ero Lucy

Esercizi virtuosi

Gli esercizi per lo sviluppo delle virtu’ sono semplici, alla portata di tutti e sotto il controllo volontario. Qualcuno potra’ pensare che sono stupidi, ma cosi non e’. La loro forza sta proprio nella semplicita’, e il prodotto sara’ una maggiore fiducia in se stessi a partire dalle piccole cose del quotidiano. Moltissime pratiche possono essere portate avanti anche dai bambini, che amano le novita’ – e se non le amano, possono essere aiutati ad aprirsi al nuovo.
Ecco qualche esempio sempre dal mio libro di testo. Molte aree si sovrappongono, ma soprattutto basteranno volonta’ e creativita’.
1) Curiosita’ e interesse per il mondo:
– fare domande alle persone.
– scoprire nuovi posti.
– curiosare tra gli scaffali di una biblioteca, prendere un libro interessante e sfogliarlo per venti minuti.
– assaggiare qualcosa che non si e’ mai mangiato.
– andare ad una conferenza.
2) Amore per l’apprendimento:
– scoprire ogni giorno un posto nuovo.
– leggere un quotidiano (il libro aggiunge “diverso dal solito”, fate vobis).
– fare una domanda ad una persona che si ammira.
– andare su ask.com, cercare una domanda per la quale non si ha una spiegazione e navigare tra siti nuovi.
– leggere un libro intrigante ma che non si e’ mai avuto il tempo di leggere.
3) Giudizio, pensiero critico e apertura mentale:
– andare ad un evento multiculturale.
– assumere la prospettiva dell’avvocato del diavolo o comunque opposta al proprio tradizionale modo di pensare.
– portare a pranzo fuori una persona molto diversa da se’.
– andare in una chiesa o ad una riunione politica di credo diverso dal proprio.
– ogni giorno provare a mettere in discussione una opinione in cui si crede fermamente.
4) Creativita’, ingenuita’ e originalita’:
– tenere un diario, scrivere un romanzo, dipingere o fotografare.
– sottoporre un proprio pezzo ad una rivista letteraria o ad un giornale.
– abbellire una stanza o la propria postazione di lavoro.
– cambiare destinazione d’uso di un oggetto di casa.
– imparare una nuova parola ogni giorno e usarla in modo creativo.
5) Intelligenza emotiva/sociale:
– conoscere qualcuno ogni giorno presentandosi per primo.
– frequentare un posto dove solitamente ci si sente a disagio e provare a vincere la sensazione sgradevole.
– ogni volta che si parla con qualcuno, provare ad immaginare quali possano essere le sue ragioni o le sue preoccupazioni.
– avvicinare qualcuno che e’ solo ed introdurlo nella propria cerchia di amici o di lavoro.
6) Prospettiva (saggezza):
– cercare online una frase o un proverbio ogni giorno.
– dare un consiglio ad un amico che ne ha bisogno.
– provare a comportarsi come la persona piu’ saggia che si conosca.
– prendere ispirazione da un personaggio storico, la sua vita o le sue opere, o le sue frasi famose.
image
7) Valore e audacia:
– prendere la parola in un gruppo, o proporsi per parlare pubblicamente (se non lo si fa normalmente).
– cercare di vincere la pressione sociale o quella dei coetanei.
– sostenere qualcuno anche se non si e’ d’accordo con il suo punto di vista.
– chiedere a qualcuno di trascorrere del tempo insieme.
– presentarsi ad uno sconosciuto.
– proporre una idea anche se impopolare.
8) Perseveranza, industriosita’ e scrupolosita’:
– terminare un lavoro prima della scadenza.
– annotare i propri pensieri durante un impegno e metterli da parte: concentrarsi su una cosa alla volta.
– al lavoro, resistere ai sogni ad occhi aperti e alle distrazioni.
– pianificare, prendere un calendario o agenda per scrivere appuntamenti e scadenze.
– fissarsi un obiettivo impegnativo e lavorare per raggiungerlo.
– al risveglio, fare un elenco di cose che si dovrebbero fare nella giornata e di quelle che e’ possibile rimandare al giorno dopo; ma eseguire tutte quelle del giorno corrente.
9) Onesta’, autenticita’ e genuinita’:
– trattenersi dal raccontare piccole bugie bianche agli amici, compresi i falsi complimenti. Se lo si fa, ammetterlo e scusarsi.
– osservarsi e fare una lista di tutte le volte che si racconta una bugia. Cercare di accorciare la lista giorno per giorno.
– al termine di ogni giornata, ricordare quello che si e’ fatto per cercare di impressionare positivamente qualcuno o per fare bella mostra di se’, e ripromettersi di non ripeterlo.
image
10) Zest, entusiasmo ed energia:
– trovare un nuovo modo di agire per essere piu’ coinvolto in una organizzazione di cui si fa parte.
– mostrare interesse per il lavoro di qualcun altro e proporsi per aiutarlo in un progetto.
– mentre di mangia o beve, concentrarsi sul gusto e le sensazioni provando ad apprezzare davvero ogni singolo aspetto del pasto.
– dormire un numero adeguato di ore e fare una buona colazione.
– iniziare la giornata con qualcosa di vigoroso (jogging, flessioni, etc.). Annotare mentalmente come ci si sente un minuto dopo, e un’ora dopo.
11) Gentilezza e generosita’:
– lasciare una grande mancia per un piccolo servizio.
