Migola girovaga

“Un giorno qualcuno ti chiede: hai già scritto un post dove racconti perché sei partita per gli Stati Uniti? E tu ti ritrovi a cercare di ricordare se hai scritto e cosa e come. Ma il mio blog è un blog di sensazioni, fondamentalmente e di pochi fatti concreti narrati in maniera dettagliata.
E adesso che ci penso, molte volte credo di dare tutto per scontato come se il lettore fosse sempre con me nella mia vita quotidiana ed io volessi solo spiegargli meglio i miei sentimenti più profondi, le sensazioni intime e raccontare un mondo, da lui già visto, con le sfumature e i colori come li vedo io.
Ma questo non è il mio blog e poiché oggi mi racconto, felice ospite, in un altro luogo, cercherò di dare spazio ai fatti e di mettere in secondo piano le mie sensazioni.
Sono, siamo dei viaggiatori, dei migranti da quasi vent’anni ormai. Siamo partiti con l’idea di fare un’esperienza di un paio d’anni e poi di rientrare in Italia. All’epoca eravamo una giovane coppia di trentenni con due cuccioli al seguito, uno di cinque anni e uno di undici mesi.
Il giorno che lo Scettico diede la notizia della nostra decisione di espatriare a suo fratello maggiore la domanda immediata fu: ma poi avrai opportunità di rientrare? Ci furono sguardi ironici tra noi due e la sera a casa ci meravigliammo della domanda che ci era apparsa così ingenua e assurda. Ma certo, ci saranno moltissime opportunità. Ancora adesso, a distanza di venti anni, sorridiamo pensando alla fatidica domanda posta in un tiepido pomeriggio primaverile, ma il sorriso ora è differente e la domanda, alla luce dei fatti, ci sembra uscita dalla bocca di una Cassandra in versione maschile. Infatti non c’è più stato ritorno per noi, le porte si sono aperte ma sempre verso altri paesi, altre culture, altri continenti. Un corridoio lunghissimo con tante porte, certo, ma che si aprivano solo in un verso e mai per tornare indietro.
Forse, prima o poi, quella porta la creeremo noi, forzando questo strano gioco delle opportunità che per ora abbiamo solo assecondato o forse no, dipende da tanti fattori.
Abbiamo vissuto in Francia, a Saint Germain en Laye, nella periferia di Parigi, in un contesto splendido con la grande opportunità per i nostri ragazzi di frequentare un liceo internazionale che ha permesso a loro di crescere in un mondo ricco di stimoli e a contatto con tante differenti culture e a noi di crearci una rete di amicizie e di affetti che ci ha regalato anni di vera felicità. Siamo poi partiti per la Spagna, a Barcellona, per circa due anni e qui ci siamo ritrovati infilati nella comunità francese, grazie alla scelta della scuola dei figli. Inutile dilungarmi sulla bellezza della città e sulla qualità della vita che è da tutti straconosciuta: confermo tutto. C’è stato poi un rientro a St. Germain e in seguito una partenza per Strasburgo, vissuta come ultimo avamposto prima della Germania per permettere al figlio più giovane di terminare il liceo senza dover affrontare l’ostico tedesco.
L’idea di arrivare qui in Michigan era lontanissima dai nostri progetti. Un lavoro ricco di soddisfazioni in Germania per lo Scettico, un figlio a Londra con una carriera appena iniziata e un secondo figlio in Svizzera, in università. Quasi in preparazione degli “anni sereni” io progettavo, non tanto in incognito, di comperare una casetta nella mia regione d’origine (Trentino) e di trasformarla in luogo di raduno europeo ma esiste un bellissimo proverbio yiddish che recita: quando gli uomini fanno dei progetti gli dei sorridono.
Infatti.
Nel mese di settembre allo Scettico è arrivata la proposta di cambiamento con tempi comodi di riflessione: due giorni.
In due giorni hai solo il tempo di sorridere, mettere in tasca il progetto di casetta tra i monti, guardare il mappamondo per capire dov’è il Michigan e chiedere: è una cosa buona?
Poi ti ritrovi già a fare il visto, ad iscriverti ad un corso di inglese perché, nonostante la vita girovaga, ti sei concentrata solo su lingue neolatine, ad avvisare parenti e amici.
Ma la domanda più importante che ci si deve fare è: perché si dice sì all’espatrio? Perché ho detto sì così tante volte, ormai?
All’inizio è la voglia di scoprire culture diverse, di affrontare nuove avventure, di migliorare la propria condizione economica, poi è come una droga, un bisogno adrenalinico di nuove sfide, di mettersi ancora in gioco. Ogni volta una piccola rinascita che ti permette di, se vuoi, ripartire da capo e inventarti un’altra opportunità. Fino al prossimo salto, fino al prossimo camion, fino a che ne varrà la pena, fino a che ci continueremo a svegliare, lo Scettico ed io, guardandoci negli occhi e dicendoci: bello qui, eh?!”

