Oggi visita dalla gine. Pensavo di dover fare anche l’eco, invece no, mi dicono che non era prevista perche’ nell’ultima visita era andato tutto bene, la placenta ormai non da’ piu’ preoccupazioni, insomma, niente immagini della cicciottella. Stiamo bene entrambe, mi ha misurato la pancia, abbiamo ascoltato il battito, ma niente fotine. Mi ha fatto invece diecimila domande che stavolta mi hanno lasciata un po’ perplessa.
Avete scelto gia’ il pediatra? No, ancora no. Qui si usa cosi’, in Italia ma mi pare dopo la nascita invece, giusto? Qui lo si sceglie prima e lo si comunica all’ospedale che provvede a chiamarlo il giorno della nascita. Avevamo chiesto qualche consiglio un paio di mesi fa a due diverse dottoresse senza ricevere grandi informazioni in merito, oggi invece sembrava che il tempo stesse correndo un po’ troppo.. bah.
Hai pensato alla contraccezione una volta che sara’ nata la bambina? La guardo stupita. Prima del concepimento avevate un piano di controllo delle nascite? Volevo ridere, se solo sapesse tutta la nostra storia non avrebbe fatto una simile domanda. Immediatamente ripenso alle domande che mi fecero alla prima visita, e alla eventuale legatura delle tube il giorno del parto. Le dico che pur avendo quarant’anni non mi dispiacerebbe poter dare un fratellino a Picci (che ha gia’ il nome, si chiamera’ Benito :DD Ovviamente scherzo). Ah allora non ne parliamo! Tie’.
Hai informazioni sui vaccini prenatali, o hai gia’ deciso di vaccinarti? Ecco, questa dei vaccini per la mamma e’ qualcosa su cui non ho assolutamente informazioni. Mi ha dato un piccolo vademecum ma mi sembra davvero stringato e dovro’ cercare altro per saperne di piu’. Me l’ha messa giu’ un po’ tragica, dicendo che due sono le vaccinazioni raccomandate, quella per l’influenza e soprattutto quella per la pertosse, che puo’ causare danni cerebrali al bimbo (nel senso che sconquassa talmente tanto da portare conseguenze a livello cerebrale). Ecco, ero pronta sui vaccini per i bimbi ma su quelli prenatali davvero non me ne ero preoccupata, e credo che da noi non si usino. Cerchero’ di informarmi meglio. Fatto sta che avrei pagato 25$ per vaccinarmi li’ seduta stante. Non ho gradito il clima apocalittico, ma posso relativizzare: un paio d’anni fa assistetti alla paranoia dilagante con l’H1N1, divennero completamente pazzi, nessuno si guardava piu’ in faccia per paura del contagio, non si stringevano nemmeno piu’ la mano, da allora ci si saluta battendo i pugni. Per non parlare dei casi di meningite che si stanno registrando in Florida. In questo paese la diffusione dei virus e’ vista davvero peggio che la bomba atomica.
Va be’, sara’ che mi sento stanca e vedo tutto un po’ fosco. Pero’ mi sarebbe piaciuto vedere ancora la piccina. Prossimo appuntamento a due settimane, iniziamo ad avvicinare i controlli.
Vi lascio una foto della nostra passeggiata di ieri a Biscayne Boulevard, North Bayshore Drive, uno dei miei posti preferiti qui a Miami. Non ci venivamo da questo giorno qui. Come cambiano le cose!

Annunci