…e la mamma si rompe

Mentre laPicci si aggiusta, la mamma si rompe.
Sono stanca. Ma tanto eh.

Perche’ e’ vero che un neonato impegna, e tanto. Pero’ sto facendo tante altre cose che non posso smettere, tipo il college per il Visto. E siccome sono una che non sa fare le cose fatte tanto per fare, ecco che mi ritrovo con una media alta alta in tutte le materie. Ne sono felicissima, intendiamoci, ma a volte questo rigore non mi consente di saltare i compiti nemmeno una volta.
Ma non e’ tanto lo studio.
Quello che mi ha dato il colpo di grazia sono stati sti cavolo di lavori in casa. Dopo l’acqua, i ventilatori e i deumidificatori, il pavimento tolto, il pavimento rimesso, ovviamente ci siamo ritrovati con tutti i mobili e suppellettili ammucchiate in una stanza e da rimettere a posto. Oltre a dover pulire tutta la polvere che hanno creato.
Solo che chi ha piu’ tempo, ora? Sono costretta a fare tutto a rilento e quando posso.
Sono stanca. Stanca. Stanca. Stanca.
E inizio a perdere pezzi.

Ieri lascio laPicci alle 12, con un’ora di ritardo sulla tabella di marcia, ma poco male, avevo deciso di anticipare per passare a comprare un aspirapolvere nuovo. Lo faccio al ritorno, mi dico.
In macchina faccio uno dei compiti: dovevamo leggere un articolo e scrivere un breve riassunto, tipo abstract. Butto giu’ quattro frasi sul quaderno, che tanto ho una mezzoretta di tempo prima della lezione e posso andare in biblioteca a stampare. Lo avevo detto che abbiamo una biblioteca da paura, vero?
Poi, d’un tratto, come mi capita spesso in queste ultime settimane, un capogiro. Da ferma, da seduta.

E’ quasi l’una del pomeriggio e sono digiuna dalle 6, quando ho fatto colazione. Ok, sacrifichero’ la mezzora del laboratorio per pranzare, tanto ho un quarto d’ora tra la prima e la seconda lezione e posso andare a stampare.
Parcheggio la macchina e faccio per prendere i libri. Dov’e’ il libro di Writing? Cerco, cerco cerco e non lo trovo. Penso: Ma qual e’ il libro di writing? Mi sforzo e non mi viene in mente. Cazzo quanto sono stanca, non riesco nemmeno a pensare. Prendo il quaderno e cerco nel syllabus. Buio pesto. Guglo il titolo del libro, mi si apre un’immagine.
Io questo libro non ce l’ho.
Non l’ho mai avuto.

Vado su amazon e cerco tra i miei ultimi ordini. Il libro risulta consegnato, ma cosi’ non e’, ne sono stracerta.
Dovro’ fare un reclamo ma da pc, sul cel non trovo il link a Scrivici. Intanto pero’ devo andare.
In caffetteria c’e’ troppa fila. Vado alle macchinette. Prendo due cappuccini e un pacco di biscotti, almeno mi tiro un po’ su. All’una e venticinque salgo in aula.
Strano, hanno gia’ tutti i libri aperti, e com’e’ che e’ arrivata in anticipo la prof?
Entro, mi scuso, lei mi da’ il foglio su cui stanno leggendo.
Cerco il rigo e non lo trovo. Cerco cerco cerco, giro, niente. Alla fine trovo il segno in fondo alla pagina. Cioe’, in cinque minuti hanno gia’ letto tutto questo???
Dubbio.
Atroce.
Prendo il cel e controllo sul mio Calendar.
Fantastico. Sono arrivata con 45 minuti di ritardo.

Sono Donna, Sono Invincibile, Sono Stanca – Mood Board “Scazzato”
image da qui

E non mi dite Fatti aiutare. Siamo io e lui, lui ed io. Come ogni expat che si rispetti.

Sono stanca. Stanca. Stanca. Stanca.
E’ la seconda volta che con questa prof faccio un errore simile, ma la precedente era capitato il terzo giorno di lezione e avevo optato per saltare tutta l’ora per non interrompere.
Mi viene da piangere.

