Se state progettando una vacanza a Miami dovete sapere che qui il sole non e’ uguale a quello che splende in Italia, percio’ e’ bene che anche la protezione solare sia differente.

Durante le mie prime vacanze qui notavo che erano tutti assolutamente ossessionati dal sole, allegro argomento di conversazione riguardo l’insorgenza dei melanoma. Il mio e’ un fototipo tipo 2 e in Italia nonostante la crema protettiva mi sono sempre scottata; qui a Miami invece no, e attribuivo la diversita’ alla latitudine. Quando mi sono trasferita ho pero’ iniziato a notare che i latini si proteggono sempre dal sole nonostante la loro pelle scura, che si tratti di ombrelli, camicie a manica lunga o rashguard shirts, le magliette con fattore di protezione solare. Al mare tutti i bambini hanno spessi strati di crema bianca ad assorbire lentamente.

Vivendo a Miami, ho iniziato a portare mia figlia in piscina o in spiaggia fin da quando era molto piccola, e all’inizio oltre al cappello aveva una tutina intera a fattore protettivo upf50 che pero’ non si asciugava mai e ho quindi iniziato a metterle solo il costumino sotto con una buona crema protettiva.

Leggi anche: quando ho scoperto che le bambine portano il costume intero.

La prima che presi era terribile, le bruciava gli occhi, dovetti metterla anche io per capire perche’ piangesse. Ho iniziato quindi ad usare le creme di Babyganics, puro ossido di zinco, sia per lei che per me e non ci siamo mai scottate. In realta’ qualsiasi crema abbia usato comprata qui, anche quelle spray, ci ha sempre protette perfettamente. Per il viso prendo invece uno stick upf+70 che non cola con l’acqua (e gli occhi non bruciano – i miei).

Protezione solare per bambini

Qui non si usa abbronzarsi, dal sole ci si protegge. Si sta sotto le palme come in Crandon Park, o ci si porta l’ombrellone, se non la tenda da montare. Molti latini fanno il bagno con i vestiti, gli americani hanno abbigliamento tecnico adeguato, cappelli e occhiali da sole. Tra l’altro basta spostarsi un po’ a nord e scoprire, come quando sono stata a Juno Beach o a Cocoa Beach, che gli americani sono completamente vestiti in spiaggia.

Leggi anche: cosa portare in spiaggia (se non sei italiano).

cocoa-beach-protezione-solare-per-bambini-300x175

Le maglie a fattore protezione costano un po’, io pero’ le prendo sempre da Walmart anche considerando la velocita’ con cui cresce mia figlia. Ne ho due, da brava mamma italiana non la lascio bagnata quando esce dall’acqua, soprattutto quando la porto alle water fountains tipo Pinecrest Gardens o allo zoo Miami.

Pinecrest Gardens

Sono quindi giunta alla conclusione che i solari acquistati qui siano piu’ efficaci, e forse ricordo male ma credo che i prezzi siano inferiori all’Italia. Magari chi e’ qui da meno tempo lo sa meglio 🙂

Annunci