Cerca

ero Lucy

e adesso vivo a Miami

Mese

febbraio 2014

Vibrata protesta

Perche' i figli delle altre dormono in piedi, con la testa nel piatto, nei carrelli della spesa, nel car seat, nel passeggino, sul divano, per terra? Perche' i figli delle altre non si svegliano settantaquattro volte a notte? Perche' i... Continue Reading →

Elementari e medie in America

Il post di oggi nasce da una bellissima serie di discussioni avute su fb con Renata, a cui si sono poi aggiunti i racconti Giulietta e Claudia, grazie a due post da lei pubblicati sulle esperienze dei suoi figli a scuola... Continue Reading →

Peruvian Ceviche

Uno degli stereotipi che di solito attribuiamo agli Stati Uniti e' il cibo sia disgustoso, che non sappiano mangiare e che amino solo il junk food. A volte e' vero. A Miami ci sono ristoranti a conduzione familiare e diners assolutamente mediocri,... Continue Reading →

Il banchetto di nozze

Durante la nostra veglia notturna, ormai il mio corpo si e' abituato a stare tre ore sveglia, dall'una alle quattro, e non sempre per colpa di bimba, mi ritrovo a parlare con mio marito che di li' a breve sarebbe... Continue Reading →

Dove eravamo rimasti – Autostima parte 3

E quindi dicevamo che l'assertivita' e l'autodisvelamento sono due ingredienti di una sana autostima che si nutre della relazione con gli altri. Ma non sempre e' facile avere relazioni con gli altri. source Un concetto che ci stanno ripetendo fino... Continue Reading →

Neutralita’

Oggi ho fatto il mio primo esame di Ethics, che poi sarebbe tipo filosofia. La prof ci ha fatto comprare dei blue books, che altro non sono che dei fogli protocollo spillati con una copertina blu sulla quale indicare il... Continue Reading →

Quando ti cambia la vita

Vi presento Donatella, questa la sua storia. Il nostro sogno americano inizia nel 2011, anche se ci eravamo già innamorati degli USA nel 2000 durante il nostro viaggio di nozze coast to coast. Nel giugno del 2011 decidiamo di tornare... Continue Reading →

Autodisvelamento

Autodisvelamento e' il brutto termine psicologico tradotto dall'omologo inglese self-disclosure, a mio parere molto piu' dolce e vicino al linguaggio comune. L'autodisvelamento consiste nel raccontare cose di se' agli altri, cosa che in vari gradi facciamo tutti, ed e' anche... Continue Reading →

Bambini di farina

Lezione di English Composition, il prof ci propone un breve racconto di Steinbeck (non esiste la versione free in italiano, si chiama I crisantemi ed e' contenuto in La valle lunga) e poi un critical essay sul testo, scritto da... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: