati negli Stati Uniti. Un europeo chiede ad un cubano: “Ehi, come stai? Come vanno le cose a Cuba?”“Ma guarda, non ci possiamo lamentare!”“Ah! Quindi ne’ bene ne’ male, no?” “No no… Non ci possiamo lamentare!” Un cubano vuole fuggire da Cuba e decide di ripartire con il circo di Mosca che ha girato l’isola. Si traveste da scimmia e si nasconde nella gabbia degli … Continua a leggere Il modello da esportare

Come ci vedono

A lezione mi offro volontaria per far correggere alla lavagna il mio breve paragrafo. Parlando di un bel parco naturale di Miami avevo scritto BillBaggs Cape Florida State Park is the wildest of all the other beaches […] near the beach raccoon and squirrels run through the grass. Mentre il prof legge la classe sghignazza, ‘zzo se ridono questi??, poi mi guarda, sgrana gli occhi e mi fa: “We HATE raccons!!” E cosi’ scopro che quello che per me era unsimbaticoaneddoto (io sono cresciuta con Klin!) per loro e’ il simbolo della sporcizia, della avidita’, della contaminazione e della rabbia – intesa come … Continua a leggere Come ci vedono

Mamme che amano troppo

Ho gia’ raccontato tante volte che tra i miei programmi preferiti ci sono My 600-lb life e Adolescenti xxl. Una delle puntate che mi aveva piu’ sconvolta, ma purtroppo fenomeno ben noto agli operatori psi, era quella di un ragazzo di nemmeno vent’anni che aveva deciso di ricorrere al bendaggio gastrico per provare a dimagrire. Ce la metteva tutta, poverino, ma era parte di un sistema familiare disfunzionale con un padre defilato, apparentemente arreso ad una moglie presumibilmente depressa, che aveva dedicato tutta la sua vita alla crescita del loro unico figlio amandolo oltre i confini. Al centro questo ragazzo, … Continua a leggere Mamme che amano troppo

If I had a hammer

Ce la faremo secondo voi? Oggetto: Spedizione XX21/03/2012 9.56Da: MC (Traffic Manager)A: “XX”Cc:  BuongiornoMi scuso con entrambi per l’errore: un collo del Sig XX e’ finito nel pallet della Sig.ra EroLucy. Sig. XX, le forniremo i contatti per andarselo a riprendere. (sic!!) Confermo ovviamente che il resto della spedizione le arrivera’ a casa MC Rispondo, come al solito metto in copia mezza ditta, compreso il povero sig. XX sfigato come me: Oggetto: R: Spedizione XX21/03/2012 15.50Da: EroLucyVanPelt@tiscali.itA: , “XX”Cc:  Vorrei far presente che i miei colli erano 26, ergo ne manca uno a me?Sig. xx, non so lei ma io resto sempre piu’ … Continua a leggere If I had a hammer

Piccolo compendio di psicologia #2 I borderline

E’ sconcertante la quantita’ di uxoricidi in Italia nell’ultimo periodo. Siamo ad una media di uno al giorno.Ora voglio proprio dire una cosa, a proposito di quanti dicono “Era tanto una brava persone”, “Ha avuto un raptus di follia”…No.Sono borderline, e pure gravi. Se va bene.Voglio spiegarvi una cosa. Qualche settimana fa questa foto ha creato un po’ di scalpore tra i miei contatti di Fb. Per un addetto ai lavori come me, la foto e’ meravigliosa: spiega con chiarezza estrema le classificazioni del DSM-IV, asse I e asse II. I miei lettori invece sono rimasti un po’ sconcertati, come … Continua a leggere Piccolo compendio di psicologia #2 I borderline

Detto in altre parole

Spero che Silvia non se ne abbia a male, ma uno dei vantaggi del seguire i blog altrui (a proposito, fermatemi. Scrivete male, vi prego!) e’ partecipare alla vita, e al lavoro, di altre persone. Fino a qualche anno fa non avrei mai fatto di queste riflessioni; poi mi ritrovo dall’altra parte del pianeta, consapevole dei miei limiti linguistici seppure mi rendo conto di essere avvantaggiata rispetto a molti altri, complice una passione adolescenziale per le lingue e un buon orecchio. E mi dico, Aaah, se la nostra Italia investisse un po’ di piu’ sull’insegnamento dell’inglese… Non mi riferisco solo alla … Continua a leggere Detto in altre parole