Nella doppia anima miamense convivono pacificamente Halloween e Los dia de los muertos, tra la sera del 31 ottobre ed il 2 novembre. La cultura anglosassone e quella ispanica celebrano insieme le loro tradizioni di derivazione religiosa.

Se Halloween nasce dalla cultura celtica per celebrare l’anno nuovo, Los dia de los muertos si diffonde dal Messico in tutta l’America Latina, dove la tradizione Inca si fonde con quella cattolica portata dai conquistadores. Allo stesso modo, quando Papa Gregorio III sposto’ dal 13 maggio al 1 novembre la celebrazione Ognissanti, la notte di All Hallows Eve divenne il contraltare pagano alla tradizione cattolica.

I Celti credevano che nella notte tra la fine dell’anno vecchio ed il nuovo anno gli spiriti tornassero sulla terra, gli Inca festeggiavano per due giorni gli spiriti che tornano sulla terra per abbracciare i loro cari, i cattolici celebrano i loro santi e defunti per due giorni, ieri ho scoperto che in India il 30 ottobre si e’ festeggiato Diwali, la festa delle luci che proteggono dagli spiriti della notte.
Alla fine siamo tutti figli della stessa cultura che ha solo voci diverse.

Il nostro Halloween quest’anno e’ stato davvero carino. Abbiamo deciso di fare il nostro giro trick or treat nella community dove viviamo, dove tra le 7 e le 8 di sera abbiamo ricevuto tantissime visite di bimbi che chiedevano caramelle, restando senza. Qui i bambini piu’ piccoli si mascherano come vogliono, sono i piu’ grandi e gli adulti che si truccano a tema horror.

LaPicci forse non e’ prontissima per certe emozioni.

Foto in apertura: National Geographic

Annunci