Allora, la piccola Picci geca, come potete vedere, e ha cambiato radicalmente alcune abitudini. Gli ultimi giorni sono stati un po’ pesanti, per me.

Bimba ha iniziato a stravolgere tutti i suoi ritmi. Mi sono ritrovata smarrita senza sapere bene cosa fare. Non le andava piu’ il latte, si svegliava quattrocento volte a notte, non faceva il ruttino (di nuovo!), non ci metteva piu’ cinque minuti per addormentarsi ma venticinque, spesso chiudeva la bocca per mangiare, cosa che non aveva mai fatto, il pomeriggio non tirava dalle 4 alle 7 ma alle 5.30 aveva sonno – con mio timore di farla dormire per non guastarle la santa nanna notturna, spesso si e’ svegliata alle 5.
D’altra parte ha quasi 7 mesi e sono arrivati enormi progressi: sta seduta in equilibrio, cerca di chiamarci urlando Aaaaaaaa! ed e’ tutta soddisfatta quando ci giriamo, si volta quando chiamiamo il suo nome, rotolarotolarotola per tutta casa, inizia a mangiare cibo piu’ sostanzioso, in piscina nuota, nel senso che batte i piedi a delfino, e per l’appunto, da ieri, geca.

gecaGuglando guglando casco su un post che mi illumina. Scopro innanzitutto che bimba e’ in pieno scatto di crescita – e mi spiego anche la febbrucola dei giorni scorsi – e che il momento e’ davvero topico. Cosi’ provo a fare un po’ mio il metodo Pick up/Put down, cercando di vincere il mio cuore di burro per farla addormentare da sola nel lettino. Come al solito dipende con che motivazione si affrontano i cambiamenti. Non mi sono mai preoccupata del cosleeping, sapevo che il passaggio dal lettone al lettino sarebbe avvenuto per gradi ma senza dubbi, e cosi’ e’ stato; ero determinata a portare il lettino nell’altra stanza, l’ho fatto e laPicci non ha versato mezza lacrima. Al contrario, sul togliermela dalle braccia ero reticente. Non tanto perche’ me la voglio tenere azzeccata tipo carta moschicida, ma perche’ non avevo un’alternativa convincente.

LaPicci non si e’ mai addormentata sola, non dorme nel car seat (se non dopo 40 minuti di macchina e quando stiamo per rientrare a casa), non dorme nella sdraietta ne’ nel passeggino ne’ sull’altalena, altro che lobotomizzatore. Sicuramente e’ un cane che si morde la coda, abituata alle braccia non dorme in altri posti… ma c’e’ anche che Picci sente tutti i rumori, e la luce le da’ noia, anche se non piange mai ed e’ una bambina tranquillissima e supersocievole. Tutte le alternative tentate di cantarle una ninna nanna, raccontarle una favola, coccolarla nel lettone, metterla nel lettino in attesa che prendesse sonno, non hanno mai funzionato. Funzionava solo cullarla facendo sh sh: cinque minuti, ronf. Ora il mio personalissimo pu/pd pare funzioni, e magari accadrebbe indipendentemente da me, ma cosi’ fatto mi sembra graduale e sono tre giorni che a meta’ mattinata si spara sonnellini di due ore – a volte tre. Mai successo. E vorrei introdurre questo cambiamento in vista del mio ritorno al College.

La nostra routine per il resto prosegue piu’ o meno come sempre, scandita sulle tre ore della pappa. Quello che leggo dalla Hogg e’ che bimba dovrebbe passare alle 4 ore (hmmmm…) e aumentare di molto il quantitativo di latte. Sulle tabelle italiane invece, quasi ovunque, leggo che le pappe di latte sono due piu’ due pasti e due mele grattate di merenda. Oh.

Mi ritrovo come sempre a dover mediare tra cultura di appartenenza e quella acquisita, e stavolta ci va di mezzo lo svezzamento. Come sempre, visto che qui non ho nessuno ne’ si usano le pappe come da noi, chiedo alla rete. Per dire, questa e’ la tabella 6-8 mesi che mi hanno proposto qui:

Come leggete, a pranzo “4 cucchiai di verdura e da 1 a 3 cucchiai di carne“. E invece ciascuna di voi mi ha detto che preparate il brodo, allungate la farina di mais eccetera eccetera.

