Anche questo post era in bozze da settimane, promesso ma mai completato, anche se ne abbiamo gia’ parlato. Perche’ nella mia personalissima opinione, partendo dalla mia modesta esperienza, il fatto che abbiamo un tasso di natalita’ pari a zero e’ dovuto, nella stragrande maggioranza dei casi, agli uomini.

Ho amiche che aspettano da dieci anni che il loro compagno si decida a far qualcosa. A sposarle. A mettere la testa a posto. A smettere di inseguire gonne ventenni. A togliere il piede da una delle due scarpe. A fare un figlio. C’e’ anche chi ha deciso si’ di fare un figlio, ma considerandolo solo una sorta di esibizione brava dei propri spermatozoi, visto che poi lo considera una gran scocciatura, ma questo esiste ad ogni latitudine.
E avevo conservato due articoli che parlavano dell’immaturita’ degli uomini, i cui comportamenti ben conosciamo, anche se quelli citati sono peccati veniali a confronto.
Avevo anche pensato di raccontare come la vita nelle metropoli sia ben diversa da quella dei piccoli centri, dove ci si sposa e si fanno figli molto prima. Io sono romana, e se penso alle mie amiche, tutte, da quelle d’infanzia alle piu’ recenti, quelle con figli sono solo una minoranza. Le altre sono in attesa, come me intorno ai quaranta, chi piu’ chi meno.

Aveva quasi trent’anni il mio ex che cadde dalle nuvole alla mia considerazione Ok, rinnoviamo l’affitto 4+4, ma qui non c’e’ una stanza in piu’ se facciamo un figlio. Un figlio?? Quasi gli piglia un colpo, povero Slashbro. E dire che mi ero svegliata tutta insieme, la colpa fu anche mia, maledetto orologio biologico.
Aveva 30 anni invece la buonanima reticente all’idea di fare un figlio quando penso’ bene, senza dirmelo ovviamente, di chiedermi di sposarmi cosi’ avrei avuto altro a cui pensare. Perche’ lo sanno tutte, O uno O l’altro. Il pacchetto completo non si puo’ avere.
E potrei nominare amiche e parenti a bizzeffe. Qualcuna e’ diventata la mia eroina. Ce n’e’ uno, per dire, separato con una figlia grande, che sta giocando a Passa il tempo con la sua nuova fidanzata con cui sta da soli sette anni. Arrivera’ il momento in cui lei non sara’ piu’ la bomba fertile, manca pochissimo, e allora le chiedera’ di andare a vivere insieme. Per il resto, per l’appunto, c’e’ tempo. E lei fa finta di credergli. Perche’ la folie c’est a doux (sorry, non c’e’ la pagina italiana).

Poi arriva lei e con la sua penna fantastica dice tutto, fuori dai denti. E allora vi invito alla lettura, non ho bisogno di aggiungere altro. Il post e’ fatto. Grazie, Selvaggia Lucarelli.
Attendo i vostri commenti.

Annunci