Sono una mamma mediocre

La fenomenologia delle mamme che 50 sfumature di mamma sta pubblicando e’ favolosa. Io al momento mi riconosco in parte nella mamma pigra. Ma oggi propongo alle mie amiche la mamma mediocre, non so se ne hanno gia’ scritto.
So’ stanca.
Ma tanto.
E lo so che lo dico da sempre, e lo so che si deve imparare a conviverci, che siete tutte stanche, voi mamme di figli piu’ grandi della mia. Ma qui abbiamo iniziato a svegliarci ogni notte ogni ora. Non entro in fase rem dal ’74, e diosololosa quanto ne avrei bisogno. Il mio sonno leggero fa’ si che senta il respiro di Picci prima ancora che espiri dai suoi piccoli polmoncini nel suo piccolo nasino, percio’ fatevi un po’ il conto. La mia unica soluzione e’ ficcare la testa sotto il cuscino e sperare di non essere svegliata da lei o da My. Che poi piccina, manco piange. Lei chiama. Aaaaaaa. Mmmmmm. A volte lo fa mentre si gira, o nel sonno, o comunque nel tempo che arrivo da lei – nell’altra stanza, si intende, non e’ che so’ un bradipo – gia’ ridorme. Altre volte la trovo con gli occhietti sbarrati che mi guarda smarrita, Mbe’? Che ci fai qua? E’ ora ora di alzarsi?
No, amore bello di mamma. Io nun je la faccio piu’ e te devi dormi’.
Dorme, e dopo un’ora stiamo punto e daccapo. Ho pensato che fa cosi’ per l’ansia da separazione, non ne ho idea, ma e’ una attribuzione che fa sempre un po’ figo, no? Soprattutto per chi, mediocremente, e’ psicologa dello sviluppo ma non e’ capace di farne una fatta bene.
Lei quando si sveglia, per annunciare che e’ ora di andarla a prendere, ha due sistemi. Tossisce, o butta il ciuccio a terra. Mica chiama. Mica piange. Se pero’ la lascio li’, dopo un po’ si lamenta: E che, non mi avevi sentita??
LaPicci da sempre si addormenta tra le nostre braccia. La cullo e in cinque minuti dorme, a volte ce ne vogliono venti (di solito di notte, gran Q). Non nascondo che la cosa mi fa tanto comodo, ma il punto e’ che ho pure provato a metterla nel lettino e raccontarle una storia/una ninnananna/accendere il carillon/tutte le cose insieme. Niente, lei si dimena, si gira come una cotoletta, agita le braccia a mulinello, inizia a parlare, insomma, sta sveglia di brutto. Se la lascio li’ da sola va pure bene, tempo 20-25 minuti si annoia, le viene sonno e inizia a lamentarsi, ma sempre in braccio finisce, perche’ se vado li’ si ricomincia daccapo. E a me di farla addormentare tra le lacrime perche’ e’ morta di sonno non mi va per niente. A volte mi chiedo come facciate voi che “mio figlio da sempre lo metto nel lettino e dorme da solo”.
Che poi intendiamoci. Lei e’ fantastica, dorme tanto di notte, poco di giorno, ok, ma non mi ha mai dato grossi problemi. Sto proprio cercando il pelo nell’uovo, ecco perche’ sono una mamma mediocre.
Sono ironica, spero lo abbiate capito.

