Niente, ho avuto il down post adrenalinico ed eccomi qua. In vacanza.
In realta’ ho passato due bei giorni con la mia famiglia, visto che My era libero, siamo andati a parlare col parroco per il battesimo, tra le altre cose.
Sapevo che non era facilissimo. Sapevo, da Mel, o Maggie, ora non ricordo, che chiedevano l’iscrizione alla parrocchia e un corso preparatorio. A noi, che siamo piu’ cattolici di loro.
L’antefatto era che qualche settimana fa siamo andati alla chiesa che ci piace che sta sul mare, la chiesa-simbolo dei Cubani (in realta’ un po’ troppo affollata per i miei gusti, ma la vista e’ suggestiva, si’) per avere info sul battesimo, ma ci hanno detto che la nostra parrocchia di appartenenza e’ un’altra: San Pietro e Paolo.
Cioe’, noi siamo di Roma!! (e San Pietro e San Paolo sono i Patroni della citta’ di Roma, spiega. Oltre al fatto che si festeggia il 29 giugno, tecnicamente il giorno da cui My ed io stiamo insieme). Avevamo cercato le info online ma non ne avevamo ottenute un granche’ se non che bisognava concordare la data almeno 6 settimane prima, quindi finalmente, con comodo, siamo andati a vedere.
La chiesa e’ mooooolto carina. E tranquilla. Davanti una scuola che guardavamo da mesi perche’ ci piaceva (ma e’ privata e quindi ciao), ma la chiesa era semicoperta da alberi, non ce ne eravamo mai accorti. Le indicazioni dicevano di andare al Rectory, ma ‘ndo sta sto Rectory?, si telefona e si fa prima. Ci stavamo davanti. Mentre entro vedo il furgoncino di Crime Scene Investigation nella strada accanto e l’uomo alla guida che mi fissa, la cosa e’ stata un po’ inquietante, ma d’altronde sto a Miami, no?

la Ermita de la Caridad. In quella direzione c’e’ Cuba.

Insomma. Entriamo e il parroco era li’ insieme alla sua assistente. Di dove siete?, fa il prete. Italiani. Aaah io ho vissuto a Roma per sei anni, e inizia a parlare italiano. Poi ci fa Ma dove abitate? Gli diamo l’indirizzo e dice Beh veramente la vostra chiesa di appartenenza e’ San Raymond, e io penso Nooooooo io voglio San Pietro e Paolo! Voglio il Don italiano!!
Pero’ se voi volete iscrivervi qui, per noi va bene.
Siiii noi vogliamo iscriverci qui!
Ci dicono di tornare il giorno dopo per portare il certificato di nascita e prenotare la data. Bene, cosi’ nel frattempo in favore di fuso contattiamo la madrina e cerchiamo di capire per che data potrebbe essere qui. La zia. Mia sorella. Yuppiiiiii!!!
Ieri torniamo al Rettorato e concordiamo la data. Nome della madrina? Zia Erode (:DDDD non e’ vero, e’ una mamma fantastica). Ma ha il battesimo, la comunione, tutto? Bella, siamo Italiani, non ci manca niente. Ok, ti credo, non devi portarmi nulla.
Poi, riguardo al corso, dice E’ previsto che dobbiate seguire una charla (= ciarla. ‘Na chiacchierata) sui sacramenti. Preferite maggio o giugno? Boh e’ lo stesso. Ok, 22 maggio. Durata, due ore.
Il costo di questa ciarla e’ di 40$, me li puoi portare quando vieni.
Ok, e per iscriverci alla parrocchia cosa dobbiamo fare?
Niente, venite a messa.

Insomma, e’ fatta. Senza complicazioni, senza documenti, senza problemi. Zia, ti aspettiamo eh!

Annunci