– fare quotidianamente un qualsiasi atto di gentilezza (un gesto piccolo e semplice) e cercare di farlo anonimamente.
– chiedere ad un amico come sia stata la sua giornata ed ascoltarlo attentamente prima di parlare della propria.
– mandare una e-card o un piccolo pensiero virtuale ad un amico diverso ogni giorno.
– pagare il conto per tutti quando si esce con gli amici.
12) Capacita’ di amare ed essere amati:
– dire ti amo o ti voglio bene al proprio marito o ai familiari.
– invia una e-card ad una persona importante dicendogli che si stava pensando a lui/lei.
– dare un bacio o un abbraccio a chi si ama.
– mostrare entusiasmo quando un amico raggiunge un risultato.
– scrivere un bigliettino che la persona a cui si vuole bene trovera’ durante il giorno
(a mio parere mancano esercizi per imparare a ricevere amore. Ne metto uno io:
– quando si riceve un regalo, mostrare gratitudine e apprezzamento)
image
13) Cittadinanza e lavoro di gruppo:
– fare volontariato a scuola.
– proporsi per un incarico di responsabilita’ in una organizzazione di cui si fa gia’ parte.
– raccogliere le cartacce che si trovano lungo il cammino o nel proprio vicinato.
– organizzare una cena tra vicini.
– creare un gruppo di volontari nel quartiere.
14) Imparzialita’, giustizia ed equita’:
– permettere a qualcuno di esprimere le proprie opinioni trattenendosi dal giudicare o replicare.
– restare imparziale e mediare in una discussione tra amici nonostante le proprie opinioni.
– prendere nota di quando si tratta qualcuno sulla base di uno stereotipo o preconcetto, e ripromettersi di non farlo di nuovo.
15) Leadership:
– organizza qualcosa di speciale per gli amici.
– organizza un gruppo di lavoro, di studio o di volontariato.
image
16) Modestia:
– non parlare di se’ per un giorno intero.
– vestire e comportarsi con morigeratezza in modo da non attirare l’attenzione su di se’.
– trovare qualcuno che per qualche verso e’ migliore di se stessi e complimentarsi con lui/lei.
17) Autocontrollo:
– lavorare in un limitato periodo di tempo in luogo calmo e tranquillo.
– fare sport quattro volte a settimana.
– pulire o organizzare la propria postazione di lavoro, e mantenerla in ordine alla fine della giornata.
– lasciare qualcosa di non consumato nel piatto che di solito ci si pente di aver mangiato.
– se qualcosa turba la serenita’, tentare di bloccarla provando a focalizzarsi invece sulle cose positive della giornata o della settimana.
– ripromettersi di non fare pettegolezzi, e fermarsi quando ci si rende conto che lo si sta facendo.
18) Cautela, prudenza e discrezione:
– Durante una conversazione, riflettere bene prima di parlare e soppesare il possibile effetto delle proprie parole.
– prima di fare un passo importante, rifletterci e considerare la propria vita all’interno cio’ che conseguira’ a quel passo.
image
19) Perdono e grazia:
– pensare a qualcuno che e’ stato difficile perdonare e guardare la situazione dalla sua prospettiva.
– cercare attivamente di perdonare gli altri.
– se qualcuno fa qualcosa che si considera incomprensibile, prova ad immaginare il suo punto di vista.
20) Apprezzare la bellezza e l’eccellenza:
– in un museo, scegliere un’opera di grande valore estetico che colpisce per la sua bellezza.
– scrivere i propri pensieri su quell’opera d’arte o su qualcosa di meravviglioso che si e’ osservato.
– durante una passeggiata con un amico, parlare delle cose belle che si vedono.
– tenere un diario e ogni giorno scrivere qualcosa che ha colpito per la sua bellezza o capacita’.
21) Gratitudine:
– tenere un diario e ogni notte scrivere tre cose per cui si e’ stati grati nella vita.
– ogni giorno ringraziare qualcuno per qualcosa che invece si darebbe per scontata.
– fare l’elenco di quante volte al giorno si dice Grazie. Provare a raddoppiarle in una settimana.
– inviare a qualcuno una cartolina di ringraziamento.
22) Speranza, ottimismo, e fiducia nel futuro:
– tenere un diario e scrivere un proposito a lungo termine che avra’ impatto sulla propria vita.
– in una situazione avversa, provare a vederne il lato positivo (c’e’ sempre!).
– prendere nota dei propri pensieri negativi e trasformarli in positivi.
– ricordare a se stessi che si puo’ ottenere quello che si vuole e che lo si raggiungera’.
23) Spiritualita’, fede e senso della vita:
– ogni giorno per qualche minuto, rilassarsi, pensare al proprio obiettivo e a come ci si sta dentro.
– sperimentare religioni differenti, anche solo studiando un libro, chiedendo agli amici o leggendo su internet.
– dedicare qualche minuto ogni giorno alla mindfulness o alla preghiera.
– comprare un libro di frasi positive e leggerne qualcuna ogni giorno.
24) Umorismo e giocosita’:
– far ridere qualcuno ogni giorno.
– imparare una barzelletta e raccontarla agli amici.
– guardare un fim o una trasmissione divertente.
– leggere fumetti.
– imparare un gioco di prestigio e mostrarlo a dei bambini.
Annunci

