Coconut Grove Arts Festival

Ieri si e’ concluso il cinquantesimo anniversario del Coconut Grove Art Festival. Complice una giornata di ferie di My, siamo andati a fare il nostro primo bagno di folla con la Picci, che a parte spesa o municipio non aveva fatto ancora nulla.
La giornata era fredda e il Festival si svolge vicino al mare, alla marina di Coconut Grove (dove c’e’ anche questo locale che ci era piaciuto tanto). Come e’ facile intuire, ci sono bancarelle di artisti che espongono le loro opere, e si trova un po’ di tutto, dai quadri alle sculture a borse e vestiti artigianali.

 

 

 

Pink Flamingo, uno dei simboli della Florida

Non tutti acconsentivano di poter fotografare le opere. Devo dire che pero’ il cliche’ dell’artista e’ uguale un po’ in tutto il mondo.

Per noi italiani o europei il concetto di arte ha dei confini ben precisi. Negli Stati Uniti, essendo forte l’influenza di tutte le popolazioni che vi hanno abitato nei secoli, ha dei contorni decisamente piu’ sfumati. Per il nostro gusto e’ sicuramente diversa, soprattutto la pittura e soprattutto quella che origina dai Caraibi. Ovviamente c’erano puzzonate molto dozzinali, ma in generale ho visto cose gran belle, molto particolari e con prezzi di tutto rispetto. E vendono, eh.
Tra tutte, ecco le opere che mi sono piu’ piaciute.
Al terzo posto Kimber Fiebiger, che realizza dei personaggi di bronzo fatti a forma di uovo. Ce n’e’ di tutte le dimensioni; i piu’ piccoli, come le uova vere, costavano intorno ai 500$. Per questi qui non ho osato chiedere.


William Kidd e’ un artista che realizza delle sculture che riproducono le succulente, come vedete, ma in ceramica. La foto non rende benissimo la bellezza di queste opere, sono davvero molto belle.
Al primo posto, a mio giudizio, le sculture di Tanya Tree (si’, le sculture mi hanno colpito piu’ di tutto!), ma non sono riuscita a fare foto, queste vengono dal suo sito. Ho trovato le sue opere molto belle e molto femminili.

image

E ancora, Lou Michaels realizza 3D da fotografie originali. Questa la sua Lunchtime atop the Rockefeller Center.

C’erano anche opere affascinanti e cosi’ tanto verosimili da risultare un po’ inquietanti, come queste sculture di Woodrow Nash che riproducono le fattezze umane.

Come detto, le opere avevano prezzi decisamente non alla portata di tutte le tasche, e tutti gli stand erano muniti di pos o addirittura di piani di finanziamento. Per chi invece non voglia strisciare la carta nemmeno per le piccole spese, il bancomat e’ sempre utile.

E come nelle migliori tradizioni, accanto al sacro c’e’ il profano.
Pappa.

Mi ha colpito tanto che ci fosse la fila al banchetto che vendeva i cremini. Giuro. Gelato da passeggio con lo stecco, ricoperto al cioccolato e con praline. Chissa’ se vengono in Italia e trovano i frigo dell’Algida in ogni bar che pensano. Qui, i gelati sono pochissimi, in coppetta e prevalentemente Haagen Dazs. Vabbe’.

No ma noi dovevamo pranzare e ci siamo fermati qui.

Abbiamo preso polpetta di granchio (crab cake), buona,

e alligatore allo stecco. Qui in Florida e’ un piatto tipico. Non lo avevo mai mangiato, ed e’ buonissimo.

Anche se come dice mia sorella, fritta e’ bona pure la suola delle scarpe.

E poi non ho resistito. Non so quanti anni erano che non mangiavo lo zucchero filato, che qui vendono in busta. Enorme. Mmmmmmm che buono!

Insomma, il pomeriggio e’ stato magnifico e rilassante. Picci e’ stata un angioletto, ha dormito e poi si e’ goduta la passeggiata in braccio al papa’, tra gli sguardi ammirati delle altre donne. Non c’e’ niente da fa’, va sempre cosi’.

Il Coconut Grove Art Festival e’ stato bello proprio perche’ era pieno di bimbi e di famiglie.

Che solitamente hanno tre figli e almeno un cane, poi dici perche’ qui vanno tanto i suv.

Macche’ Lebron James. Picci, appena cresci mamma ti compra la maglietta di Wade!

Annunci

37 pensieri su “Coconut Grove Arts Festival

  1. Leggins terrificanti 😉 e poveraccia le si vede la cellulite come fosse nuda! e pensa che stav per commentare che per la media americana c'è qualcuno vestito bene! 😉 (alligatore …brrrr ) Per le sculture: -Non sono uova qualsiasi, è Humpty Dumpty!!! -quella che riproduce la foto “Lunch atop a Skyscraper” secondo me te la ricordi per il video di Jovanotti post che mi porta tanta nostalgia… 🙂 bello!

    Mi piace

  2. Bellissime le sculture di Tanya, per i colori e le forme sinuose, mi piacciono proprio!!Anch'io per un attimo ho sperato che l'alligatore non fosse in senso letterale, ma sono d'accordo sul fatto che fritto è buono tutto! 🙂

    Mi piace

  3. Ma che bello! Il week end scorso han provato a fare qualcosa di simile qui a Jupiter. Io non sono andata, ma da quel che ho sentito probabilemnte c'erano gli artisti che avevano rifiutato al tuo festival ;-)Bellissime le opere, bellissimo My con in braccio Picci…mi sa che noi donne italiane abbiamo una deformazione, pure io ho notato la poveretta con i leggins color carne -.-

    Mi piace

  4. sembra tutto strepitoso. Bellissimo il nome cotton candy, ma se permetti quello greco: (traduco) “i capelli della nonna” è assai + poetico!!!Ti auguro di trascorrere tante altre giornata di questo tipo.un bacio sandra frollini

    Mi piace

  5. Tra le opere della tua classifica io invertirei il secondo posto col primo: bellissime!!Mentre leggevo ho pensato: “ok, ma non si mangia??” …ah, ecco! Non può esistere manifestazione senza bancarelle di cibo. In ogni caso, fritto o non fritto, riuscirei a mangiare l'alligatore solo se me lo spacciassi per pollo….P.s. avete un angioletto di bimba!

    Mi piace

Che ne dici?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.