Vitaccia da emigranti

Ricordi fermi

Facciamo conto che sotto casa mia, a Roma, c’era una buca non riparata. Parto per gli Stati Uniti e nel mio ricordo della mia strada restera’ la buca. O una cosa bella, un albero. Se non torno in Italia per molto tempo, quella buca e quell’albero si cristallizzeranno nei miei ricordi di quella strada di Roma.

Succede lo stesso con qualsiasi altro aspetto dell’Italia, per noi che andiamo via, indipendentemente da quanto possiamo tenerci aggiornati con l’informazione online o con chi resta. Pensa come poteva essere per chi si e’ trasferito oltreoceano nel dopoguerra: difficilmente sara’ tornato spesso in vacanza, sicuramente avra’ avuto solo normale corrispondenza, magari con qualche fotografia della famiglia inviata dai parenti. Questo e’ quello di cui parlavo qualche mese fa su fb con un “giovane” italiano emigrato che non capiva perche’ quegli italiani li’ di un tempo ricordassero solo un’Italia che non c’era piu’, fatta per lo piu’ di canzoni melodiche napoletane. E che volete che ricordino? Non hanno conosciuto niente altro dell’Italia, per loro esistono ancora Claudio Villa e la DC.

So che ormai leggere non va piu’ di moda, ma a tal proposito vi consiglio Vita, e’ un libro bellissimo che parla dell’emigrazione italiana in America quando c’era la fame, tanta fame, e tanta miseria, e quasi niente cultura, e niente informazione. Noi siamo emigrati di lusso, indipendentemente da come arriviamo qua.

Io non pretendo di sapere cosa stia succedendo a Roma, perche’ non ci sto, non respiro quell’aria, anche se intuisco che se ci fosse stata la buca sotto casa adesso sarebbe un cratere, e quell’albero sarebbe sicuramente caduto. E per me i Negramaro si sono fermati a Casa 69 cosi’ come l’ultimo libro di Veronesi e’ XY. Eppure potrei facilmente avere i nuovi.

Non ascolto piu’ Radio Deejay e non ho visto Sanremo, ma so perfettamente chi siano ‘sti tre de Il Volo, perche’ qui sono famosissimi. Magari non vi piaceranno, ma ora sapete che e’ proprio vero, e rappresentano esattamente quell’Italia che all’estero vende tanto.

lascia fa'

Detto questo: quanto poteva essere bello questo abito di Alberta Ferretti? A proposito di orgoglio italiano.

Annunci

10 pensieri riguardo “Ricordi fermi”

  1. Quante emozioni contrastanti con questo post. Non vedo l’ora di avere di nuovo del tempo per poget ascoltare una canzone, leggere un libro (che non sia un testo universitario). Cose che non faccio da anni.
    Splendide le frasi sulla recensione del libro, bello il testo della canzone (non l’ho ancora sentita).
    E anche io ricordo Matera com’era anni fa e non so nulla di com’è oggi.

    Mi piace

  2. L’abito della Ferretti non e’ neanche piu’ un abito ma poesia pura! Riguardo ai ricordi fermi di un Italia che non c’e’ piu’ io ho l’esempio di un amico di famiglia, bello come il sole un vero maschio alfa tipo Ligabue per intenderci, che aveva lasciato la sua terra, la romagna, per trasferirsi prima a Londra e poi in seguito in giro per il mondo per seguire il suo business che lo ha portato a trattare con governi africani e non solo. Lui veniva da una famiglia benestante e tornava in Italia regolarmente dove sfoggiava ferrari come piovesse e la sua fidanzata era una modella russa credo. Tutta questa pappardella per dirti che pure lui che usciva dallo stereotipo dell’emigrante povero che si struggeva per il suo paese, be’ pure lui aveva dell’Italia un ricordo patetico, sdolcinato e girava in Ferrari ascoltando la vecchia musica italiana dei tempi che furono e sognava solo di tornare a vivere nella sua romagna e far marmellate con la mamma! Forse la gran differenza la fa davvero internet o skype e il fatto che siamo tutti collegati e ce ne andiamo dall’Italia da adulti con il sogno di una seconda vita e non solo per guadagnare da vivere, comunque se fossimo in Italia magari tante cose le snobberemmo ma poiche’ siamo lontani tutto diventa piu’ idealizzato, desiderato…apparte l’abito che resta un capolavoro comunque!

    Mi piace

  3. quell’abito ha incantato pure me anche perchè in confronto ad Arisa, che dio mi già non è bella ma come cavolo l’hanno vestita?, era ancora più stupenda. VITA è uno dei libri preferiti di mia mamma iper critica. Bacio

    Mi piace

  4. Non avevo considerato la cosa dal punto di vista dei ricordi fermi, sebbene sia assolutamente naturale.
    In questi giorni ho letto frasi così banalmente offensive verso questa vittoria sanremese (come sempre, poi) che mi sono pure arrabbiata. Gli italiani sanno essere originali e pieni di talento, non c’è dubbio, ma non ci vedo niente di terribile in un buon marketing della nostra tradizione ( provando ad eliminare mafia e stereotipi negativi) perché abbiamo bisogno di imparare a “venderci”, abbiamo bisogno di recuperare un sacco di denaro per salvare ciò che di unico e irripetibile abbiamo qui e sta cadendo a pezzi.
    Forse sbaglio tutto ma a me pare che le serate “anni ’60” continuino ad andare alla grande anche in terra italica 🙂

    Mi piace

  5. Di Sanremo poco mi importa, se non che serve a sottolineare solo di quanta bravura e talento c’è ancora in giro, e l’abito della Ferretti e’ la conferma di un paese che ha si buche diventate voragini ma anche grandi talenti noti e meno noti.
    Il ricordo, tenero e poco realistico, degli immigrati di lungo corso, mi commuove e mi fa sempre riflettere su quanto sia difficile lasciare tutto e tutti, idealizzando spesso e tanto quello da cui si è fuggiti, sia fame, povertà o incertezza. Il fatto che per loro tutto sia rimasto fermo e cristallizzato in una dimensione antica, il riportarli alla realtà è cosa difficile e praticamente impossibile. Loro sono quelli che veramente amano l’Italia. Gli unici, forse perché ne sono lontani. Con ricordi fermi, appunto. Brava Lucy, mi fai riflettere sempre!

    Mi piace

Che ne dici?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.