Il sospetto mi era venuto poco piu’ di un anno fa, alla sua trentanovesima settimana di vita. In utero.
Dopo l’ultimo post sono successe un po’ di cose, e quindi credo che lei abbia letto quello che ho scritto, ma soprattutto i vostri commenti.
Mercoledi’ scorso siamo andati a prendere laPicci al nido e c’era la direttrice, intendo, l’unica parlante inglese, e ho pensato di chiederle un consiglio per riuscire ad addormentarla non piu’ tra le braccia. Ah, mi fa lei, ma tanti bambini sono abituati cosi’. C’e’ Kevin che dobbiamo dondolarlo per tutto il tempo sulla rocking chair, anche quando dorme gia’, perche’ altrimenti si sveglia. Ma laPicci spesso si addormenta a pancia sotto, con la copertina addosso fin sopra la testa mentre le facciamo pat pat sulla schiena, e poi sostituiamo il pat pat con un peluche cosi’ lei sente il peso su di se’. Non dorme a lungo, ma dorme.
Provato a casa, non funziona. Come sempre, i bimbi sono a casa in un modo e a scuola in un altro. Si chiamano dinamiche relazionali, mi sembra di aver letto.
Ma la cosa in se’ mi ha sollevata, innanzitutto perche’ ho capito che e’ normale che non sappia addormentarsi da sola, e poi perche’ c’e’ chi fa peggio, e poi perche’ la scuola non mi ha fatta sentire in colpa per non aver ancora saputo educare mia figlia. Insomma, mi sembra che qua sono tutti incommensurabilmente piu’ tranquilli.
Dopo aver avuto questa chiacchierata, credo che laPicci si sia fatta venire qualche scrupolo e abbia cercato conferma tra le pagine di questo blog. Innanzitutto non ha piu’ avuto bisogno del latte notturno. Cioe’, un risveglio lo ha fatto quasi sempre ma riaddormentandosi in pochi minuti. Il quasi sempre significa che due giorni ha fatto un sonno unico. E soprattutto, due giorni dopo l’ultimo post e senza alcun preavviso tipico, le e’ spuntato un premolare, e questo spiega tanto di quello che e’ accaduto prima.
E poi e’ successo che nel weekend del suo compleanno, due domeniche fa, My era a casa e ci siamo un po’ coccolati, che non succede mai mai mai di stare tutti insieme tre giorni consecutivi. E poi c’e’ stato il Thanksgiving, con un pre la sera del mercoledi’ con la mia amica giapponese e fidanzato a cena, mentre il giovedi’ e’ venuta Ilaria a festeggiare con noi. Il tacchino era un po’ asciutto, la stanchezza ci aveva un po’ distratti dai tempi di cottura, ma siamo stati bene insieme, come sempre con lei. E poi ieri ho avuto la consegna di un essay, tema fighissimo il film noir, e come al solito ho strafatto e mi son venute fuori otto pagine tanto che My mi ha detto Ma guarda che piu’ di 100 non ti danno! Insomma, tutto il tempo libero era stato risucchiato da scrittura e revisione, dato che le ultime due consegne avevo scritto talmente di corsa da fare un mucchio di errori stupidi tipo concordanza soggetto-verbo e non volevo ripetermi.
In questa settimana laPicci ha deciso che e’ diventata grande. Il giorno del Ringraziamento si e’ esibita in un ballo sulle note di Blurred Lines, canzone fighissima che piace a tutti noi. Il giorno dopo, venerdi’, deve aver pensato che era stufa di gattonare in continuazione e ha fatto chiaramente capire di voler esercitarsi a camminare. Lo fa anche appoggiata ai muri, nel suo solito geco style.

Ha iniziato a cercare di infilzare il cibo con la forchetta, anche i cichi cichi, ma quello che solitamente preferisce e’ mangiare da sola con le mani. E ieri sera, per la prima volta, ha preso il bibe tra le manine cicciose e lo ha bevuto da sola.
Abbiamo dovuto comprare un po’ di vestitini nuovi, che le andava tutto corto ormai, e soprattutto perche’ sempre il giorno del Thanksgiving e’ arrivato un freddo becco. Andato via in due giorni, ma prima o poi tornera’ e allora abbiamo comprato un po’ di magliettine e pantaloni lunghi taglia 2T che manca poco a riempire del tutto. Viaggiamo con un anno di anticipo, noi.
Tutto questo per spiegare perche’ sono sparita e per ringraziarvi dei messaggi ricevuti, non volevamo farvi preoccupare 😀 E grazie infinite anche per i millemila commenti e suggerimenti che ci avete dato. Siete un condominio eccezionale. Oggi finalmente, forse, riusciro’ anche a montare il triciclo che Cupido e la sua famiglia ci hanno regalato. Ale, ti giuro che le istruzioni di montaggio sono qualcosa di incomprensibile, ed io sono una pratica di queste cose!!, ma stamattina spero proprio di avere la meglio.
E voi? Che avete fatto questi giorni?

Annunci