Matrimoni gay

Da quando si e’ ricominciato a parlare di matrimoni omosessuali ho sempre avuto un certo punto di vista, che avevo gia’ espresso qui. Ero convinta che le unioni di fatto andassero salvaguardate tutte, omo ed etero, e anzi che forse solo passando per una battaglia etero ci sarebbe stata qualche speranza anche per gli omo, perche’ se l’Italia pensa che le donne non hanno diritto ne’ ad una diagnosi preimpianto ne’ alla fecondazione assistita figuriamoci cosa puo’ pensare di due gay che vivono legalmente insieme.

Poi un po’ di commenti letti soprattutto su Il Fatto mi fanno sorgere un dubbio. Effettivamente gli etero gia’ hanno un’alternativa al matrimonio cattolico, che e’ il matrimonio civile, e se proprio si e’ allergici alle cerimonie si puo’ andare in comune e sposarsi in sordina esattamente come si farebbe davanti ad un funzionario per il registro delle unioni civili. Verissimo. Ma allora perche’ e’ cosi’ importante arrivare ad un registro delle unioni civili?

E’ vero che il matrimonio civile ci vogliono anni per scioglierlo. Verissimo. Piuttosto lottiamo per far abbreviare i tempi dei divorzi, tema fermo in discussione alla Camera da quanto? Un anno gia’? E non mi dite che i divorzi costano, perche’ il punto non puo’ essere quello. Se non mi sposo perche’ penso che poi divorziare costa un mucchio vuol dire che sto gia’ sulla via della separazione.
Poi arriva un Pisapia e a Milano istituisce il registro, come gia’ in ottanta comuni. Ottanta?? Dal 1993?? E cosa e’ cambiato, ad oggi?

E il valore è soprattutto simbolico, visto che le unioni «registrate» permetteranno l’accesso soltanto ai servizi forniti dal Comune. Esclusi quindi la possibilità di ereditare o la pensione di reversibilità, benefici garantiti alle coppie sposate che dipendono dalle leggi dello Stato. «Il registro milanese è solo un provvedimento di carattere amministrativo», ha precisato Pisapia. «Escludo che questa delibera apra alla possibilità di matrimoni gay. Per avere i matrimoni gay servirebbe una legge del Parlamento». su Vanity Fair

La battaglia non è finita. Per essere tale, infatti, la dignità e l’uguaglianza devono essere piene. Non basta il riconoscimento comunale, occorre quello civile. Non basta l’attribuzione di diritti amministrativi, occorre il riconoscimento del pieno status e del legame di coppia sotto il profilo civilistico, del fatto che le coppie omosessuali e quelle eterosessuali non sposate sono famiglie come le altre e non hanno niente ha da invidiare alla – sin troppo scimmiottata – famiglia cosiddetta “tradizionale”, che poi è quella tipica cattolica di papà-mamma-figli, meglio se mono-religione e, per alcuni sedicentidefensores fidei, monocolore. Matteo Wickler, Il Fatto Quotidiano

Una volta un’amica mi chiese: ma tu non pensi che i figli adottati da gay diventeranno gay a loro volta?

E le risposi: e allora come ti spieghi i figli di etero che sono gay?
Io non voglio parlare di adozione pero’. Nonostante un sacco di gente sia ancora convinta che due padri o due madri non possano essere dei bravi genitori, credo che la battaglia di civilta’ debba essere fatta a prescindere dalla possibilita’ di avere dei figli. Perche’ come al solito, la mia amica lesbica, che pero’ dice a tutti di essere etero, un figlio l’ha avuto lo stesso con la complicita’ di un amico. Mica ci vuole tanto insomma. Certo c’e’ chi e’ dovuto espatriare e pagare, perche’ per un uomo mica e’ lo stesso. Pero’ per me resta il fatto che due persone che non sono sposate non possano assistersi in ospedale, o ricevere una pensione di reversibilita’, o un’eredita’, o essere in graduatoria per le case popolari. Per dire. Oltre al fatto che magari vogliono camminare a testa alta tenendo per mano il loro partner esattamente come faccio io.

Pero’ forse quella considerazione li’, “gli etero hanno altre strade gia’ previste” davvero e’ un’affermazione che ha senso e non un modo per chiudere un discorso. Forse davvero spingere in un’unica direzione farebbe si’ che i gay possano avere i loro sacrosanti diritti, che siano solo loro e non condivisi con noi etero. Forse davvero sarebbe il caso di parlare solo di matrimoni gay. Pisapia ha fatto una gran cosa, si’, ma agli effetti pratici non cambiera’ davvero molto, anche se Milano non e’ Empoli, e infatti Alemanno si e’ gia’ smarcato, ma vent’anni sono tanti, proprio tanti, e non e’ cambiato davvero nulla. Tra l’altro non mi ricordo dove leggevo che dopo averlo istituito il registro di una data citta’, forse Firenze?, non se l’era filato nessuno.
In attesa del nostro Hollande, ma la strada e’ davvero ancora lunga visto che la sinistra e’ estinta dal 1989, voglio dire ai miei lettori omo che ho cambiato idea e sono completamente e unicamente dalla loro parte. Ecco. Meglio tardi che mai, no?

p.s. ero sicura che la California fosse uno degli Stati dove il matrimonio gay e’ consentito, e invece no. Ma secondo voi perche’ il mondo e’ cosi’ contrario alle unioni omosessuali?

