Picci’s gift #8

Hah. Un’altra sorpresa di quelle completamente inaspettate.Quando oggi ho trovato l’avviso nella posta e sono andata a ritirare il pacchetto mi sono incuriosita tantissimo. Pacco leggerissimo, dentro c’era un involucro regalo, quadrato, piatto, impossibile da decifrare. Apro il biglietto e faccio un salto.Davvero??? Eravamo in macchina e ho cominciato a saltare sul sedile: Noooooooooo!!! Ma daiiiiiiiiiiiii!!!Norma Jane e’ una blogger con cui ho piu’ di qualcosa in comune. Ha vissuto all’estero e conosce perfettamente certe dinamiche, e poi e’ una collega. Ci conosciamo da poco in realta’, e ci seguiamo reciprocamente piu’ in silenzio che apertamente, ma su molti aspetti abbiamo lo stesso … Continua a leggere Picci’s gift #8

I will survive

Eh si eh, ce la posso fare. Stancante, tanto, ma ce la posso fare.Per quattro materie ho due professori, e una prof che ancora non ho conosciuto. Il primo e’ paterno, quieto, rassicurante; il secondo esplosivo, divertente, sopra le righe. Forse dovrei consigliare loro di rivedere la scheda oraria e invertire il tranquillo del mattino con l’ipercinetico del pomeriggio, cosi’, giusto per prevenire quel fenomeno da testa cascante dovuto alle sveglie alle 6. Perche’ il secondo ieri, per farvi capire il tipo, ci ha portati in un’altra classe per fare lezione al regular college, cioe’ l’universita’ normale, non da sfigati … Continua a leggere I will survive

Picci’s gift #7

E’ arrivato ancora l’omino ups. Che qui va in giro cosi’, e’ fighissimo! Quando giorni fa ho trovato la notifica di questo regalo mi sono sorpresa davvero. Perche’ Pamen e’ una di quelle persone, un po’ come Gianluca, che commenta poco ma c’e’ sempre, e da sempre, piu’ o meno. Ed e’ una di quelle persone che quando sono rimasta incinta mi ha scritto “Avrei voluto dirtelo tempo fa, mai dire mai”. E infatti.E poi quando feci la prima ecografia mi dedico’ questa canzone, da ascoltare fino alla fine. Riscoppiai a piangere esattamente come davanti a quel monitor il giorno prima.Cosi’ … Continua a leggere Picci’s gift #7

Adda passa’ Isaac

Ultima giornata casalinga, si spera, perche’ davvero non ne posso piu’. Isaac sta passando ma lennnnnnnnnto, piove tanto e arrivano raffiche di vento a ondate pazzesche, ma per fortuna niente piu’ di una tempesta tropicale. Che se ci penso anche in Italia, almeno a Roma, viviamo situazioni meteorologiche simili a questa ma li chiamiamo violenti nubifragi. Buffo, no? Mi fa sorridere perche’ dall’Italia mi avete scritto Speriamo rinfreschi anche qui. Beh qui non e’ rinfrescato proprio per niente, siamo sempre sopra i Caraibi… ieri sera abbiamo messo il naso fuori di casa durante una tregua e sembrava di avere il … Continua a leggere Adda passa’ Isaac

Aggiornamento Isaac

http://naturesoundsfor.me/load/embedded_player/eroLucy.swf Strana domenica questa. Il rumore costante di fondo e’ quello che sentite anche voi. Piove da stanotte, quasi ininterrottamente. Isaac tropical storm non si e’ trasformata in un uragano, ma lo sara’, probabilmente, non appena lascera’ le coste cubane. La previsione e’ questa. La tempesta tropicale passera’ in pieno sulle Keys e proseguira’ verso il Golfo del Messico forse prendendo forza e trasformandosi in un uragano di categoria 2; resta il fatto che sono stati diramati gli allerta per le possibili inondazioni e per eventuali tornado su tutta la contea del Miami Dade. Per lo stesso motivo hanno cancellato le … Continua a leggere Aggiornamento Isaac

L’amico sempre presente

Ieri e’ stata una giornata pienissima, abbiamo dovuto concentrare un milione di cose nell’unico giorno libero che aveva My – perche’ diciamolo, non e’ che qui non ci siano i datori di lavoro che si approfittano dei dipendenti, ma la situazione generale e’ alleggerita dalla mancanza di burocrazia e soprattutto dal continuo intervento dei sindacati (qui inesistenti) che invece altrove (dove??) bloccano le cose e ingessano i rapporti di lavoro. Fine della disamina politico sociale, il post e’ dedicato a tutt’altro. Come altre volte, torniamo a casa e troviamo un pacco davanti la porta, che ovviamente nessuno ha toccato, e … Continua a leggere L’amico sempre presente

Le regole della casa

Beh non lo so oggi che succede in Italia, ma c’e’ un po’ il dente avvelenato della fine vacanze e della sospensione estiva dall’avvilimento generale. State rientrando e si schiatta di caldo, e come per magia vi riaccorgete delle cose che non funzionano, della burocrazia, della maleducazione, dell’incivilta’ e dei parassiti sociali. Beh vabbe’ veramente quest’ultima discussione era la mia. Mi colpisce sempre notare come spesso si punti il dito senza pensare a cosa ognuno di noi fa per contribuire alla situazione, che si tratti di una stupida staffetta tra blogger o di evasione fiscale. Premessa: ogni paese ha il … Continua a leggere Le regole della casa

26 e pronti per il bagnetto!

E cosi’ mi descrivono la Picci, a ventisei settimane, come un English hothouse Cucumber ma povera bimbina mia!In realta’ in questi giorni mi sto dedicando ai preparativi per la ripresa del College, lunedi’ si ricomincia. Un po’ ho voglia e un po’ no, visto che sara’ una bella ammazzata intensa con pochissimo tempo per studiare, ma in definitiva si tratta di poco piu’ di due mesi e poi l’unica cosa da fare sara’ aspettare, accogliere la piccolina e prendere i nostri nuovi ritmi familiari, fino a gennaio. Ho comprato i libri online e passero’ a ritirarli alla libreria del campus, … Continua a leggere 26 e pronti per il bagnetto!

Perche’ la nostalgia

Ma perche’ te ne sei andata se poi senti nostalgia? Magari con un po’ più di sacrifici rimanevi qui però almeno erano ripagati dall’affetto di amici e familiari. Questa credo sia la domanda, piu’ o meno esplicita, che ci sentiamo fare noi expat. A me l’hanno posta qui e credo di poter rispondere parlando in generale, non solo di me. Premessa. Non sono mai stata una attaccata in modo particolare alla patria, ne’ alla mia famiglia, visto e considerato che per motivi vari sono dieci anni che la mia famiglia nucleare vive tutta separata in varie citta’ di Italia; gli unici parenti … Continua a leggere Perche’ la nostalgia