Alla fine della lezione vado dalla prof, che sa che ho una bimba piccola, e le dico semplicemente le cose come stanno: sono cosi’ tanto stanca che confondo gli orari delle lezioni. Infatti e’ il mercoledi’ che entro alle 13.25. Lei capisce e mi cancella il ritardo. Pure troppo ha fatto, io volevo solo scusarmi.
Poi scendo e vado a scrivere e stampare il file. Ok.
Torno su e la stessa prof, che ho per due materie, ci ha divisi in gruppi per lavorare ad un altro riassunto, stavolta da scrivere a dieci mani.
Eccome, no.
Io e una cinese finiamo di leggere in poco tempo. Le altre tre vanno a rilento. La prof fa “Scegliete un rappresentante per ogni gruppo“. Una tipa del mio gruppo si guarda intorno e fa Uhmmmmm you. Indovina chi?
Ok, dico a mezza bocca.
La cinese mi suggerisce di iniziare a scrivere il titolo e i riferimenti dell’autore, ok.
Niente, ancora non hanno finito di leggere.
Iniziamo a scrivere il riassunto. Capire la cinese che parla inglese e’ un dramma. E quando prova a spiegarsi scrivendo le frasi devo pure interpretarle: inviront, che sta per environment. Old, anziche’ spoiled. Cose cosi’. Che poi poveracci, cinesi e giapponesi passano da un sistema di scrittura per ideogrammi ad uno per lettere, non saprei come altro descriverlo, insomma, fanno una fatica boia.
Poi la prof mi chiama per correggere il riassunto che avevo stampato.
Torno e mi trovo delle correzioni sul riassunto che stavo scrivendo a beneficio del gruppo, manco mi siedo e due mi fanno: Qua hai sbagliato, ci va il futuro semplice.
Avevo scritto [things] will be developed []
Will develope, secondo loro, manco develop.
No, parliamone. D’altronde mi era gia’ capitato. E non una volta. Twice.
E’ forma passiva, dico io.
No, e’ sbagliato, e non ci va -ed perche’ e’ presente.
Presente. Level six. Cazzo. Gia’ so’ stanca, guarda con chi me tocca combattere.
No, guarda, e’ corretto.
No, hai sbagliato anche sotto.
No, e’ corretto, e’ futuro anteriore. Ma vai a spiega’ il futuro anteriore a una che vuole scrivere develope.
Non me le filo e proseguo. Riassumiamo l’altro paragrafo (mica faccio tutto io, ve’)?
Il paragrafo dice, in soldoni, che per ridurre l’inquinamento dovremmo incentivare la vendita di auto elettriche e carburanti verdi.
Sempre quella della correzione mi fa: come si dice quando piu’ persone vanno in una sola macchina?
Ed io: car-pooling?
Ecco, si’, scriviamo che bisognerebbe fare car pooling.
E la cinese: E usare la bicicletta.
E io: scusate, ma mica c’e’ scritto.
Eh ma lo mettiamo.
Insisto, gentilmente: Forse non ho capito, ma e’ un riassunto o dobbiamo scrivere un paragrafo su come ridurre l’inquinamento?
Non le sfiora proprio il dubbio, capisco che non sono capaci a fare un riassunto.
Scrivo io.
La quinta del gruppo si guarda le unghie coi brillucci senza fare un cazzo.
E di nuovo, io: Qui dobbiamo scrivere che i negozi si occuperanno di riciclare le merci, come mettiamo?
Reuse – mi fa una – e’ un sinonimo. Si’, ok, ma mi serve la frase completa. Comincio a scocciarmi, ma forte.
Nel frattempo la prof decreta la fine del tempo e inizia a far leggere gli altri riassunti.
Oh. E chi se lo aspettava?
Indovinate chi ha riassunto tutto da sola, in due minuti?
Passo poi velocemente il foglio per far scrivere i loro nomi. Ce mettono due ore pure a fare quello, nel frattempo tutta la classe guarda me, in attesa che legga ad alta voce, e la prof, spazientita: Non e’ corretto far aspettare la classe.
Ecco, cornuta e mazziata.
Fanculo a ste incapaci.

