La mamma che volevo

Era la sorella maggiore di mio padre ed e’ andata via in una notte di agosto, in fretta, ed in fretta e’ stata portata via. Vivere dall’altra parte del mondo e’ frustrante. Sai che non potrai prendere un aereo, sai che le comunicazioni saranno complicate, sai che dovrai aspettare ore, forse giorni, per dire ai tuoi cugini che sei affranta. Mia zia era la mamma che avrei voluto quando ero adolescente e litigavo con la mia. Viveva lontano da noi che eravamo a Roma ma c’era sempre. C’era anche quando erano loro a vivere in America. Uno dei più bei … Continua a leggere La mamma che volevo

What’s your name again? Come hai detto che ti chiami?

Avere un nome impronunciabile e’ una condanna qui negli Stati Uniti. Premesso che anche la mia amica Rita ha avuto problemi, voi capite bene che un nome di 7 lettere di cui ogni singola vocale e’ pronunciata in modo diverso in America fa una differenza enorme. Se mi va bene sono Tatiana. Ma per la maggior parte delle persone sono Tasiani. Ma la domanda e’ sempre What’s your name, again? Come hai detto che ti chiami? C’e’ qualcuno, davvero apprezzatissimo, che mi chiama Ti esattamente come in Italia, qualcuno Lady T, qualcuno mi chiama direttamente per cognome che e’ facile … Continua a leggere What’s your name again? Come hai detto che ti chiami?