immagine da qui

E il metodo Hogg non ha funzionato manco per niente, visto che lei non piange mai. La mettevo giu’ e lei mulinello felice, la alzavo, tranquilla. Torna giu’ mulinello felice. Prendo in braccio, tranquilla. E mo’ che devo fare? E se invece era tanto stressata perche’ non riusciva a dormire, quando la mettevo giu’ piangeva, e continuava quando la prendevo in braccio. Non avevo piu’ punti di riferimento, e mi sono arresa. Ma mediocremente non ho nemmeno finito di leggere il libro.
E ancora, leggo altrove che tutte sono state attente in gravidanza a non mangiare al fast food, io al Mc ci andavo eccome, il gelato coi Rolo e’ stato uno dei cravings, infatti ho preso piu’ di venti chili, e com’e’ che lei e’ nata due chili e otto non si sa. Infatti sono ancora incinta, la gravidanza di un elefante. E poi ci sono quelle che hanno la tv sempre spenta perche’ demolisce i neuroni dei bimbi. Noi ce l’abbiamo accesa e lei si diverte un mondo con Chica e Nina. Anche se di solito la guarda mentre contemporaneamente sta giocando con qualcosa, ecco che mi diventera’, a scelta, iperattiva o schizofrenica. Abbiamo i giochini educativi maanche quelli con settecento luci e suoni, e mi sento dire Ma non ti diventa scema con tutti quegli stimoli? E lo so, sono una mamma mediocre e all’abaco e ai giochi tristerrimi di Ikea (non tutti, abbiamo anche cose degli svedesi) preferisco quelli plasticosi e colorati delle multinazionali. E siccome sono mediocre, sta tutto il giorno in terra a giocare, spesso da sola mentre magari scrivo un post o surfo nel web. Ma io nun je la posso fa’. Mi dorme mezz’ora ogni tre, ho bisogno di staccare la testa e di riposarmi come posso, visto che lei ha il sonno di Leonardo da Vinci mentre io, da vera quarantenne mediocre, sono una mamma stanca.
Mediocremente, non le faccio ascoltare Mozart, ma a volte accendo la radio coi supersuccessi pop.
Mediocremente le bollo le verdure che non coltivo nel mio orto e le faccio le pappine senza andare direttamente al mulino a macinare l’orzo. E lei disgraziatamente crescera’ nella terra in cui sono tutti obesi (ma col cavolo, pero’ e’ l’idea comune) e mangiano di me**a – seguira’ post.
Mediocremente non mi sono battuta per farmi tornare il latte, ho preferito passare alle sane polveri solubili.
Mediocremente non uso pannolini lavabili ma quelli usa e getta.
Mediocremente mi accontento di quello che vende il Publix sotto casa anziche’ farmi un’ora di passeggiata sotto il sole impietoso di agosto con l’umidita’ alle stelle per arrivare da Whole Foods a comprare i prodotti italiani importati. Ne’ ci vado quando mio marito e’ in casa, perche’ mediocremente abbiamo pochi soldi e facciamo economia.
Non sono vegetariana, non ho una cultura brillante, non ho il marito che colleziona meteroriti (scusa Silvia ma e’ troppo figa sta cosa! Non trovo il post specifico ma ecco, e’ lui), mediocremente vado nei centri commerciali e mangio patatine in sacchetto, ho la cellulite, una cifra!, non sono di sinistra ma nemmeno di destra, non sono una regina dei fornelli, non faccio foto fighe ne’ cucio ne’ so creare qualcosa dalle mie manacce storte. Mi mangio pure le unghie, tie’, e trascuro i miei piedi e i miei capelli. Non ho nessun talento particolare, non ho nessuna coscienza ecologica, non ho una Birkin – magari le Birkenstock – non so truccarmi, non mi interessa diventare una blogger di successo, sono, per l’appunto, mediocremente mediocre piatta rasoterra encefalogramma piatto.
Che noia. E dire che mia figlia sta crescendo serena nonostante me.

Annunci

0 pensieri su “Sono una mamma mediocre

  1. mi hai fatto ridere e riflettere! in questa fase della mia vita io mi sento una mamma-contro. Contro il mainstream del “sono tutti capricci”- “piangendo si fanno i polmoni”, “corripiano” “non sudare” che imperano dalle mie parti, ma anche contro quella nicchia “io lo allatto fino ai suoi 18 anni”, “gliela faccio fare sul water da quando aveva due giorni (esistono davvero, applicano la Elimination Communication), “solo co-sleeping anche se mia figlia non vuole”. Me ne sbatto sempre più serenamente e faccio a modo nostro, ma per arrivarci ho dovuto litigare tanto e lavorare su me stessa. Che poi il bello è che non fai in tempo a capire un modo di comportarsi ed ecco che i bambini cambiano…

