Una famiglia italiana a Miami

Cittadino americano

Quasi cinque anni dopo essere approdato sul suolo Americano, My si e' rivolto ad un avvocato per diventare cittadino americano, procedura meglio nota come naturalizzazione. Hanno compilato insieme il Form N-400 che consta di ventuno pagine con tutte le informazioni personali, anagrafiche, di lavoro, di eventuali coniugi/figli, e quelle su eventuali passati criminali, nazisti, di stupratori, torturatori, o… Continue reading Cittadino americano

Annunci
Una famiglia italiana a Miami

laPicci’s OCD

Tutto comincio' a pochi giorni dal ritorno a casa dall'ospedale. O forse il giorno stesso, ora non ricordo. Nei momenti di stress, tipo quando i neonati piangono disperati e tu neogenitore non capisci ancora cosa significhi quel pianto, se fame freddo sonno o cacca, lei si tirava i capelli, quei tre peli che aveva sulla… Continue reading laPicci’s OCD

Vitaccia da emigranti

Care cure

Dopo due notti insonni, con bimba sveglia rispettivamente una-tre e mezzanotte-quattro, la mia schiena ha fatto crac. Non il gia' visto colpo della strega, ma i dolori erano inequivocabili. Ho cercato, sto cercando, di stare attenta per non restare di nuovo piegata cosi', a mezz'aria, come mi era successo. Prendo antidolorifici e metto patch e… Continue reading Care cure

Una famiglia italiana a Miami

Cerimonie di passaggio

Qualche mattina fa mentre faccio colazione leggo gli aggiornamenti fb e mi colpisce un post di Moky che racconta che la figlia avrebbe fatto la cerimonia per il passaggio dalla preschool al kindergarten. Nemmeno il tempo di arrivare al nido di bimba che trovo fuori il furgoncino del fotografo.Apro la porta e vedo un set… Continue reading Cerimonie di passaggio

Vitaccia da emigranti

Poi dici virtuale #2

Ieri leggo questo post e un brivido mi corre lungo la schiena mentre penso No, non puo' essere ancora in bozze. Ebbene si'. Qualche settimana fa ho conosciuto Baby e Il Tecnico di passaggio qui in citta'. Whatsapp come sempre aveva creato quella fantastica cornice per cui quando ti vedi sembra di conoscerti da sempre,… Continue reading Poi dici virtuale #2

Vitaccia da emigranti

Mi tocca ammetterlo

Circa un anno fa lasciai un commento su un gruppo in cui ero stata inserita prima di trasferirmi qui e su cui non avevo mai commentato. Non avevo nulla in comune con le altre italiane negli Stati Uniti, non avevo marito militare, non avevo figli, non ero qui da anni, non conoscevo nessun'altra se non… Continue reading Mi tocca ammetterlo

Studiare a Miami

Imparare l’inglese

Da quando non vado piu' al College le giornate si sono improvvisamente appiattite. E non e' che non stia bene nel mio dolce far niente, eh. Solo che per esempio qui sul blog non ho molto da raccontare. Ieri grazie alle mie amiche di dipendenza whatsapp mi sono ricordata di un vecchio progetto che ho… Continue reading Imparare l’inglese

Italiani in Florida

Marchio Ospitalita’ Italiana

Ieri sera siamo stati invitati ad un evento organizzato dalla Camera di Commercio Italiana a Miami con il Marchio Ospitalita' Italiana grazie alla mia amica Veronica, che e' qui a Miami come imprenditrice con DolceVita Cachemere. Il suo generoso invito mi era giunto totalmente inaspettato. Ho conosciuto virtualmente Veronica piu' di un anno fa ma non eravamo mai… Continue reading Marchio Ospitalita’ Italiana

Vitaccia da emigranti

Migola girovaga

"Un giorno qualcuno ti chiede: hai già scritto un post dove racconti perché sei partita per gli Stati Uniti? E tu ti ritrovi a cercare di ricordare se hai scritto e cosa e come. Ma il mio blog è un blog di sensazioni, fondamentalmente e di pochi fatti concreti narrati in maniera dettagliata. E adesso… Continue reading Migola girovaga

Vitaccia da emigranti

Italians do it better #5

Cercare un paio di pantaloni che mi stiano bene e' una tragedia. Sono alta, e a parte il sovrappeso che ancora mi porto dal parto che mi fa sembrare Bibendum ma coi rotoli shuffled, la mia conformazione fisica e' totalmente diversa dalle donne Americane, tettute e coscecorte. Mele, insomma. E vi giuro che qui vendono… Continue reading Italians do it better #5