Questo blog nasce il 27 aprile 2011 per parlare di una trasformazione in divenire. A quell’epoca ero una psicologa scolastica (e avevo un noiosissimo blog, ora inglobato in questo che ora e’ diventato un altro), vivevo a Roma ma il mio compagno, conosciuto tre anni prima ad un matrimonio, viveva da due negli Stati Uniti, a Miami. La nostra era una storia a distanza fatta di attesa e grande fiducia nel futuro. Il nome che scelsi fu ero Lucy Van Pelt, perche’ sapevo che prima o poi, per raggiungere My, la mia professione avrebbe avuto un termine; quello che non sapevo e’ cosa sarei diventata. Ora che un po’ di certezze le ho, ogni link di questo vecchio blog e’ stato riaggiornato. Ma la storia di Lucy, My e Picci ha piu’ senso che rimanga qui.

ero Lucy

La mia e’ la storia di una expat per amore. Il trasferimento negli Stati Uniti era nella mente ma non nei programmi, e non lo era stato fino a quell’ultimo ritorno. Quel giorno, il 9 settembre 2011, abbiamo deciso di mettere la parola fine ai chilometri che ci separavano e di concretizzare il mio trasferimento. Per My, ultraquarantenne, le occasioni di lavoro in Italia sarebbero state nulle, ma la prospettiva di trasferirmi non mi spaventava affatto. Vivevo a Roma da sola. Mia sorella, i suoi due figli e mia mamma sono tuttora in Piemonte, e il mio era un lavoro precario. Ero una delle millemila partite iva con tanti costi e zero guadagni, soprattutto a scuole chiuse, ed un mutuo pesante sulle spalle. Un mutuo che la mia condizione lavorativa non avrebbe potuto interrompere in caso di crisi, per una casa bella e mossa ma in una zona non per tutti appetibile.

Il mio trasferimento si realizza in due mesi:

Stato delle cose (21 settembre 2011)

Prospettive nere (12 ottobre)

Proposta di acquisto (17 ottobre)

Domanda di ammissione al College (19 ottobre)

Divorzio (21 ottobre)

Metto in vendita mobili e suppellettili (6 novembre)

Preparazione al trasloco (7 novembre)

Invio dei documenti (11 novembre)

Vendita della casa (16 novembre)

Ricevimento dei documenti – I20 (23 novembre)

Cambio di programma (2 dicembre)

Appuntamento per il Visto F1 (7 dicembre)

Partenza (13 dicembre 2011)

Tre mesi dopo il mio arrivo ricevo la piu’ grande sorpresa dalla mia vita.
Questo e’ il diario della Picci:

Test positivo ma lo sappiamo solo noi. Sono gia’ di 5 settimane (la data non e’ questa ma quel giorno siamo usciti con una persona che e’ stata la prima a saperlo ma che poi ci ha lasciati).

Annuncio urbi et orbi.

Prima visita (4 aprile 2012)

Prima eco, 8 settimane (16 aprile)

Seconda eco, 11+5 (14 maggio)

13 settimane

Pancino al mare (13+3, 27 maggio)

14 settimane

Amniocentesi no, grazie

Primo acquisto

Maschio o femmina?

18 settimane e quarto anniversario (28 giugno)

Picci scalcia! (18+4)

Morfologica 19+5

Primo regalo

20 settimane (12 luglio)

21 settimane (19 luglio)

Papa’ sente Picci (21+5)

23 settimane

Registrazione all’ospedale e quarta eco (23+4, 6 agosto)

24 settimane

25 settimane

26 settimane (22 agosto)

Mamma e Picci tra i banchi

28 settimane (7 settembre)

29 settimane (15 settembre) e super gift!

Quinta eco e patente di mamma! (30 settimane, 25 settembre)

32 settimane (4 ottobre)

Primo babyshower (5 ottobre)

Secondo babyshower (7 ottobre)

34 settimane (19 ottobre)

35 settimane (29 ottobre)

36 settimane (1 novembre)

Prime avvisaglie (6 novembre)

37 settimane (8 novembre)

38 settimane (+2, 16 novembre)

39 settimane (21 novembre)

22 novembre 2012 (39+1), Thanksgiving Day, nasce laPicci, con parto naturale.

Da due a tre

Matrimonio

28 dicembre 2012