Verso il compimento dei due mesi, due settimane fa, laPicci ha risistemato un po’ alcune sue abitudini. Innanzitutto il sonno. Continua con i suoi pisoli da mezz’ora o poco piu’, ma in braccio ormai ci si addormenta solo. Quando la porto in culla le piace stare su un fianco, col ciuccio e con Pimpi. Solitamente il fianco destro, come mamma. E i pasti. Ne fa 5 o 6 al giorno, a distanza di tre ore. L’ultimo verso le 22, anche se non e’ una regola fissa, e la rivediamo alle 7 del mattino dopo. Perche’ infatti l’altra conquista e’ il salto della (unica) poppata notturna, con grande riconoscenza di mamma, che pero’ ormai e’ talmente stanca che non recupera piu’ e ha le gambe di legno e la schiena rotta a qualsiasi ora del giorno. E lei ancora pesa un niente.

Le piace la palestrina, e tanto. E le piacciono alcuni giochini con le musiche, solo che santo cielo, si puo’ fare un giochino interattivo 0+ con la musichina che si spegne ogni dieci secondi? E le piace la sdraietta, anche se non tanto a lungo. Ecco perche’ ho pensato di comprare l’altalena, visto che dalla nanny ci sta e le piace, anche se ho preso quella che la accoglie sdraiata. A proposito, aggiornamenti: dopo averla trovata con la testina reclinata la scorsa settimana, non e’ piu’ accaduto. Ora quando torno la trovo si’ che dorme dondolante ma in posizione corretta. E deve aver sortito effetto anche il dirle quando la trovavo fredda, e lei diceva di no, e io le dicevo I piedi sono freddi, e lei Ma qui in casa la temperatura e’ piacevole, e io E’ piccola, senti i piedi. Da quel venerdi’ li’ le cose sono migliorate, e insomma, per il momento la teniamo ancora li’. L’idea di ristravolgerle i ritmi e le abitudini un po’ mi frena, e’ talmente piccola… e il fatto che ci sta volentieri e’ la conditio sine qua non, e se non ci sono involuzioni a maggio si vedra’.
Ride, e tanto. Sorride a tutti, pure ai muri. Si sveglia felice, e vederla cosi’ allegra e’ una cosa meravigliosa, mi riempie il cuore. E continua a non piangere praticamente mai, solo quando ha fame fame fame, altrimenti sono solo LLe. E sorride tantissimo quando le dico certe cose, tipo Ciao! oppure Daavveeerooo? detti in una certa intonazione. A volte “risponde” ed io rinforzo le sue risposte rispondendole a mia volta. Anche laPrinci adorava il mio Daaavvveeeerooooo?, tanto che poi quando inizio’ a parlare bene divento’ uno dei nostri scambi piu’ frequenti, anche per telefono.
Comincia a scoprire il suo corpo. Si ciuccia le manine che e’ un piacere. Soffre il solletico. Le piacciono i massaggi con la cremina e i bacini sulla pancia. Le piacciono le carezzine sulla nuca quando ha sonno, le piace essere pettinata e inizia a riconoscersi nello specchio. O almeno si guarda.
Ora non piange piu’ quando usciamo in passeggino – anche se purtroppo accade solo al fine settimana. La fascia le piace tanto e ci dorme dentro che e’ una bellezza, anche se poi la conseguenza e’ un heat rash sulla pancia. Siamo simili anche in questo, grandi sudate sulla pancia e sulla schiena (si’ si’, me la sto raccontando, lo sanno tutti che e’ la copia sputata del padre). A breve sperimenteremo il marsupio, che fu il nostro primo acquisto per lei. E anche il bagnetto ora e’ diverso, a differenza di prima ora riesce a rilassarsi – quasi – nell’acqua e inizia a muovere le gambine.
Insomma, le cose vanno meglio, anche se a volte, tipo l’altra sera, ci fa vedere i sorci verdi e si addormenta alle due di notte dopo un intero pomeriggio sveglia. E si’, a volte My ed io discutiamo, per stanchezza, per frustrazione, per cazzate. Pero’ poi tutto rientra, basta nulla. E quello che penso spesso e’ che man mano che i figli crescono ci si dimentica di come erano appena nati, quando sono quella caciara di comportamenti sregolati e senza un obiettivo, e noi genitori gli andiamo dietro cercando di capirci qualcosa e ci sentiamo persi. Pero’ ecco, almeno sul fronte nanne ho sempre avuto ben chiaro quello che sarebbe stato il progresso della sua crescita, e non ero affatto preoccupata dal tenerla sempre in braccio o accanto a me nonostante le reprimenda ricevute un po’ da chiunque. Sapevo, volevo che fosse cosi’, tipo base sicura, in modo da poterla poi portare al lettino, e ci sono riuscita. E ne ho avuto la conferma un giorno che affranta ho scritto ad un’amica chiedendole Cri, ma tu come sei sopravvissuta col tuo piccolo che dormiva venti minuti a botta e solo in braccio? E lei mi rispose Allora vedi che avevo ragione, mio marito diceva che non era mai accaduto. Tranquilla, e’ solo una fase. Eppure all’epoca era stremata, preoccupata ed esaurita. Quindi future mamme, ve lo dico ora, abbiate fiducia nel vostro istinto e andate dritte per la vostra strada. Com’era che diceva Bollea? Le mamme non sbagliano mai. Forse, come per qualsiasi cosa, basta avere ben chiaro cosa si sta facendo.

Ah. I capelli sembrano restare rame e gli occhi sembrano restare blu. Volete sapere? Era esattamente quello che avevamo sognato durante la gravidanza, pensando a tutti i geni familiari che si stavano mescolando. Poi dici che con solo con la pma ordini i figli come ti pare.

p.s.: sono ironica, eh.

Annunci