33 pensieri riguardo “Esercizi virtuosi”

  1. Comincerò con gli esercizi sull'autocontrollo, ma so già che quello di lasciare il cibo nel piatto non posso farlo, anni di condizionamento sul buttare via il cibo sono impossibili da battere…posso tentare con il mettere meno cibo nel piatto ecco!! 🙂 La cosa che mi ha stupito è che non avevo associato la mancanza di autocontrollo a certi comportamenti che gli esercizi mi chiedono di evitare!

    Mi piace

  2. Beh, con la mindfulness direi che sono a posto, non faccio altro tutto il tempo, quando ne ho le forze :)Per il libricino di preghiere non ce la posso fare. Pero' tra poco vorrei iniziare yoga, vale lo stesso yoga una volta a settimana? Vale anche per le indicazioni di fare sport 4 volte a settimana? :)La scrivania sono mesi che dico di doverla sistemare, poi ho “risolto” imboscando il casino nel cassetto ma molta robaccia resta ancora a vista…dai ci provo, ci provo.

    Mi piace

  3. Tenere un diario…L'ho tenuto per moltissimi anni, dopo la morte di mia mamma nn sono più riuscita a scrivere. Sono passata al blog, è simile?Fa molto riflettere ciò che hai scritto, bisognerebbe stampare il tutto e rileggerlo alemo una volta la settimana

    Mi piace

  4. Niente preghiere, mica siamo tutti religiosi. La meditazione aiuta eccome, e le 4 volte a settimana si', valgono anche per le discipline come lo yoga.Per il resto, tu come Silvia piu' sopra 🙂

    Mi piace

  5. Certo Moky, e' piu' o meno lo stesso. Il fatto che sia pubblico un po' cambia lo scopo, perche' alla fine si scrive per gli altri piu' che per se stessi. Ma se ti rendi conto che dopo aver scritto ti senti meglio e riesci a veicolare le emozioni anche se sublimate (come nella poesia, alla fine!) allora e' perfetto.

    Mi piace

  6. Grazie Lucy, certi suggerimenti fanno stare meglio solo a leggerli…me li dovrei stampare e leggere ogni giorno…mi sa che dovrei fare una seduta personalizzata di questo tipo di consigli in questo periodo! un bacio e grazie per aver pensato a condividere questi esercizi con tutte noi!

    Mi piace

  7. Quanta roba!! Ci vorrebbero giornate da almeno 48 ore e niente bimbi in giro!!! Tante quelle che faccio ( non giornalmente ), ma tantissime quelle che no anche se ne comprendo la validità. Ho trovato il test che m'ero persa quindi ora è meglio che vada a capire su cosa è meglio lavorare per me. Molto interessante…

    Mi piace

  8. Finalmente mi sono presa il tempo di leggere tutto per bene, ora devo evidenziare ciò che già faccio e ciò che proprio non faccio e confrontarlo col risultato del test. Decisamente ci sarà molto da lavorare ma dando un ordine di priorità rispetto a ciò che mi fa stare peggio penso sarà un esercizio fantastico. Grazie!

    Mi piace

Che ne dici?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.