<< vai alla prima pagina

Historic Redland Tropical Trail

Se gli agricoltori pionieri del Sud Florida si sono stabiliti qui ai primi del ‘900 e’ perche’ questa area offre le perfette condizioni climatiche per lo sviluppo dei frutti tropicali. Con il crescere delle fattorie, grazie anche ad un recente rinnovato interesse per il chilometro zero ed i prodotti piu’ genuini, i produttori si sono organizzati per offrire ai visitatori un percorso auto-guidato lungo le principali attrazioni di Redland (alcuni dei prodotti si trovano anche nei supermercati). In calce trovate il link con il percorso suggerito.

Eat local

Il piu’ rinomato indirizzo da queste parti e’ Knaus Berry Farm, aperto da novembre ad aprile, dove si possono mangiare le piu’ buone cinnamon buns mai assaggiate, bere shakes, e i bambini possono raccogliere fragole e lamponi nungo i filari. Non alla domenica pero’.

via tripadvisor.com

Robert is Here e’ altrettanto famoso per milkshakes, marmellate e confetture, e la sua frutta straordinaria. Anche qui si puo’ entrare con il proprio cibo e stare ai tavoli ascoltando musica. Questo e’ una delle principali destinazioni dei giovani miamensi, e risale al 1959.

A Florida City si trova il ristorante Capri di Richard Accursio, aperto un anno prima di Robert is Here e a conduzione familiare. Non ci sono ancora stata, ma posso invece garantire sulla bonta’ di Bellini Italian Bistro, al confine nord di Redland (ha una sede anche in Weston e mi hanno detto che e’ altrettanto buono). Altro indirizzo di nota per noi italiani e’ Portofino coal fired pizza. Ma se vogliamo decisamente salire di livello uno dei migliori ristoranti di Miami e’ quello di Adrienne Calvo, alla periferia nord di Redland: Chef Adrianne’s Vineyard Restaurant and Wine Bar. Nato per scommessa in una zona assolutamente periferica, ha riscosso il meritato successo. Lei e’ una delle piu’ acclamate chef del Sud Florida, ospite fisso al SoBe Wine and Food Festival.

via citysearch.com

Di Schnebly Redland’s Winery & Brewery e del suo vino tratto dalla frutta tropicale vi ho gia’ parlato, mentre Suvi e’ un ristorante thailandese nella mia wish list.

Ecco, magari la cultura thailandese non e’ esattamente local ma quello che piu’ mi ha stupito da quando vivo qui e’ la presenza di asiatici in questa zona. In Redlands infatti esiste anche un tempio buddista, Wat Buddharangsi Buddhist Temple, e al Fruit e Spice park si tiene ogni anno un acclamato Asian Festival. D’altronde il nostro ristorante thailandese preferito e’ alle porte est di Redland, in Cutler Bay.

In Redland si trovano diversi maneggi, aziende agricole, e nurseries per le piante: Miami Tropical Bonsai e RF Orchids sono parte del tropical trail ed espongono rarita’, di sicuro interesse per chi ne e’ appassionato.

homestead-fc-shopping-3
via Miami and Beaches

Redland ospita diverse interessanti locations per matrimoni. Uno di questi e’ un giardino botanico di ispirazione orientale, Redland Koi Gardens.

La diversita’ culturale della zona era tale che molti anni fa qualcuno ha pensato bene di costruire quella che e’ stata chiamata la UFO House. Si mormora che fosse un luogo per nudisti, altri dicono che il proprietario vendesse tigri e leoni, fatto sta che e’ stata demolita solo poco tempo fa. D’altronde a questo link trovate anche la storia del silo per aerojet, ugualmente abbandonato.

The UFO House, Homestead pic 1

C’e’ anche la cultura americana, ad ogni modo. Se volete provare la cucina del South, andate da Cracker Barrel, a Homestead. Mentre sulla US1 trovate il villaggio storico di Cauley Square e sara’ di sicuro interesse, un salto indietro nel tempo nell’atmosfera coloniale dei primi del ‘900 che ha resistito alla furia di 3 uragani senza mai essere spazzato via.

via miami.com

E se invece siete solo alla ricerca di buoni affari, l’outlet di Florida City vi accontentera’.

Link utili:

Annunci