Blanche Park, Coconut Grove – a saperlo prima

Stamattina ho portato laPicci in un piccolo parco intravisto un paio di volte guidando per Coconut Grove. E’ incastonato tra Shipping Ave, Virginia St. e Allamanda St. e si chiama Blanche Park. Gia’ per entrare non trovavo il cancello, decisamente child proof. Il parco e’ in realta’ diviso in due, da una parte c’e’ l’area per i cani e dall’altra quella dei bambini, ma nonostante entrambe le presenze e’ un luogo silenzioso. L’area bimbi e’ ricoperta da erba sintetica (va bene che Miami e’ umida ma dai pero’ su) e molti genitori erano in terra con i loro neonati distesi su … Continua a leggere Blanche Park, Coconut Grove – a saperlo prima

Happy Thanksgiving

Qualche settimana fa la scuola ci ha chiesto di preparare un cartoncino, che sarebbe andato a comporre le piume della coda di un tacchino, per esprimere le cose cui LaPicci fosse grata. LaPicci e noi siamo grati per poter vivere a contatto con la natura e godere il mare anche tutto l’anno, siamo grati per il cibo che ci piace provare, per la famiglia che siamo, per le cose che nostra figlia impara, per la possibilita’ che ha di giocare con altri bambini. E siamo grati, soprattutto al papa’, di poter viaggiare. Un anno fa il nostro Thanksgiving era questo, … Continua a leggere Happy Thanksgiving

Poi dici virtuale #4 – Rainforest Cafe

Questo il messaggio che Giordana mi ha mandato due mesi fa. La leggo e penso, Ma questa va giu’ dritta cosi’? Senza preamboli? Mi ero appena iscritta ad un gruppo e penso, bah, forse li’ dentro usa cosi’. Le rispondo e chattiamo un po’. Simpatica. Mi fa vedere il suo video del giro del mondo. E’ pazza. Mi piace. Nel frattempo viaggio inaspettatamente a Torino, e al ritorno bimba e’ un po’ scombussolata dai ritmi. Ha passato 14 giorni appiccicata a me nel frullatore di zia nonna cugini puppy uscite e nuove conoscenze, e ora che deve riabituarsi ai piu’ … Continua a leggere Poi dici virtuale #4 – Rainforest Cafe

Minnie Party per laPicci

L’anno scorso abbiamo festeggiato a cena fuori, noi tre e la nonna. In un anno abbiamo conosciuto nuovi amici, tanti!, e ho abbiamo deciso che laPicci meritava finalmente un compleanno come si deve. Ho comprato decorazioni, torta, fatto spesa, ho cucinato zucchini plum cake (grazie sister!), Minnie muffins e tortini di verdure. Zucchini pound cake 300 gr. di zucchine 200 gr. di farina 90 gr. di parmigiano 100 ml olio di semi 1/4 cipolla 4 uova sale, pepe Mischiare tutto amalgamando Livellare bene in uno stampo imburrato cuocere 30 minuti a 380F (200C) Chocolate chips Minnie muffins Chocolate chips muffins (da … Continua a leggere Minnie Party per laPicci

Viaggio al super sotto casa

L’altro giorno avevo voglia di cucinare pasta e ceci. Sono qui da tre anni eppure i chickpeas in barattolo che avevo comprato non volevano saperne di ammorbidirsi e mi e’ tornato in mente un post di Renata sul suo blog personale che mi colpi’ molto. Parlava di un aspetto dell’espatrio che magari sembra una stupidaggine ma che all’inizio getta nello sconforto, aspetto di cui ho avuto conferma qualche settimana fa quando un’amica si e’ trasferita dall’Italia in Florida: era andata a fare la spesa al supermercato e ci chiedeva aiuto perche’ non ci capiva niente. Prima di leggere: Valentina ed io abbiamo … Continua a leggere Viaggio al super sotto casa

Tutta colpa di Freud

Durante il viaggio di ritorno ho goduto del lusso di tre ore e mezza di nanna di bimba. Sembrava come se dopo due settimane di brevi pisoli pomeridiani finalmente si concedesse il giusto riposo. D’altra parte, che fa una mamma appena sua figlia, in volo, si addormenta? Dorme, si’, giusto. Questo le mamme non nevrotiche che hanno aiuti in casa, baby sitter, nonni, mariti che danno loro il cambio ogni tanto da concedersi un’uscita. Io non chiedo niente di tutto questo. Io sono in astinenza da cinema da settembre 2012. C’e’ Interstellar, d’accordo, ma e’ un film americano, di sicuro magari prima o poi … Continua a leggere Tutta colpa di Freud

Il viaggio perfetto

Alla fine il rientro e’ stato quasi piu’ duro del viaggio. Perche’ si’, lo sapevo, tredici ore di volo tra Miami-Parigi-Torino e Torino-Roma-Miami non sono una passeggiata. Ma e’ stato duro riprendere i ritmi, tornare alla quotidianita’, con qualche abitudine inevitabilmente cambiata. Una settimana dopo, eccomi qui. Siamo state in una citta’ che non e’ quella dei miei natali. Non so rispondere, quindi, alla domanda che tutti mi fanno: come hai trovato l’Italia? Non ne ho idea, non ero a Roma. Sono stata dove ho sempre trascorso delle brevi vacanze e percio’ mi e’ sembrato tutto assolutamente identico a sempre. … Continua a leggere Il viaggio perfetto

Stupore

Il viaggio e’ stato bello e necessario. Il ritorno sperato ma faticoso. Riprendere I ritmi non e’ semplice, sono quattro notti che dormo poco, mio malgrado. Ma sono felice di essere qui, gli occhi ed il cuore pieno dello stupore sul viso di mia figlia quando all’aeroporto ha rivisto il papa’. La cosa buona di questa insonnia e’ aver divorato Splendore, il libro della Mazzantini. E’ un romanzo violento, triste, duro, dove gli affetti sono sepolti sotto la roccia. Bellissimo. Ora lo finisco e preparo la colazione per la mia famiglia. Siamo finalmente di nuovo insieme. Continua a leggere Stupore

Pienezza

Sono felice. Cose da rivedere, amiche da riabbracciare, persone che da virtuali diventano reali, e poi gli affetti. All’estero si sta bene, non tornerei mai indietro. Ma questo non c’e’, e manca. E te ne accorgi quando lo vivi. Una foto per tutti, per tutti I baci che bimba ha ricevuto, per tutti gli abbracci che mi avete regalato arrivando da lontano. Grazie. Continua a leggere Pienezza