Per il bene dei figli

In Italia si sta consumando uno psicodramma collettivo. Nessuno credeva che Berlusconi avrebbe ottenuto di nuovo tutti quei voti. Nemmeno io. Ma come dicevo ieri, in effetti: Dopo una vita passata a votare pds e pd, stavolta se avessi votato avrei dato il mio voto al M5S, l’ho gia’ detto. Ma mi metto nei panni (brrrrrrrr) di un elettore di destra. Per non far vincere I cummunishti, chi votavano? La Meloni? Giannino? Monti? Siamo seri, su. Fossi stata di centro destra avrei odiato Bersani e ancor di  piu’ Vendola. Chi avrebbe potuto contrastarli? E Monti non lo votavano no, c’e’ … Continua a leggere Per il bene dei figli

Convenzioni italiane

Come praticamente ogni weekend, My lavora ed io sono sola a casa. Stranamente non avevo compiti da fare, la settimana entrante e’ midterm e avro’ test da sostenere per tutti i corsi che sto seguendo. La sveglia e’ come al solito alle 5.30 o alle 6, dipende un po’ da piccolina, un po’ da papa’ che come la sente sveglia scatta in piedi e le va a preparare il bibe, mentre io allungo una mano nel lettino sperando solo che tiri un’altra mezz’ora. Ma non sempre mi riesce. Dicevo. Complice il maltempo un po’ di italiani sono rimasti a casa, … Continua a leggere Convenzioni italiane

Guardatevi dagli amici (paranoid android #2)

La storia e’ sempre quella: Oddio, sei psicologa?? Chissa’ che starai pensando di me… Oh ma non e’ che faccio cosi’ perche’… Guarda, per me siete tutti dei rubasoldi autorizzati. Secondo te perche’ mi comporto cosi’? Et cetera. Ormai glisso. Ma. Innanzitutto noi psicologi nella vita privata ci rilassiamo. Come tutti. Facciamo conto che te sei un ragioniere. Che nel tempo libero chiedi ai tuoi amici informazioni sui loro introiti? O ti viene la nausea quando dopo otto ore di conti qualcuno ti chiede un aiuto per le sue tasse? Come per tutti i lavori, del resto. Nel tempo libero … Continua a leggere Guardatevi dagli amici (paranoid android #2)

Un lavoro qualsiasi

daringtodo Mi ricordo improvvisamente di avere una casella “Altro” per i messaggi di Facebook, casella che non controllo da qualche mese. Di solito non c’e’ niente di che, stavolta invece trovo tre messaggi che chiedono info su come lasciare l’Italia e trasferirsi negli Stati Uniti. Mi era successo solo un altro paio di volte, in un anno e poco piu’ che sono qui, ma entrambi avevano le idee abbastanza precise e fu facile dare risposte o indicazioni. Stavolta i messaggi sono stati inviati tutti tra gennaio e febbraio, e le richieste sono talmente vaghe che esprimono solo un concetto: dammi un … Continua a leggere Un lavoro qualsiasi

Coconut Grove Arts Festival

Ieri si e’ concluso il cinquantesimo anniversario del Coconut Grove Art Festival. Complice una giornata di ferie di My, siamo andati a fare il nostro primo bagno di folla con la Picci, che a parte spesa o municipio non aveva fatto ancora nulla. La giornata era fredda e il Festival si svolge vicino al mare, alla marina di Coconut Grove (dove c’e’ anche questo locale che ci era piaciuto tanto). Come e’ facile intuire, ci sono bancarelle di artisti che espongono le loro opere, e si trova un po’ di tutto, dai quadri alle sculture a borse e vestiti artigianali. … Continua a leggere Coconut Grove Arts Festival

Chi vuole apparire bello in America…

Apparire bello in America significa stravolgere i concetti appresi in quarant’anni. Che ogni paese abbia i suoi riferimenti culturali e’ risaputo. E che questa pazza citta’ sia il crocevia del mondo anglosassone e latino, pure. Beh, ok, di anglosassone gran poco. Le taglie, gia’ detto. Rispetto all’Italia qui mi sento finalmente magra, anche se la mia 10 12 14 (grazie, gravidanza) sia ben lontana dalla 0 che anche esiste. Per inciso, ho provato a fare shopping negli ultimi giorni, visto che mi entrano solo due paia di jeans. Niente, ‘na tragedia. Un po’ perche’ non e’ che voglio spendere cifre, … Continua a leggere Chi vuole apparire bello in America…

Sistema anti incendio – The never ending story

Stavo allattando laPicci, parte una musica dagli altoparlanti come se avessimo la filodiffusione in casa. ero Lucy Secoli fa esisteva il serivzio di filodiffusione, quando la Sip (sono vecchia assai) ti permetteva di ascoltare musica classica in casa diffondendola da apprecchi al muro.  In casa nuova abbiamo un altoparlante posizionato nelle due camere da letto. In caso di emergenza, tipo un incendio, una voce registrata o il concierge del condominio avvisa tutti i residenti di lasciare l’appartamento. In questi giorni stanno facendo lavori all’impianto antincendio del palazzo, percio’ ogni tanto parte la voce registrata “Attention please! Attention please!” e io smadonno che … Continua a leggere Sistema anti incendio – The never ending story

Medicina

La grande stanchezza di cui ero vittima ha indebolito le mie difese immunitarie e mi sono subito beccata il cimurro della cinese, che come ha detto My mi ha attaccato l’asiatica. Ma la cosa strana e’ che Picci ha cominciato a tossire sabato, io domenica. Che pena sentirla tossire. Fortuna che riesce a dormire lo stesso. Lunedi’, vista la situazione, andiamo dalla pediatra che ci piace tanto, e sostanzialmente ci dice che tutto quello che stavamo gia’ facendo andava benissimo (umidificatore, soluzione salina e nosefrida). Dobbiamo aspettare che passi, ovviamente se non peggiora, e per fortuna non e’ peggiorato. LaPicci … Continua a leggere Medicina

Nonni

foto da qui Io non ho conosciuto i nonni maschi, e pure con le nonne femmine sono stata poco fortunata. Avendo una mamma finlandese, i nonni materni li vedevamo ogni quattro anni, quando andava bene; e anche quando li vedevamo erano solo coccole, ma un rapporto vero e proprio non poteva esserci, non parlando la stessa lingua. L’ultima volta che vidi mio nonno era un’estate, sapevo che lui era in ospedale ma io ero piccola e l’unico ricordo che ho e’ quel grande edificio bianco che si vedeva dal giardino di casa. O quello che pensavo fosse l’ospedale. La nonna … Continua a leggere Nonni

…e la mamma si rompe

Mentre laPicci si aggiusta, la mamma si rompe. Sono stanca. Ma tanto eh. Perche’ e’ vero che un neonato impegna, e tanto. Pero’ sto facendo tante altre cose che non posso smettere, tipo il college per il Visto. E siccome sono una che non sa fare le cose fatte tanto per fare, ecco che mi ritrovo con una media alta alta in tutte le materie. Ne sono felicissima, intendiamoci, ma a volte questo rigore non mi consente di saltare i compiti nemmeno una volta. Ma non e’ tanto lo studio. Quello che mi ha dato il colpo di grazia sono … Continua a leggere …e la mamma si rompe