La trave nell’occhio

foto di Antonio Serra

Cose cosi’ sono inimmaginabili. Non c’e’ altro posto, io credo, che goda di una visione talmente schizofrenica come Cuba. Portata ad esempio da molti come modello di societa’ ideale eppure cosi’ povera e miserabile nella realta’. Negata da tanti, quegli stessi che la citano ad esempio.
Forse questo articolo di Yoani Sanchez puo’ aiutare a capire lo stato delle cose. Parla dei furti dei bidoni della spazzatura. Ne riporto uno stralcio:

Le ruote del contenitore di rifiuti vanno a finire (cioe’ vengono riutilizzate) nel carrello con cui si carica l’acqua nei quartieri dove la distribuzione è precaria. La struttura di plastica segue un percorso più lungo, viene liquefatta e trasformata in pinze per tendere vestiti, imbuti per travasare combustibile o spremiagrumi. Vista la mancanza di un mercato all’ingrosso dove comprare materie prime, qualunque oggetto che si trova nella pubblica strada può essere trasformato in un prodotto da vendere. Non restano tracce, solo alcune scaglie di colore grigio che nella spazzola per lavare ricordano il contenitore di spazzatura situato all’angolo della strada.

Annunci

0 pensieri su “La trave nell’occhio

  1. Negare la miseria di Cuba? Permettimi di dire che, più che trave nell'occhio, è ignoranza :)Non c'è dubbio che eserciti un fascino particolare per la posizione, la natura e la storia degli ultimi 70 anni (per esempio io ci vorrei tanto andare, prima che le cose cambino, perché cambieranno a breve) ma non ammettere che la vita degli isolani è drammatica vuol dire non voler guardare in faccia alla realtà.

    Mi piace

  2. Hm. Mi sa che dovevo specificare meglio che secondo me non dipende dall'embargo, l'ho dato per scontato visto che ne ho parlato tante altre volte. Io lo spero, che cambieranno, ma credo che proprio vicino vicino non e'. Qualche anno, ancora.

    Mi piace

  3. Non mi riferivo all'embargo in verità, ma all'isolamento generale dall'economia di mercato.Le riforme varate l'anno scorso potrebbero portare qualche cambiamento, anche se non credo sarà radicale…ma staremo a vedere.

    Mi piace

Che ne dici?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.