    Mi piace

  2. Addendum: l'esperienza del sonno con mia figlia ha visto diverse fasi, fino ai 7 mesi addormentata in braccio e piazzata in culla senza problemi, poi panico da abbandono e quindi nel nostro letto fino all'anno, poi un po' nel lettino con le sbarre, poi di nuovo lettone per 7-8 mesi e da qualche mese nel suo lettino ikea bassobasso con le sponde in camera sua. Da quando dorme lì (ha 2 anni) non si sveglia più di notte. Io non mi sono mai applicata più di tanto a creare routine di nanna perché ho visto che lei cambiava esigenze per dormire in continuazione, e visto che l'unico imperativo per me era dormire, l'ho tenuta volentieri con noi finché ne ha avuto bisogno. Secondo me fino ai 2-3 anni i bimbi che dormono da soli lo fanno solo perché dormirebbero comunque in qualsiasi contesto (e secondo me non esistono, ma vabbè)

    Mi piace

    1. Buongiorno. Mi dispiace contraddire, ma i bambini che dormono da soli per 12 ore di fila esistono: il mio, per esempio. Ha cominciato verso i 7 mesi e si è “specializzato” intorno all’anno di vita. Per specializzato intendo dire che dall’anno di età si addormenta da solo, nel suo lettino. Nessun bisogno di leggergli storie, cantargli canzoni, tenerlo in braccio. Lo metto nel suo letttino e si addormenta (ora ha 20 mesi). E dorme. Tanto. Come è successo? Non lo so. Non ho ricette magiche. All’inizio abbiamo dormito nella stessa stanza con lui per i primi 6 mesi. E ero angosciata. E lui si risvegliava. A distanza di qualche mese ho capito che ero io che gli creavo ansia. Infatti, è andata meglio da quando abbiamo abbandonato la sua stanza. Ma fino all’anno l’ho comunque addormentato nelle mie braccia. Poi, ho capito che preferiva essere lasciato nel suo lettino. Bref (sono un’expat anch’io, in Francia), ho solo cercato di comprendere i suoi ritmi e li ho assecondati. Solo che rimango una mamma assai ansiosa. Solo che la notte, ad un certo punto, mi sono detta che avevo sonno.

      Piace a 1 persona

      1. Grazie per il tuo commento! Guarda, un po’ ho capito che è culo,un po’ quello che facciamo noi genitori. Mia figlia dorme da sola da quando aveva 5 mesi, ha avuto risvegli frequenti fino a poco prima dei due anni, ora dorme. Dei figli di amiche, i primogenita hanno sempre dormito e i secondogenito no, o viceversa. Insomma, dipende 🙂

        Mi piace

  3. Siamo tutte very normal people almeno qui!!!? Io vedo tanti fenomeni in giro e vi confesso che non ne posso piu'! La mia cammina, il mio dice mamma, io gli do solo carne bio, la crema per il culo di quella marca fa venire il cancro, io le preparo ogni giorno un piatto diverso, il mio dorme 12 ore senza fare un fiato prova a cambiare latte deve dormire di piu' a quest'eta'.Ecco. Io ho imparato due cose: le fasi, ci sono, e le abitudini, restano. Ceci dorme da sola nel lettino, da sempre, in braccio no. Ma in questa fase prima di dormire rotola e piangiucchia e chiacchiera e saltella anche per mezz'ora. Di notte se si sveglia pancia sotto non si gira da sola e urla come un'ossessa…per dire. Ce la stiamo facendo alla grande cara Lucy!

    Mi piace

  4. Si tutte normali come dice Silvia qui sopra. Ci proviamo, una volta va bene l'altra no ma le bimbe son serene e sorridono sempre! Son felici…e questo basta..Take it esy, si dice così? Io ti trovo splendida!!!

    Mi piace

  5. Le madri mediocri sono umane, e secondo me generano figli equilibrati. E poi basterebbe che le supermamme ammettessero almeno a loro stesse che molte cose “super” che fanno non le fanno mica per i figli, ma per loro stesse. Ti faccio l'esempio dei pannolini lavabili: io li uso, ma il motivo principale è che mi piacciono, mi mettono allegria. Quando mi romperò di passare mezz'ora al giorno a prepararli probabilmente lascerò perdere.Clara V

    Mi piace

  6. Sei la prima che ammette una cosa del genere!! Nel senso, sempre sentito Oh ma non ci vuole niente, non ti tolgono tempo. Eccome invece, vedi? E concordo con quello che dici. Grazie bella :*

    Mi piace

Che ne dici?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.