Oggi invece c’e’ il papa’ a casa, e mi sta aiutando con la piccola, cosi’ rifiato un po’ anche scrivendo questo post. Lui passeggiava con lei in braccio per farla dormire e le cantava delle canzoncine, cosi’, e’ creativo e le inventa sul momento, con una metrica perfetta. Io stavo commentando le risposte al post di ieri, Amore, sai che c’e’ un’altra italiana che mi segue da Seattle? Seeeeaaaattleeeee… e’ la patria del caffeeeee’…. e’ Staaaaarbuuuuckssss…. che ci ha fatto pure i sooooldiiiii…. ma a Roma non c’e’eeeeee… ma forse apre a Milaaaanooooooo.
Posso non andare via, oggi? Voglio stare qui con loro.

Annunci

0 pensieri su “…e la mamma si rompe

  1. Ah capisco… Fatto forza quando potete prendete la macchina e andatevi a vedere tutti e tre quel mare meraviglioso che vi circonda… Magari al lighthouse di key biscaine e respira piano guardando il vostro futuro che non può che essere meravigliosoEli

    Mi piace

  2. Oh cacchio, che stress, ci mancavano pure i balordoni e le bimbe minchia a lezione…pure io odio il lavoro di gruppo! Certo che se passano quelle, tu ti puoi mettere tranquillissima (lo so lo so, il senso di colpa…pero' dai, un giorno fallo per noi, marina scuola dai :-))

    Mi piace

  3. Me la ricordo quella bruttissima sensazione di avere la testa leggera. E io nemmeno avevo da studiare.L'unica cosa che posso fare e' confermarti che dopo i primi mesi passa, ma so che nell'immediato non ti e' d'aiuto. Pero' almeno un piccolo snack cerca di averlo sempre dietro, anche una barretta ai cereali, un pacchetto di crackers. Soprattutto se allatti ancora non puoi stare senza mangiare.Coraggio, ti abbraccio fortissimo!E tengo le dita incrociate per voi perché passi al più presto la nuova legge sull'immigrazione (che io mi sto rodendo il fegato che non ti dico, che ovviamente ste cose devono sempre succedere dopo che noi ci siamo fatti il mazzo quadro, ma per voi mi farebbe davvero piacere. Ve lo meritate).Contenta di non essere l'unica che non capisce cinesi e giapponesi quando parlano inglese, pure quando sono super eruditi e pieni di titoli.

    Mi piace

  4. Eh Cherry… Non ci sono giorni in cui non la porto. E il fine settimana la nanny non lavora – ma non avendo lezione me la godrei a casa comunque.Ti ho mandato una mail qualche giorno fa. Mi sa che si e' spammata.

    Mi piace

  5. No, no, mi riferivo solo a un paio di colleghi di mio marito. Che in effetti sono persone molto colte (molto più di me per dire), ma in media toppano la pronuncia di quattro parole su cinque.La mail l'ho ricevuta, scusa se non ho risposto. Ultimamente e' un periodaccio strano. Ma magari mi torna la voglia di aggiornare il blog…in fondo se ce la fai tu! Un bacio.

    Mi piace

  6. Ops, mi sono accorta adesso che forse ti riferivi alla parte sull'immigrazione. Niente, da quello che ho capito e' al vaglio una legge che, se dovesse passare, semplificherà di molto le procedure per la green card. Non so che effetto avrebbe nello specifico sul vostro caso, ma magari potrebbe accorciare la tua attesa per il cambio di visto. Io te lo auguro.

    Mi piace

  7. Lucy, non esiste. Asclta i segnali che il corpo ti sta mandando. Anzitutto mangia meglio. Portati da casa qualcosa, sempre, da poter sgranocchiare nei momenti di calo degli zuccheri (tipo frutta secca, per dire). Biscotti e cappuccini non sono un pasto. Impossibile pensare a qualcuno che vi aiuti a sistemare casa? Capiasco che non puoi fermarti al corso, ed evidentemente la Picci è già “piazzata” a sufficienza. Devi eliminare altro. Manda My a comprare l'aspirapolvere. Chiedigli di darti una mano fin anche nel sistemare il materiale per il corso, che controlli i libri con te, per dire. Ho capito che non stai più allattando, ma non vuol dire che tu non abbia ancora bisogno di riprenderti. Cerca un buon integratore, per esempio. E accontentati un attimo, anche se devi dire un “no” ai compagni di corso, anche se capiterà di prendere un voto più basso. Come dicevo ieri nel mio post, devi trovare il vostro nuovo ritmo. E non può essere un ritmo che ti ammazza!Coraggio!