Grazie, Migola.
Annunci

0 pensieri su “Migola girovaga

  1. Grazie Mimma! Quando si scrive in un blog per diversi anni, credo siano ormai sette, si pensa che tutto sia detto e chiaro al lettore…non è vero! Ogni tanto bisognerebbe fare un riassunto per i nuovi arrivati e grazie a Lucy ho potuto farlo…un caro saluto.

    Mi piace

  2. Dm l'importante è avere sempre l'entusiasmo dell'avventura, la voglia di mettersi in gioco ed essere convinti di avere ancora energie sufficienti per affrontare le piccole fatiche che comunque ci sono. Grazie!

    Mi piace

  3. Ciao Annalisatu tocchi un tasto importantissimo…le opportunità che si aprono per i figli quando si fanno questo tipo di esperienze sono incredibili e credo che molti partano dall'Italia dandosi proprio questa come prima motivazione ma anche se è assolutamente una parte importante non deve essere, a mio parere, l'unica o quella preponderante perché, credo, che i primi a dover essere super motivati sono proprio i genitori e quando loro vivono l'espatrio in maniera positiva i ragazzi la vivono in piena serenità. Grazie Annalisa…

    Mi piace

  4. La conoscenza di Migola e' abbastanza recente per me, ma confesso di aver apprezzato da subito il suo modo di scrivere e trasmettere sensazioni. Mi è bastato leggere pochi suoi post e già sono lì che aspetto con impazienza di leggerla ancora. Non mi è capitato con altri molti blog. Anche questo suo modo di descrivere l'espatrio ne è una conferma.

    Mi piace

  5. Cara Migola, visto che hai indossato i panni di Lucy Van Pelt (e direi che ti calzano a pennello), nella mia veste di Charlie Brown lagunare dotato di un saggio bretone (sedicente bracchetto) che dorme a pancia in su forse immaginando di essere il Barone Rosso e che, grazie ad un padre ufficiale come il tuo, è stato spedito per gran parte della sua vita da una base navale all'altra con preavviso di poche ore e avendo un baule o una foresteria di Circolo Marina come casa, seguirò con la consueta ammirazione per come sai scrivere della tua vita questo tuo nuovo blog, avvisandoti comunque, ora per allora, che non intendo in alcun modo calciare quel pallone da rugby, dunque non insistere… 🙂

    Mi piace

  6. bello, mi é piaciuto, e poi penso che se sei in due é anche meglio. io son sola nell'espatrio, anche avendo un compagno, ma lui vive nel suo paese e non si é mai reso conto di come vivo io questa esperienza, e mai gli verrebbe in mente di far la valigia. é come una droga, quando inizi non ne puoi fare a meno, e anche se mi piace dove vivo non rinnego che spesso sogno con altri posti. chissá….complimenti per la vostra vita da expat!!

    Mi piace

  7. Mamma in Oriente grazie …le parole con cui hai riassunto uno dei miei post sul tuo blog mi ha fatto subito capire con quanta attenzione e sensibilità tu leggi! Le tue recensioni sono delicate e precise come solo chi si immerge nella lettura può fare! Grazie di essere una mia lettrice…ne sono onorata! Mìgola

    Mi piace

  8. No Carlo non sono io Lucy ma chi mi ospita così gentilmente qui! Comunque potremmo entrambi usufruire del banchettino di Lucy per qualche consiglio!;) tu linkala per non perderla! Un abbraccio grande! Mìgola

    Mi piace

  9. della tua storia conoscevo bene gli inizi, (ti ricordi quando arrivavai di corsa in macchina col primoo piccolo, per farmi vedere la tesi?) e poi attraverso i racconti di Migola il resto. E' bellissimo muoversi e certamente tu e i tuoi figli ne avete guadagnato come esperienze, però nelle tue parole sento anche un po' di stanchezza, spero di sbagliarmi. un abbraccio.

    Mi piace

  10. Un po' di stanchezza c'è ma è dovuta a questi ultimi mesi di freddo e di scatoloni…con un po' di sole e la fine dei lavori sarò in formissima! Come dimenticare…gli anni dell'università sono stati bellissimi e le nostre passeggiate per le calli parlando di Giuseppe Alberti…:)

    Mi piace

Che ne dici?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.