Annunci

0 pensieri su “Matrimoni gay

  1. Premesso che la penso come te e che avrei un sacco da scrivere ma adesso non ne ho il tempo (magari ripasso più avanti), ti lascio solo un piccolo chiarimento sulla California. Dopo essere stato il secondo Stato a permettere i matrimoni gay, la California li ha aboliti con un referendum nel 2008 (vedi qui:http://en.wikipedia.org/wiki/Same-sex_marriage_in_California).Lo scandalo è stato enorme qui a SF, come puoi immaginare, ma il fatto è che la California è nettamente divisa fra zone molto progressiste, come San Francisco e Los Angeles, e zone profondamente repubblicane (quasi tutta la parte interna dello Stato). Queste ultime in molti casi riescono a ottenere la maggioranza, come è successo per la Proposition 8 che ha abolito il same-sex marriage.

    Mi piace

  2. la penso come te sui matrimoni gay, in Italia siamo molto indietro se pensi che dopo il registro istituito a Milano che appunto è ben lontano dal creare le cosiddette “coppie di fatto” né tanto meno aprire ai matrimoni gay. eppure scandalo! la curia ha avuto da ridire. ecco come siamo messi. a parte la chiesa credo che la gente sia contraria per ignoranza, perchè quello che non conosciamo ed è diverso da noi fa paura. purtroppo non vedo per ora molte possibilità di apertura almeno in italia dove davvero il potere della chiesa è schiacciante.

    Mi piace

  3. Grazie Frida. In realta' me lo chiedevo perche' ci sono tanti posti nel mondo in cui la chiesa cattolica non e' cosi' potente, vedi gli Usa, ma di fatto i repubblicani o comunque i piu' retrogradi vedono queste unioni come il fumo negli occhi. E dire che teoricamente sarebbero protestanti.

    Mi piace

  4. In Portogallo l'unione civile c'era già dal 2001, mentre i matrimoni gay sono possibili da più di due anni. Votati dalla maggioranza di sinistra del Parlamento con leader socialista (ora dimessosi), Socrates, il quale in quell'occasione affermò: “Sono contento di fare semplicemente ciò che un umanista dovrebbe fare, ossia combattere le ingiustizie verso gli altri come fossero rivolte contro di noi, le norme legali che impediscono l'uguaglianza come se riguardassero noi stessi”. Io queste parole da un leader di maggioranza le sento dire raramente.

    Mi piace

  5. Ma io sarei ancora più drastica: fosse per me estenderei il diritto al matrimonio civile a gay e lesbiche (quello religioso e' evidente che non può esserlo) e basta. Che a me onestamente questo fatto di fare dei patti che ti danno gli stessi diritti del matrimonio ma non si chiamano matrimonio lascia parecchio perplessa.Poi vado ot, ma la cosa che trovo veramente scandalosa in Italia e' che l'annullamento religioso abbia effetti civili.

    Mi piace

  6. Anch'io avrei tanto da scrivere: si tratta di un argomento che mi è caro, e sul quale ho fatto ricerca negli ultimi anni. CherryBlossom secondo me centra un punto fondamentale: riconoscere i diritti del matrimonio senza lo status sociale che si accompagna all'istituzione, è palesemente discriminatorio e viola il principio di uguaglianza. Il matrimonio civile dovrebbe essere aperto alle coppie omosessuale e, secondo me, anche l'adozione. Studi scientifici hanno dimostrato che bambini cresciuti da coppie omosessuali non hanno problemi identitari di alcun tipo. “Ma secondo voi perche' il mondo e' cosi' contrario alle unioni omosessuali?” In alcuni casi per motivi morali (penso soprattutto all'Africa, dove, in certi paesi l'omosessualità è punita anche con la pena di morte); in quasi tutti, perché il diverso fa paura, e ci si aggrappa tenacemente ai modelli culturali che ci sono famigliari considerandoli gli unici possibili. In Italia la Corte costituzionale si è pronunciata due volte sul tema nel 2010, in entrambi i casi affermando che spetta al legislatore, se vuole, introdurre il matrimonio omosessuale. Con l'attuale classe dirigente (dirigente?) non vedo possibilità a breve termine, purtroppo.

    Mi piace

  7. Si, per le coppie omosessuali penso che il principio sia quello: si crea un patto valido tra i due partner che pero' non prevede la presenza di figli. Peccato solo che questi figli in tanti casi gia' ci sono e certo non si fa loro un bene in questo modo :-(Purtroppo condivido il tuo pessimismo, ma per me resta l'ipotesi meno ipocrita.

    Mi piace

  8. Completamente d'accordo capisco l'entusiasmo ma un “valore simbolico' mi sembra ancora molto poco quasi un contentino chissà se avremo mai una sinistra capace di portare avanti un programma ben definito in questo senso.

    Mi piace

  9. io continuo a non capire perchè due etero, potendosi sposare civilmente, non si sposano. Che senso ha registrarsi come coppia, in una sorta di mezzo matrimonio? Altro discorso è per i gay, che avrebbero quella strada come unica possibilità, per ufficializzare la loro unione. Ma il registro per gli etero davvero non lo capisco.

    Mi piace

Che ne dici?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.