Siamo andati a fare la spesa e finalmente abbiamo ricordato di portare con noi il sacchetto di monetine che avevamo raccolto in un anno e picca che siamo in questa casa. Era questo qui, pieno.

Non una cosa enorme, insomma. Qui si usa sempre la carta di credito anche per le spese minuscole da due dollari, quindi e’ davvero raro poter riutilizzare le monete che  ci vengono restituite dalle rare spese cash. Di solito tengo da parte solo i quarter dollar, i 25c, che usiamo per i parcheggi o alle vending machines del College.
Al supermercato accanto all’ATM per il prelievo c’e’ questa macchina Coinstar. Si seguono le istruzioni sullo schermo e si decide se incassare un buono spendibile immediatamente – con service fee – , se convertire le monetine in una gift card, in credito Paypal o se fare una donazione.

My, che ha il cuore decisamente piu’ grande del mio, ha deciso per una donazione.
Appaiono sullo schermo le strutture a cui poter donare. Non ne ricordo mezza visto che lui ha cliccato subito sulla Croce Rossa.
Abbiamo versato le monetine nel rastrello a sinistra e hanno iniziato a cadere rumorosamente. La macchina le conta in automatico. Vedevo il credito salire. Mi ero fatta l’idea che nel tempo avessimo raccolto una decina di dollari.

$17.40 di donazione, tax deductible.
E’ facile poter fare del bene, in questo paese (se ti chiami My, ovvio).
Annunci