Falsi amici

Ecco, il giorno della frustrazione e’ arrivato. Classe di grammatica, la prof. si fa prendere un po’ troppo la mano. Prima spiega  il present perfect progressive e scrive alla lavagna

The baby has been eating. (He’s just finished)

The baby has been eating his food for 20 minutes.

Sottolinea che entrambe le azioni hanno inizio nel passato e influenzano il presente. Nella mia testa si riapre il dubbio della correttezza di

I have been living here since last december

rispetto a

I am living here since last december

Leggo le sue frasi e non capisco in che modo la prima influenzi il presente, mentre mi e’ facile capirlo per I have been living, quando lei chiede: “Nella vostra lingua di appartenenza e’ lo stesso?” Rispondo: “Non proprio, in italiano usiamo la prima forma per indicare un evento che si e’ concluso”. Mi guarda stranita e mi chiede: “Don’t you say Sono stato mangiato?” Sorrido ma non capisco bene la sua domanda, e non faccio in tempo a rispondere che il lecchino della classe le ha gia’ chiesto se lei parla anche l’italiano, e se parla lo spagnolo, e se capisce quello che gli studenti le chiedono… Vabbe’. Resto con il dubbio, mi sembra ben poca cosa, si tratta solo di non tradurre letteralmente, tutto qua. Pero’ poi spiega il past perfect e il past perfect progressive. Passo mezz’ora arrancando dietro agli esempi che fa non capendoci assolutamente nulla, tanto che ora non sono nemmeno piu’ sicura di saper dire Hi. Diciamo che perdere due lezioni a spiegarci l’uso di When e While, che in effetti non si usano proprio alternativamente come in italiano, e poi spiegare tre tempi verbali in un’ora non e’ stata proprio un’idea geniale. E questo fa il paio con la C che ho preso ieri alla verifica di laboratorio, e ancora brucia perche’ prestando attenzione alle cose piu’ complesse del capitolo sulle categorizzazioni ho fatto errori idioti, ho addirittura sbagliato la concordanza tra sostantivi plurali e verbo avere, manco in seconda elementare.

Esco dalla lezione pensando a quelli che si chiamano falsi amici, parole che assomigliano a quelle della tua lingua ma che hanno un altro significato, quando lo sguardo mi cade su una pubblicita’

Estamos cerca de Usted

Ecco. Ti stiamo vicino, non Siamo in cerca di te.
Ce la posso fare.

Annunci

0 pensieri su “Falsi amici

  1. E' vero, i falsi amici sono il peggio del peggio! Per esempio: io ormai se mi chiamano per un Lavoro dico che vado a fare un'intervista! E, ancora peggio, mi capita di dire che una cosa fa senso (makes sense), volendo dire in realta' che e' sensata. Aiuto!

    Mi piace

  2. la cosa piu' intelligente che riesco a dire e'… una mia amica lavora da JCPenney! lolMa anche io in italiano come in inglese utilizzo tre tempi, il passato piu' semplice che riesco ad usare, il presente ed il futuro, non chiedetemi altro.

    Mi piace

  3. Ma certo che ce la puoi fare! Se ce la fanno i miei studenti a imparare l'italiano… è anche vero che (senza nulla togliere al fatto che l'italiano è una lingua orribilmente difficile e che io ogni volta mi inchino in segno di rispetto davanti a questi americani che perseverano nello studio e addirittura riescono a *impararla*)l'inglese, se lo guardi bene, non è poi così facile come sembra. E mi raccomando, ricordati sempre che la frutta è biologica, non organica! 😉

    Mi piace

  4. 😀 grazie a tutti! Comunque la giornata e' continuata storta: altri due test online, due B. Mi ero abituata bene finora… evidentemente ho vissuto di rendita con quel che gia' sapevo, ora il gioco comincia a farsi duro.Si', sono una secchiona e B non mi basta 😀

    Mi piace

  5. Eh sì, imparare le lingue è sempre impegnativo, spesso frustrante: ti sembra di aver capito qualcosa e subito arriva l'eccezione che crea confusione nelle tue poche certezze (alla faccia di chi dice che “tanto l'inglese è facile”) Ma non abbatterti, vedrai che fra un po' tutti i tasselli si sistemeranno al posto giusto, bisogna solo armarsi di tanta pazienza!

    Mi piace

  6. Ma non si dice piu comunemente 'I have lived here since..'? Magari e' sbagliato grammaticalmente, ma l'ho sentito dire di piu' che 'I have been + ing' (che forse viene usata solo per enfatizzare la durata del tempo, tipo 'I've been waiting since this morning, and still no news'…heheh anch'io chiamo i biberon bottiglie, e vogliamo parlare della pompa del latte, che sembra pure una cosa un po' ambigua?!:)Tieni duro, che vedrai che anche se non ti sembra di fare progressi, stai assimilando un sacco di nozioni e poi ti tornera' tutto utile!

    Mi piace

Che ne dici?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.