Bimba ha sei mesi e mezzo. Mangia carote, piselli (adora!), patata dolce, butternut squash, zucchine (adorissima!), sia omogeneizzati che homemade. Ha rifiutato la zucca (prima vomitata, troppo filamentosa) e la patata (troppo asciutta per il suo gusto nonostante fosse invece molto cremosa). L’uovo, gia’ lo sapete. La carne (tacchino, pollo e prosciutto, ancora non ho provato il manzo) ora la mangia, abbiamo trovato una marca che la fa molto frullata a puree e non sente i filamenti, mentre il pollo fatto da me, no. La frutta la mangia tutta, qualsiasi. Banana e mela anche fresche, abbiamo questo cosino qui che le fa ciucciare la frutta intera. Non ama molto le cremine di riso, brown rice o mais ma le mangia (semolino e mais tapioca qui non ci sono). Ad ogni verdurina aggiungo olio e parmigiano parmesan, a volte una delle tre farine, a volte carne – che non mi va di darle tutti i giorni – a volte formaggino – ma qui i Mio non ci sono e metto poco di quello normale che e’ salato. Che altro posso farle? I fagiolini non le sono piaciuti, troppo amari?, e per lo stesso motivo non ho provato gli spinaci. Poi sento Mai piu’ sola e mi dice che suo figlio mangia la qualsiasi, solo che qua la qualsiasi non c’e’.  Pero’ c’e’ macaroni and cheese. Giuro. Omogeneizzati per i bimbi che stanno seduti da soli.
L’altra mattina mentre le preparavo il latte ho pensato: e la ricotta?

Comprata, piaciuta.
A voi sembrero’ assurda, ma per una che cresce una figlia in una cultura differente senza l’aiuto di mamme sorelle amiche zie che ti stanno accanto – non che non ci siano, ma giustamente non e’ che ci si racconti pure quanti peli ha addosso laPicci e certe cose vengono date per scontate, da una parte e dall’altra – non e’ mica cosi’ automatico. E poi qui tra americani e ispanici senti tutte cose diverse. Svezzamento a sei mesi no a quattro. Latte vaccino a un anno no a sette mesi. Yogurt a sette no a un anno. Mango a pezzi a tre mesi, camomilla come se piovesse, una pappa di non so che, manioca?, data da ciucciare con le dita a tre giorni. E poi i cubani mia suocera che ha sempre ragione. Siii mio figlio lo mangiava l’uovo! Do’ l’uovo, bimba vomita, Ma certo che ha vomitato, e’ troppo presto! E anzi che sapevo del miele, se no andava intossicata. E a sentire la gente qua hanno dato il vino ai neonati di tre mesi. Giuro. Ma voi che ne sapete, voi state in Italia.

A me la pediatra dice i Plasmon no, pensando siano biscotti pieni di zucchero; l’oatmeal si’, ma se glielo do’ bimba sta sveglia tre giorni; latticini no, uovo si’, mentre voi mi dite di no (ma qui sotto leggo che va bene dal 7).
Allora ho trovato questa tabella e la sto seguendo, e la cosa mi pare funzioni perfettamente per noi.

Svezzamento Italia America

A questo punto, potete introdurre il formaggio nella stessa quantità della carne: grana, crescenza, ricotta, mozzarella, taleggio, quartirolo,emmenthal, fontina. Evitate però formaggi troppo grassi , fermentati o con conservanti, usare solo formaggi freschi

Grana celo, crescenza no, ricotta celo, mozzarella celo, taleggio, quartirolo, robiola, primosale, no. Fontina celo, emmenthal celo, pero’ solitamente industrialissimi. Abbiamo il queso fresco, che non e’ male, assomiglia al primosale ma un po’ piu’ solido, ma non e’ pastorizzato. La mia domanda e’ questa: ricotta a parte, come gliele do’ quelle cose? Le gratto? Le squaglio? Le frullo con la verdura o le passo al minipimer? Napalm?

Verdura. Qui e’ ‘na tragedia. Spinaci celo, bieta molto rara come anche i finocchi che sono duri, si trovano invece kale e collard green, che mi piacciono tantissimo ma sono amare un po’ come la cicoria, quindi eviterei. Marica, aiutami, ho letto che tu dai a LittleD le yellow squash, ma una volta che hai tolto buccia e semi che parono quelli der melone, ma che resta?? E i broccoli? Perche’ non ci sono scritti, che qui esistono?

Il prosciutto cotto le e’ piaciuto un sacco. Qui bresaola non esiste, peccato. Solo che come si fa a frullare il prosciutto cotto? Ho provato anche col minipimer, niente, resta sempre un po’ a pezzetti. Suggerimenti?

Leggo li sopra, che quello schemino mi sembra vicino ai miei gusti, che al settimo mese si introduce lo yogurt,  stessi tempi anche qui. All’ottavo, come qui, il pesce. Ok, credo iniziero’ a vedere la luce tra poco, odio fare e mangiare sempre le stesse cose. La pastina qui non c’e’ ed e’ solo di importazione: la Mellin mi costa 4$ al pacco + 8$ di spese di spedizione. Voi capite. Che arrivo al punto di dover chiedere a Ilaria di comprarmi due pacchi di pasta e portarmeli quando torna dall’italia.

Insomma, un po’ di confusione in testa. Dopodomani abbiamo i vaccini dei sei mesi (ormai ne ha quasi sette, vabbe’) e potro’ chiedere delle cose alla pediatra con gli occhi belli; il resto chiedo a voi. Avete suggerimenti?

Sull’argomento ho gia’ scritto:

Prime dimenticabili pappe

Svezzamento sucks

Cibo americano. Piu’ o meno

Annunci