    Mi piace

  8. una tantum, credimi a volte bastano un paio di volte per aiutarti a uscire dal tunnel, poi lo sai tu come è da voi :). Questo discorso del “una volta o due non ti rovinano di certo” me l'ha fatto un'amica superprecaria e quando le ho creduto e ho fatto venire una persona nei momenti topici è stato molto utile, poi capisco benissimo i problemi delle famiglie monoreddito, lo siamo anche noi e bisogna scegliere a cosa rinunciare.

    Mi piace

  9. Purtroppo so di cosa parli. Silver ha fatto il concorso (che poi l'ha portata all'assunzione) quando i bimbi avevano due mesi e mezzo. Quella volta io mi son preso la mia parte di maternità/paternità (tanto Silver era a co.co.pro. e non poteva usufruirne) e mi son fatto il mio part time con i bimbi. Per lasciarla studiare. Se lui potesse farlo, io lo consiglio… è un aiuto ed un'esperienza indimenticabile.

    Mi piace

  10. Resisti Lucy…come dicono dalle mie parti “tieni botta”!!Sei davvero in gamba,riesci anche ad aggiornarci sul blog…Pero' le tre assenze che vi concedono in quattro mesi sono troppo poche :(Meno male che almeno c'è quello spettacolo della Picci a ripagarti dalla stanchezza!!Un abbraccio di incoraggiamentoMony

    Mi piace

  11. Mi spiace! Quando sono morta dalla stanchezza penso spessissimo che devo badare solo a me stessa, e mi domando come farei se avessi una famiglia! Ti ammiro moltissimo! My che canta la canzoncina inventata è F A N T A S T I C O!BTW, lo sai vero che io dalle 8 di mattina all'una di notte ci sono quasi sempre al telefono se hai bisogno, vero?

    Mi piace

  12. Eh. Per chi ha un contratto regolare si. Io non ho avuto nemmeno la maternita' dall'enpap, che culo, eh. Quando si dice tempismo.E cmq lui ha preso la paternita' retribuita quando e' nata la piccola.

    Mi piace

  13. Gioia mia, mi dispiace che sei tanto lontana, altrimenti una mano ve l'avrei data con tutto il cuore.Pretendi tanto da te stessa perchè sei abituata a dare il meglio di te stessa. Alla fine c'è la piccola che con la sua bellezza e i suoi sorrisi ti ripaga dalla stanchezza. La nonna ti avrebbe detto: fregatene della casa e pensa solo a tua figlia! Ovviamente devi frequentare il College, ma questo momento di super fatica passerà, vedrai. Un bacio grande a tutta la family.

    Mi piace

  14. Non sono andata così lontano, io mi son fermata a 650km dalle nostre famiglie d'origine, eppure sono sola allo stesso modo e so cosa vuol dire. Fatti forza. E mangiati uno di quei dolci proibitivi e ipercalorici da lasciare grasse anche le dita che li toccano, non so con te, ma con me funziona sempre per farmi sentire un pochino coccolata… Ti abbraccio

    Mi piace

  15. Posso fare tre giorni di assenza su quattro mesi di lezione. Come ho scritto piu' sotto, me li tengo nel caso in cui la piccolina stia male (ma speriamo non accada!). Ora aspetto il President's Day 😀

    Mi piace

  16. Mi hai fatto stare in ansia tutto il pezzo !….ho sofferto con te….mi è girato la testa ( a dire il vero mi gira spesso proprio quando sono stanca ….è il nostro cervello che stacca la spina !) giuro se fossi lì sarei la tua babysitter a gratis perchè una mamma ha bisogno di avere vicino una mamma .ti abbraccio FORTE ….scrivi ancora.

    Mi piace

Che ne dici?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.