Sono stata a pranzo con dei colleghi, il nostro capo ci aveva invitati per il Natale. Dovrei dire per le festività, visto che lui è indiano.
Accanto a me erano seduti tutti centro/sudamericani: Cuba, Guatemala, Portorico, Uruguay. La portoricana mi mostra delle foto strepitose della sua casa di campagna, una bellezza da togliere il fiato, verde lussureggiante e frutti mai visti. Al centro della casa stile coloniale, un enorme patio con un barbecue e un maialino a cuocere, e una scultura raffigurante Los tres rejes.

via c2.staticflickr.com

Mi spiega che ogni anno nella sua nazione al 6 gennaio si festeggiano i Re Magi, che è una festa molto sentita, e che a casa sua sono attese 60 persone per ballare e mangiare insieme. Tutti gli altri confermano che si tratta di una festività importante nei rispettivi paesi di appartenenza.
Sapendo già come sarebbe andata la conversazione, mi faccio avanti e dico che anche da noi il 6 gennaio i bambini ricevono i regali, ma non dai Re Magi bensi’ dalla Befana.

Provate a spiegare la Befana in un’altra lingua.

Una vecchia signora che vola su una scopa. Una strega, ma buona, che pero’ porta il carbone ai bambini che si sono comportati male.

Mi guardavano con gli occhi fuori dalle orbite.

Una googla incredula e dice E’ vero, si festeggia il 6 gennaio in Italia (ma dai?!).

E perche’ non festeggiate i Re Magi? Eppure siete un paese cattolico.

Eh gia’. Non mi metto a spiegare che siamo un paese laico, mi risulterebbe difficile argomentare che si’, abbiamo il Papa che tutto il mondo segue, e che si’, il Vaticano e’ uno Stato all’interno di una delle nostre regioni, ma che l’Italia e’ una Repubblica democratica laica, la cui religione ufficiale e’ il Cattolicesimo.

Spiego che addirittura qualche anno fa non era nemmeno festivo, esattamente tra il 1978 e l’85 (c’ero), e scopro oggi che la celebrazione della Befana fu introdotta nel 1928 da Mussolini.

E allora rifletto sui nomi, perche’ le parole sono importanti.
Christmas celebra la nascita di Christ, e il 24 arriva Santa Claus.
Navidad e’ la nascita di Jesus, e il 24 arriva Santa Claus (qui anche gli spagnoli lo chiamano cosi’).
Natale celebra il natale (ma nessuno dice piu’ cosi’ in italiano) di Gesu’, e il 24 arriva Babbo Natale.

Tutto il mondo latino celebra i Re Magi, Portorico sopra tutti, e noi cosi’ amanti della diversita’ e delle popolazioni straniere non abbiamo fatto nostra questa leggenda dei Re arrivati da Africa e Oriente con doni per la nascita di Cristo, ma ci siamo tenuti felici la festivita’ pagana introdotta dal fascismo. E a me la Befana sta pure simpatica e pensavo di festeggiarla con laPicci. Poi magari qualcuno di voi sa bene le cose come stanno e vorra’ illuminarmi.

A lavoro una mia collega (argentina, di genitori italiani) aveva appeso un bel banner colorato con scritto Merry Christmas, le hanno chiesto di rimuoverlo per non urtare la sensibilita’ di chi non e’ cattolico. Piu’ genericamente qui dicono Happy Holidays. Trovo corretto rispettare tutti, ma l’altro giorno quando la mia vicina di casa mi ha salutato dicendomi Happy Hannukkah non mi sono affatto offesa, anche se non sono ebraica.

Non stiamo un po’ esagerando? E perche’ quest’anno avete tutti festeggiato Santa Lucia? L’altr’anno non eravate cosi’ numerosi.

Non sarebbe il caso di difendere un po’ di piu’ la nostra cultura?

Annunci