Ieri sera siamo stati ad una festa di compleanno, che come molti eventi qui in America si celebra sulla base di tre elementi fondamentali: il proprio giardino di casa, un tavolo con sedie, il barbeque.
Mi era già capitato di andare a delle feste, ma in tutti i precedenti la dimensione sociale degli invitati era la stessa che conoscevo dall’Italia, con membri della famiglia o amici, più o meno stretti, come tre anni fa.
Ieri sera no.
Ieri sera la festeggiata aveva invitato noi, il suo capo con il marito, e tre suoi studenti o ex studenti. Al tavolo in giardino sedevano quindi tre italiani, due indiani, tre americani – due dei quali rispettivamente di origine cubana e giamaicana -, ed un cinese. Nove persone in tutto di età variabile (ad occhio) tra i 24 ed i 60. Oh, e tre piccole principessine bionde.

Era una festa di compleanno, occasione informale non intaccata dal fatto che i tre studenti si trovassero gomito a gomito con il capo del dipartimento in cui studiavano. O che stessero conoscendo la vita privata di uno dei loro prof. In Italia non mi era mai capitato niente del genere. Nella mia esperienza passata la distanza sociale teneva separate le classi o gli status. Qui il melting pot riguarda razze, ma anche età, status socioeconomico e scala gerarchica.

Che si tratti di una cena col proprio capo o con i cugini, le bevande non si tengono al tavolo, si mettono in un contenitore frigo pieno di ghiaccio in cui restano gelide e da cui ognuno si serve. Il padrone di casa si occupa del barbeque, sua moglie delle insalate e degli altri piatti. Lode agli indiani che avevano portato samosas e chutney, sono andati ad accompagnare prosciutti crudo e cotto, hamburger, filetto e wurstel, vini italiani e birre di origine messicana e locale (birra della Florida!!), e per finire c’era una buonissima torta al mango. Tutto sul tavolo perché ciascuno facesse da sé.

Il cinese ad un certo punto ha deciso di fare talmente tanto da sé che si è allontanato dal tavolo per mettersi su una sdraio, da solo, lontano dalle chiacchiere dagli accenti disparati. Atmosfera super rilassata sotto tutti i punti di vista.

TMBBQ

E comunque dite quello che volete, ma carne e verdure al barbecue hanno tutto un altro sapore.

Annunci