Shinju Japanese Buffet e Portofino Coal Fired Pizza

In questa settimana abbiamo scoperto due posti assolutamente da non perdere.
Il primo e’ Shinju Japanese Buffet, che non mi risulta avere un sito ufficiale. Ha tantissime varieta’ di sushi preparate al momento, tutte appetitose e ben eseguite, non come da Sushi maki che il riso e il pesce si scollavano appena avvicinavi le bacchette. Due varieta’ di California rolls, che di solito non amo, sono preparate con una panatura fritta intorno che levati, e tra i nigiri ho apprezzato tantissimo quelli con il tonno, il gambero, l’alice e quello con il caviale, anche se il nori era un po’ troppo duro. Per chi non ama il pesce crudo, quell’inspiegabile fenomeno che occorre a persone come mia sorella, c’e’ anche una grande scelta di piatti caldi cinesi e asiatici.

Shinju Japanese Buffet

La sera in cui siamo andati noi c’erano, tra i vari, pollo teriyaki, maiale con verdure stir fry (da applauso), gamberi con verdure saltate (superlativi). Quello che non mi e’ piaciuto e’ la pastella del tempura, troppo spessa, non faceva sentire il sapore dei cibi (com’e’ che si dice? Fritta e’ buona pure una suola di scarpa) ma questo credo sia un problema americano, e prima o poi raccontero’ dell’abbiocco terribile che ci prese l’unica volta che siamo entrati da Kentucky Fried Chicken (mai piu’).

E per chi proprio non potesse accontentarsi, sono disponibili anche frutti di mare freschi e una scelta di pesce da cuocere al momento, secondo i propri desideri. Il locale e’ molto accogliente, con luci soffuse, una sala centrale e due separate, ma soffre un po’ troppo del passare del tempo – il sedile su cui ero seduta aveva decisamente bisogno di essere cambiato. Tutto questo per 25 dollari: all you can eat, bibite e tasse escluse.

8800 SW 72nd St, Miami, FL 33173 Phone: (305) 275-8801

Portofino Coal Fired Pizza

Il secondo e’ stato una bella scoperta di ieri sera. Solitamente evitiamo di andare a mangiare italiano per timore di prendere qualche fregatura colossale. Soprattutto la pasta e’ un problema, la cottura al dente e’ cosa davvero rara, anche se spesso il condimento supplisce alle carenze di cottura. Pero’ la pizza qualche volta ci siamo azzardati a prenderla. Abbiamo provato Casola’s, economico e buono, e Papa John’s, non indimenticabile ma comodo grazie alla possibilita’ di ordinare online e farsi recapitare a casa durante le partite degli Heat. Ieri sera invece, complice proprio il derby contro Orlando (lasciamo perdere), abbiamo scoperto Portofino. Locale molto curato, nuovo, con tavoli classici, quelli alti con sgabelli per una consumazione piu’ veloce o direttamente alla barra se si vuole solo bere. Il servizio e’ rapido, informale ma molto professionale, e le pizze vengono servite su un tagliere come vedete nella immagine e poggiate su un rialzo, da cui i commensali si servono. La pizza caprese e’ ec-ce-zio-na-le. Conditissima, piena di mozzarella, gustosissima, davvero molto buona. Non so quanto sia italiana la gestione, certo il menu era scritto in parte in italiano, ma di sicuro e’ una delle migliori pizze che io abbia mai mangiato in assoluto. Consigliatissimo.

Portofino coal fired pizza 650 NE 22nd Terrace, #112 Homestead, FL 33033
Annunci

25 pensieri su “Shinju Japanese Buffet e Portofino Coal Fired Pizza

  1. La pizza buona, che cosa preziosa! Qui ci sono un po' di locali dove la fanno molto bene, ma siccome a SF la gente è fanatica di cibo, si mettono in fila dalle sei del pomeriggio per mangiare la pizza, e io dico no grazie, in fila per la pizza non mi metto manco se sto morendo di fame. Oddio, c'è anche di peggio. Qui sono anche fanatici di caffè (cosa super trendy fighetta ormai da anni, con tanto di menu e pippe varie) e fanno la fila per entrare in certi locali dove servono il caffè da gourmet. La fila per bere un caffè, ti rendi conto?

    Mi piace

  2. Silvia, io pure beccai ripetutamente file a SF (e alle 7 di mattina, causa jet lag!) No, grazie, magnateveli voi i pancake di Mama's.Lucy, trovare una pizza buona fuori da' davvero gioia! Anch'io qua ho la mia!

    Mi piace

  3. rimango del club Er sushi dallo ar gatto :Dprenota, eh, che quest'estate ci porti lì!!!!P.s. Voglio assaggiare: 1) quello che cucina zio chef, e 2)il coccodrillo stufato.

    Mi piace

  4. dalla guida traveler National Geographic: “l'alligatore è di allevamento, non allo stato brado. Carne liscia, molto magra, può essere dura se non preparata e cucinata con cura ed è meglio se battuta, dorata e fritta. Lo stufato di alligatore è una vecchia specialità della Florida.” :P''

    Mi piace

  5. Uno dei grandi vantaggi del vivere negli USA è l'avere accesso a una grande varietà di cucine etniche e nazionali diverse. Io adoro la cucina giapponese, la mangerei tutti i giorni (dovevo essere un giapponese, in una delle mie vite precedenti). Nel 2009, quando ancora vivevo ad Hartford, scoprii un eccellente ristorante giapponese e coreano ad un isolato da casa mia: “Ichiban”. Credo di non aver mai mangiato così tanto sushi e sashimi in vita mia! Per la pizza, concordo con Silvia: trovare un locale che la faccia buona è cosa preziosa (serve al palato e allo spirito). Nella zona di New Haven – dove vivo adesso – è molto popolare, dato l'alto numero di expat italiani che arrivarono qui nei primi del Novecento. La chiamano “pie” ed il posto migliore dove trovarla, nemmeno a dirlo, è Frank Pepe, pizzeria napoletana (dal 1925). 🙂 Buona al pari – se non meglio – di quella in Italia!

    Mi piace

  6. Eh sì, la chiamano familiarmente “pie” (“torta”, “torta salata”, in inglese) oppure anche “apizza”, che penso – ma non sono sicuro – derivi dall'abbreviazione dell'espressione napoletana “a' pizza”.

    Mi piace

Che ne dici?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.