Sculpture of love and anguish: Holocaust Memorial Miami

Nel cuore di Miami Beach, in quell’area nota al mondo solo per spiagge, divertimento e locali, dal 1990 sorge un monumento all’olocausto: e’ l’Holocaust Memorial.

A Miami Beach risiede la piu’ alta concentrazione di ebrei sopravvissuti alla Shoah di tutti gli Stati Uniti, in un numero compreso tra 20 e 25mila. Grazie al loro contributo si e’ decisa, non senza polemiche e prevalentemente grazie alla attiva testimonianza di decine di superstiti giunti da tutto il South Florida, la costruzione di un memoriale che ricordasse i sei milioni di vittime ebree dell’olocausto, piu’ altri 11 milioni sterminati perche’ zingari, omosessuali, socialisti, malati incurabili, persone con handicap, testimoni di Geova.

L’Holocaust Memorial viene approvato in pochi giorni e trova le sue fondamenta in 1933-1945 Meridian Avenue.

La principale scultura del Memoriale richiama l’amore e l’angoscia e si chiama Sculpture of Love and Anguish. Opera di Kenneth Treister, rappresenta una mano che si eleva verso il cielo in cerca di aiuto, e sul braccio sono drammaticamente aggrappate 100 figure umane in cerca di salvezza. Sull’avambraccio e’ impresso il numero di identificazione.

553336_136988_889f9914fb_p

E’ senza dubbio un luogo carico di emotivita’. Difficile scindere la pieta’ dall’orrore, difficile guardare a quei visi senza provare angoscia. Abbiamo visitato l’Holocaust Memorial di Miami Beach nel giorno della memoria, 27 gennaio. Abbiamo deciso di portare anche laPicci, a cui abbiamo spiegato in parole molto semplici quello che e’ successo e quello che non deve ripetersi. Sicuramente a 6 anni non si ha la sovrastruttura per capire tutto quello che c’e’ stato dietro, ne’ ha compreso profondamente, ma ha capito, e a distanza di molti mesi ancora ricorda quello che e’ un tragico capitolo della storia mondiale.

Questo luogo carico di tristezza e’ pero’ molto, molto bello. Ha una grazia che non ho trovato in altri monumenti funebri. L’acqua, le piante, la vita, proiettano il memoriale all’olocausto nel futuro.

miami-beach-holocaust-memorial-2
via Enjoy Miami Beach

Le polemiche intorno alla sua costruzione vertevano infatti proprio intorno al tipo di architettura. Non si voleva erigere un monumento funebre in un luogo turistico, ma allo stesso tempo non si voleva farne un luogo puramente religioso. La Shoah resta una ferita aperta nell’animo degli Europei, ed e’ spesso qualcosa di angosciante e totalmente privo di spiegazione per il resto del mondo.

Garden of Meditation

Il Garden of Meditation circonda il Memoriale. I corridoi che lo percorrono hanno nomi profondi, come The Lonely Path, o The Dome of Contemplation. Troppo vicina e troppo grave la storia per potersene distaccare con qualcosa di piu’ leggero. D’altronde questa e’ una accusa spesso rivolta agli ebrei. Ma c’e’ un altro sentimento possibile?

Ai lati del memoriale, un pannello di granito nero e roccia chiamata Jerusalem stone si riflette nell’acqua. Riporta i nomi delle vitime, intere famiglie sterminate. Altri pannelli descrivono invece eventi ed esperienze di quel periodo.

img_8259
via Art of Miami

Sulle pareti, foto e didascalie che spiegano senza mezze misure cosa accadeva.

Elie Weisel, premio Nobel che inauguro’ l’Holocaust Memorial nel 1990, dichiaro’:

One day, a man or a woman will enter this sanctuary of remembrance and wonder: Was it all true? Were the killers really that cruel? And the victims that helpless? That lonely? That abandoned?

Eppure, i negazionisti esistono. E mano a mano che i testimoni di quell’orrore lasciano la vita terrena, aumenta il margine di dubbio.

27 gennaio, giorno della memoria

Il giorno della Memoria, 27 gennaio, e’ stato istituito proprio per non dimenticare. E’ l’International Holocaust Remembrance Day. E’ il giorno in cui l’armata rossa entra nel campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau e libera gli ultimi prigionieri rimasti in vita.

Se avete bambini dai 7 anni in poi, credo sia il momento giusto per andare. Le cose possono essere spiegate senza diventare fonte di ansia purche’ noi stessi ne abbiamo compreso il significato. Per quelli che vogliano introdurre ai loro figli questa difficile parte della storia dell’umanita’, qui un link in italiano a Focus. A mio parere, i libri sulle testimonianze vengono dopo: la lettura del Diario di Anna Frank e’ stato per me illuminante, ma ero gia’ un’adolescente e non l’ho mai piu’ dimenticato.

Holocaust Memorial of the Greater Miami Jewish Federation, 1933-1945 Meridian Ave, Miami Beach, FL 33139

Sempre aperto, ingresso gratuito, donazione libera.

Alle spalle dell’olocausto, sempre ad ingresso gratuito, il bellissimo giardino botanico Miami Beach Botanical Garden che vi aiutera’ a decomprimere le emozioni.

8 pensieri su “Sculpture of love and anguish: Holocaust Memorial Miami

  1. Io a 10 anni ho letto Olocausto tralasciando le parti più truci, ma sono sempre stata avanti con le letture (e indietro con altro, vabbe’), le scuole hanno un ruolo fondamentale e spero che non smetta mai di parlarne, io esco con un post domani, purtroppo però a me capita di sentire frasi tipo “eh basta con sta giornata della memoria”, a breve anche gli ultimi sopravvissuti dai campi di sterminio non ci saranno più, è quindi fondamentale che opere come quella che ci mostri, che in effetti un po’ di impressione la fa, e/o i libri rimangano a testimonianza, non dimentichiamo che esiste pure una fetta di negazionisti.
    Per cui grazie per questo post, un abbraccio.

    Piace a 1 persona

  2. Ieri anche in classe di mio figlio, che fa la quarta elementare, hanno affrontato il tema dell’Olocausto. E’ tornato da scuola con tante domande e la richiesta di visitare Auschwitz. In realtà già dallo scorso anno aveva iniziato a farmi domande sull’argomento (non ricordo nemmeno più come mai) e comunque, otto anni è l’età giusta per iniziare a parlare della Shoah, scegliendo il percorso più adatto alla sensibilità dei propri figli.
    Il monumento che ci mostri mi sembra bellissimo. E’ vero, è carico di angoscia, ma secondo me non si può affrontare il tema dell’Olocausto diversamente. Per far perdurare il ricordo, ed evitare il ripetersi di certi crimini, è necessario guardare in faccia l’orrore e vergognarsi, anche se “materialmente” innocenti.

    Piace a 1 persona

  3. Questo monumento è davvero toccante. Per me più passano gli anni, più è importante impegnarsi a ricordare e a trasmettere questa consapevolezza ai nostri figli. Anch’io ricordo di aver letto il diario di Anne Frank da piccola e quest’anno ho visitato la sua casa nascondiglio e si sono risvegliate un sacco di emozioni.

    Piace a 1 persona

Rispondi a ero Lucy Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.