Non si puo’ morire soli

Avevo raccontato di essere stata tenuta lontano dalla morte a lungo, di essere cresciuta protetta da certe emozioni negative. Ma dai vent’anni in poi la vita mi ha messa davanti a tanti eventi, rispetto ai quali non mi sono mai tirata indietro. Io, ne’ mia sorella. Abbiamo affrontato di petto tutto quello che veniva, assistendo tutti i giorni persone in ospedale, andando ai funerali, omaggiando defunti. Uno dei ricordi piu’ belli della mia vita riguarda il funerale di mia nonna, quando la moglie di un mio cugino con la sua dolcezza ci fece forza insegnandoci che anche durante una tragedia si puo’ sorridere e ricordare le cose belle che si sono condivise.

Recentemente siamo stati ad un funerale qui a Miami e abbiamo scoperto alcune differenze culturali, tipo che la veglia si fa in queste Funeral Homes, e quando siamo arrivati il parcheggio era gremito, per poi scoprire che c’erano contemporaneamente cinque veglie. Ma era tutto uguale, il dolore non cambia, ne’ gli abbracci dati forte a chi resta e che magari conosci appena.

Alcune vicende familiari recenti mi hanno confermato che esistono tanti genitori che per incapacita’ loro, forse per paura di essere sopraffatti dal dolore, crescono i figli al riparo dalle emozioni negative, e che questi a quarant’anni passati non saranno in grado di assistere il proprio genitore in ospedale o peggio non se la sentiranno di dargli un ultimo saluto.

La morte fa parte della vita. Insegnate ai vostri figli che esistono i temporali, le tempeste, e i terremoti. Insegnategli ad elaborare le perdite, insegnategli separarsi dalle persone. Non abbiate paura di non avere risposte, i bambini capiscono tutto quello che per voi e’ chiaro e vivono con serenita’ tutto quello che voi avete elaborato.

Imparate ad affrontare la vita, e poi insegnatela ai vostri figli. Non si puo’ morire da soli.

Annunci

24 pensieri su “Non si puo’ morire soli

  1. Sai che non ricordo come ho affrontato il tema della morte da piccola? Mi ricordo solo che ad un certo punto, forse tra i 5 o i 6 anni di notte mi veniva l’angoscia perché avevo paura che papà morisse. Mamma no, per me è sempre stata immortale (vai a sapere perché). Non ricordo funerali da piccola, ma ogni argomento è sempre stato affrontato con semplicità, senza fantasie (va in cielo, vola via, si è addormentata, ecc.).
    Da quello che ho colto su fb stai soffrendo, e mi dispiace tanto. Vorrei averti qui per abbracciarti, immagino che ci sia qualcuno più vicino a te che ti vorrebbe vicina ancora più di me.
    Ti dico questo, per quel che vale. Immagino che sia dura essere lontana, quando succedono cose belle ma ancora di più quando capitano cose brutte. Però tu riesci ad essere presente sempre, con le tue parole e con il tuo splendido carattere e le tue parole, e sono sicura che le persone che ti vogliono bene sentono il tuo affetto e la tua vicinanza morale anche a milioni di chilometri di distanza.

    Ti abbraccio forte forte.

    Mi piace

    1. Grazie ciccola. Quello che mi fa star male, come chiunque viva a così grande distanza, è il non poter tornare quando si vuole. Fossi stata in Europa, oggi è sabato, sarei partita. Ma da qui è davvero impossibile, per tempo e costi.

      Mi piace

      1. ….non ci conosciamo, ma seguo il tuo blog ogni tanto da più o meno 1 anno, già da quando ero a Roma prima di trasferirmi con mio marito e la “mia Picci” a Naples, ti avevo contattato una volta perchè avevo visto con sorpresa che c’era qualcun’altro che si stava trasferendo qui a Naples e perchè leggendoti qua e là avevo visto molte similitudini con la mia vita…il soprannome di mia figlia “Picci”, Roma, Cerveteri, il trasferimento a Miami…insomma un po’ di cose ! Non è stato facile arrivare qui e continua a non essere facile vivere qui, è molto lungo e complicato da raccontare….ma oggi dopo tanto tempo ti ho riletto, e purtroppo anche io in questi giorni ho una persona, mio papa’, in ospedale…. che forse se ne andrà, e non potrò più rivedere e vorrei essere lì e tenergli solo la mano, spero solo di riuscire a fare in tempo a tornare per quel giorno che non vorrei mai arrivasse….. Non so perchè sto raccontando questo a delle persone che non conosco, mi scuso con tutti.
        Sabrina

        Piace a 1 persona

        1. Tesoro, ti ricordo perfettamente, ho avuto tue notizie indirettamente. Posso solo immaginare quanto sia difficile questo momento per te, mi dispiace immensamente. Ti abbraccio forte.

