Mammina cara #3

Vivere con uno chef significa non conoscere festivita’, sabati ne’ domeniche, e in generale le schede orarie di lavoro sono assolutamente un’opinione. Cosi’ ho trascorso l’intero sabato e buona parte della domenica, da sola. Poco male, avevo da studiare.
Ieri sera My torna a casa verso le 19, dicendo di essere un po’ preoccupato perche’ la madre non gli risponde al telefono. “E’ strano perche’ non mi richiama“. Dai, gli dico, magari pensa che lavori fino a tardi e non vuole disturbarti mentre sei in cucina.
Ceniamo. Un paio d’ore dopo riprova. Sento che il tel fa due squilli e poi parte la segreteria telefonica. Gli dico: “E’ sicuramente spento o non raggiungibile… Magari le si e’ scaricata la batteria e non se ne e’ accorta. Ma se era mia madre, ero gia’ li’ a vedere“.
Come se non mi fosse mai capitato di farmi trecento km perche’ i miei non rispondevano al telefono per ore.
Gli parte l’ansia, ovviamente. Perche’ l’ansia e’ contagiosa.
Alle 22 mi dice Vado a vedere. Vengo con te? No no preferisco che tu stia qui, che se poi devo chiamare i pompieri…. Ma scusa, perche’ non chiedi al portiere di andare a bussare? No, preferisco andare io. Ok, giusto.

Mi chiama un’ora dopo, povero. La voce risentiva ancora del coccolone che si e’ preso: “Ho dovuto sfondare la porta a spallate. Non mi rispondeva, la porta era chiusa con il paletto e non ho avuto scelta. L’ho trovata sotto la doccia, si era svegliata da poco, e il telefono era in un punto in cui non prendeva“.
Doccia alle 22.45. Una donna di settantotto anni. E le e’ preso un colpo quando si e’ trovata il figlio davanti, dal bagno non aveva assolutamente sentito tutto quel frastuono. Erano accorsi tutti i vicini, il portiere, che aveva negato di aver visto la signora quel giorno (ma non ha specificato che era in servizio dalle 20) ha portato il piede di porco, la dirimpettaia un martello. Tutti pronti col telefono in mano per chiamare il 911. Per fortuna non e’ stato necessario.
Vi racconto quest’altra. La premessa e’ che mia madre e’ completamente fuori di testa. Dopo la morte di mio padre e’ rimasta a vivere per qualche anno ancora in un paesino al confine con la Campania, finche’ non le abbiamo imposto che fosse il caso che si avvicinasse a me a Roma o a Torino da mia sorella, ma vabbe’, questa e’ storia vecchia.
Un giorno decide di andare a trovare degi amici di famiglia in un altro paese, a circa 50km. Mia madre non guida. Prende il suo bell’Acotral, anzi due, si fa le sue belle due ore di viaggio, arriva a casa degli amici, pranza, poi riparte. Si fa lasciare alla fermata del pullman, ma solo dopo circa un’ora di attesa si rende conto che le avevano indicato la fermata sbagliata, e che fa, a settant’anni? Agisce. Mica chiede a qualcuno. Mica chiama col cellulare. No. Si incammina. E’ fuori di testa, sappiatelo.
Si incammina sulla Domiziana, strada statale nota per essere a) senza corsia di emergenza b) in zona ad alta densita’ camorristica e c) abitualmente frequentata da prostitute.
Alle 18 provo a chiamarla, come sempre, per sapere come fosse andata. A casa non risponde, cellulare spento. Fino le 20. La mia ansia era alle stelle. Chiamo la vicina, non ne sa nulla, va a vedere e la casa e’ buia.
Mi chiama alle 20.30, stavo gia’ per partire. Dice che dopo aver camminato non so quanto finalmente si e’ accostata un’anima pia e le ha chiesto se voleva un passaggio, e lei gli ha urlato disperata “Si ma non sono una mignotta“. Dio-santo.
Ha accettato il passaggio, cosa non da lei, e si e’ fatta lasciare a poca distanza da casa. Circa tre km. Per non fargli sapere dove abitava.

Annunci

0 pensieri su “Mammina cara #3

  1. io non sarei salita, di sti tempi…i passaggi… ma forse era appunto un'anima pia che ha visto una signora anziana in difficoltà! ben vengano i baldi giovani missionari 😛

    Mi piace

  2. oddio che spavento. Ma sono tutte uguali, eh? E vogliamo parlare di questi cavolo di cellulari sempre spenti? “Quando mi serve, lo accendo.” – “ma mamma, se devo chiamarti io per qualsiasi cosa?” – “eeh, quando torno poi a casa, chiami sul telefono di casa.” o.O

    Mi piace

  3. Sono felice che tutto si sia risolto per il meglio con la madre del tuo promesso. Deve essersi preso un bello spavento! Chissà cosa ha detto sua madre quando si è trovata davanti My ed il plotone di vicini tutti pronti con il dito sulla testiera del cell 🙂

    Mi piace

  4. Eh, mi sa proprio che a un certo punto i ruoli si invertono, e cominciamo a pagare con gli interessi l'ansia che provavano loro per noi quando eravamo ragazzine.Però “Sì ma non sono una mignotta” è una gran risposta!

    Mi piace

  5. DIO MIO !!!! X entrambe le storie. Uh signur io do di matto per molto meno. Quoto Silvia Pareschi perchè davvero è un rispostone, per non dire la gallata di farsi lasciare a 3KM da casa. In definitiva però i genitors over 70 non si rendono minimamente conto in che stato ci lasciano. Io a mio marito gliel'ho già detto, sarà poco cristiano e forse già denota un po' di demenza pre-senile, ma verso i 70 ci suicidiamo insieme così evitiamo di far preoccupare qualcuno, cioè i nipoti, visto che di figli non ne abbiamo, e poi i nipoti magari manco ci considereranno. OHLLA'

    Mi piace

  6. poi sono fantastiche quando ti vogliono nascondere le cose.l'ultima, io a chiedere dove sei che non rispondi a casa e lei, candida, sono in un negozio. mmmmmm mia madre non è MAI generica e non vuole MAI tagliare corto.insomma erano in ospedale che papà si era fratturato una costola, ma non te lo volevamo dire prima di sapere che era tutto a posto. mmmmmm

    Mi piace

Che ne dici?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.