E così.. scuola finita… devo ancora buttare giù la relazione finale.. non ne ho voglia… Sto qui a leggere gli aggiornamenti dei blog che seguo, siete bravissime!, e da quelli ne trovo altri che mi divertono e mi interessano. Ho appena finito di intripparmi su uno che narra le gioie del sesso orale, poi dici che la rete non dà dipendenza.
Ma la verità è che non posso fare molto altro.
Cioè, mi trovo in quella situazione di vita in cui non puoi fare altro che aspettare. Nel mio caso, aspettare di vendere la casa, aspettare di potersi trasferire, aspettare che le cose possano finalmente cominciare ad andare come si desidera.
E mentre aspetto, non avendo ancora certezze su dove sarò il prossimo anno, intanto prendo appuntamenti per settembre, organizzo il lavoro dei mesi a venire, propongo cose nuove. Sto cercando di non farmi trovare impreparata per settembre e ottobre, due mesi per me neri, senza lavoro e senza soldi.

Il mio promesso è bravissimo a rassicurarmi. Mi ha detto una sacrosanta verità: l’ultimo chilometro è sempre il più lungo. E’ vero, ha ragione da vendere, ma io non ne posso più, non vedo l’ora di mettere fine a questa distanza che ci divide, ai fusi orari che non ci aiutano, alle comunicazioni telefoniche che saltano (ma benedetto sia Skype e chi l’ha inventato!). E soprattutto non vedo l’ora che qualcuno mi risponda, ho andato email a decine per avere informazioni, niente, anche oltreoceano non è prevista la risposta di cortesia.
E così sto ferma.
Ma come diceva Eraclito, panta rei. Tutto scorre.

Annunci