          Mi piace

  2. Io credo sia normale ed umano cercare di proteggere le persone a cui vogliamo bene dal dolore, anche se purtroppo dal dolore non siamo mai davvero protetti, ci piomba addosso quando meno ce lo aspettiamo e ci travolge.
    Un bacio Tizy.

    Mi piace

  3. Ho intuito che stai soffrendo, mi dispiace, ti abbraccio forte!
    Circa un anno fa abbiamo affrontato la malattia e la perdita di mio nonno, bisnonno di D. Non gli ho nascosto nulla dei nostri sentimenti, ha chiesto di venire al funerale e ha affrontato tutto abbastanza serenamente.
    Altri parenti con bambini li hanno tenuti lontani da tutto, ma io credo che i nostri cari vadano onorati e ricordati, non rimossi…

    Mi piace

  4. Ho sempre avuto a che fare con la morte, era normale in casa nostra far la veglia ai defunti anche sa piccoli.
    Non è la morte che fa paura, ma la sofferenza che la precede. Per me è così. Ma le paure si affrontano. Si vivono fino in fondo e forse si superano o forse no, ma a certe cose non ci si sottrae, non si può. Non è giusto.

    Piace a 1 persona

  5. Ci sono persone che sembrano immortali, per vitalità e fisicità, e quando la loro fragilità tutta terrena emerge è davvero difficile affrontarla. Abbiamo vissuto da piccole, in adolescenza, da adulte, esperienze che ci hanno fatto crescere di colpo. Non tutti affrontano il dolore allo stesso modo, e proprio in questo momenti ci si rende conto di quanto il mestiere di genitore sia difficile.

    Piace a 1 persona

  6. Un forte abbraccio.

    Non vorrei andare fuori tema, ma… Sono un paio di settimane che Dani ogni tanto mi fa “non voglio crescere perché poi tu muori”, oppure “Viglio che non muori mai” ecc, e viene e mi abbraccia e piange….

    La tentazione e’ di dirgli che non succederà mai, ma non lo faccio… Sto cercando di fargli capire che e’ una parte della vita. E poi ci aggiungo un po di magia, che in fondo ha solo 4 anni.

    Mi piace

  7. Ti abbraccio forte, non so bene cosa sia successo non essendo su FB.
    Che dire in generale? La tiritera che ogni tanto qualcuno tira in ballo sul non andare ai funerali per motivi astrusi è solo una scusa per non affrontare la morte e non darsi a chi magari quella presenza l’avrebbe gradita.

    Piace a 1 persona

  8. un parente di un mio collega ha il figlio in ospedale che sta morendo di un male che i medici non capiscono, a cui non si riesce nemmeno a dare un nome. La mamma del bimbo è tutti i giorni lì, mentre questo parente, padre del bimbo che ha già 10 anni, non è mai andato a trovarlo.
    MAI. Andato. A. Trovarlo.
    Io non ho parole per il vuoto che questa cosa mi lascia.

    Mi piace

  9. Bellissimo post….Spero di riuscirci con Federico perchè è importante che i bambini imparino a reagire di fronte alle difficoltà ed ad affrontare le situazioni senza scappare….Con molta fatica ho dovuto imparare a farlo da sola…e vorrei che lui ci arrivasse più “preparato” di me…
    PS Tizi, superata la mia proverbale pigrizia mi sono finalmente iscritta la tuo blog (prima leggevo da “intrusa”) e così posso commentare anche ioooooooooooooooooo ! 🙂
    Baci da Torino (sai chi sono, si?)

    Mi piace

Che ne dici?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.