Cerca

ero Lucy

e adesso vivo a Miami

Mese

maggio 2013

Etnocentrismo – Ho il dentino avvelenato #11

Quando si arriva negli Stati Uniti pare tutto figo. Le strade, le luci, i palazzi, il mare, le persone, tutto. Se si e' qui in vacanza si torna indietro con una sensazione di pienezza e di entusiasmo; quando si resta... Continue Reading →

La mia clinica della vellezza

Disclaimer: Cio' che state per leggere riguarda solo me. Non voglio convincere nessuno, non sto facendo un discorso di classi sociali. Parlo PER ME. Ergo: non mi scassate i cabasisi. Fatemi scrivere un post per non pensare alla sfiga che... Continue Reading →

Autorevole o autoritario?

Stavamo guardando la finale di Champions League Borussia Dortmund contro Bayern Monaco, e sorvolero' sul fatto che dopo un anno e mezzo di basket (figherrimo), football e baseball, ho guardato con piacere una partita di calcio. Al fischio dell'arbitro su... Continue Reading →

Le tre scimmiette

A proposito della sedicenne uccisa dal coetaneo. E di quell'altra uccisa ad Anguillara la notte di Halloween che ancora non si sa cosa sia successo. Mi ripugnano talmente tanto che non li linko nemmeno. Mamma Pinguino chiede: Siamo noi genitori... Continue Reading →

Relazioni positive

Il precedente post ha avuto successo 🙂 grazie a tutti per i complimenti e per quello che mi avete scritto pubblicamente ed in privato. Vorrei specificare delle cose, pero'. Perche' si', ho amato tantissimo lavorare con gli adolescenti. E ho... Continue Reading →

La vita oltre Facebook

Provero' a concludere la questione accennata qui nei commenti, sul fatto di quanto serva una lavata di capo fatta bene. E in realta' di questa faccenda ne avevo accennato anche in questo post sconclusionato, che a rileggermi mica lo so... Continue Reading →

Centottantuno giorni, sei mesi

Sei mesi fa a quest'ora, che non e' quella in cui leggete, mangiavo castagne. Che adesso a ripensarci mi viene da ridere, perche' le leggende narrano che nacqui dopo una lunghissima passeggiata di mia madre in centro mentre mangiava marrons glaces.... Continue Reading →

Risparmiare dollari

Being an expat significa, tra le varie cose, rinunciare a quei piccoli vizi che si avevano in Italia. Quando vivevo sola sapevo come far quadrare il mio magro bilancio. Dal momento che come e' noto, chi vive solo si scoccia... Continue Reading →

Deitalianizzarsi

Il bel post di Laura tocca una corda per me importante, di cui mi ero gia' stupita a suo tempo. E ne parlavo proprio due giorni fa con My, perche' avevamo visto alcune differenze. In un ufficio, una mamma latina giovanissima, tipo... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: