Quando c’era Peppe

Quando c’era Peppe era tre vite fa. Era il nostro pastore tedesco, femmina, battezzata Jessica in onore della Rabbitt, ma come mia sorella ed io facciamo sempre – anche con laPicci e Gummo e laPrinci – cambiamo i nomi in continuazione. Jessica divenne Peppe.
Arrivo’ nella nostra famiglia quando avevo 14 anni e rimase con noi per 12.
Durante i mesi estivi eravamo soliti affittare una casa al mare, a Fregene, da dove i miei facevano i pendolari fintantoche lavoravano, e noi figlie ci godevamo il mare. Peppe era un cagnolone docile e tranquillo, raramente lo si sentiva abbaiare, e bastava un solo Buouf!, mica tanto. Odiava i fuochi d’artificio e amava i gelati, come tanti cani. Poi se andavi a fare una passeggiata con lei, che fosse intorno casa o a villa Pamphilj, che pure era a noi vicina, tornava sempre con qualcosa. Prendeva una pigna, preferibilmente, un bastone, un sasso, quello che il giretto le suggeriva. Lo teneva in bocca per tutto il tragitto, sbavando copiosamente e rischiando la paralisi della mandibola, e poi regolarmente lo sputava stanca sotto al portone.

Peppe a villa Pamphilj

Peppe amava la spiaggia.
Lo scoprimmo una mattina di luglio, quando una nostra amica arrivo’ al nostro cancello alle 7 e ci disse: Ho visto il vostro cane in spiaggia. Ohibo’, Ba’, no di certo!, assicuriamo mia sorella ed io tirate giu’ dal letto e ancora in pigiama. In quel mentre arriva Peppe tutta fradicia di acqua e salsedine, trottando felice e scuotendo la sua criniera all’aria con la lingua penzoloni. Felice.
Un’altra sera, epica, i miei erano in viaggio, e noi sole a casa. Usciamo la sera con le bici, ci chiudiamo il cancello alle spalle, il tempo di arrivare al primo incrocio e Arf arf arf arf! Peppe ci sta correndo dietro. Forse, pensiamo, e’ uscita prima che noi chiudessimo e col buio non ce ne siamo accorte. Torniamo indietro, ci assicuriamo che sia in giardino, chiudiamo il cancello, inforchiamo le bici, Arf arf arf arf!, di nuovo ci corre dietro. Torniamo indietro ancora per scoprire che si serviva di un buco nella rete, e non troviamo migliore soluzione che chiuderla in casa. Lei protesta un po’, noi abbiamo voglia di vedere i nostri amici, Ciao Peppe, ti lasciamo la luce accesa.

Peppe e il suo amico Brian a Fregene

Torniamo a casa dopo qualche ora. Apriamo il cancello e Peppe ci accoglie festante in giardino. Che caspita ci fa Peppe fuori?? Oddio sono arrivati i ladri!!
Saliamo le scale col cuore in gola, infilo la chiave nella toppa con la mano tremante, mia sorella e’ stretta addosso a me. Nel tempo che io perdo a trovare il buco della serratura Peppe ci passa dietro, col naso solleva la serranda della porta finestra che avevamo lasciata aperta per lei, fa leva, solleva, infila la testa, passa sotto e la serranda si richiude fragorosamente alle sue spalle alla sua coda.
Fanculo Peppe, ci hai fatto pija’ n’accidente, e mica una volta. Ma ci siamo divertite un sacco con te.

Annunci

37 pensieri su “Quando c’era Peppe

  1. Bella Peppe! :') da quando lo avevamo regalato a lei, anche adesso tutti i nostri squali di gomma si chiamano Pasqualo :DL'ho amata meno quando, rientrando a casa, l'ho trovata che masticava i miei rayban wayfarer tartarugati…

    Mi piace

  2. Che bella storia….Anch'io ho un cagnolino da 12 anni. E' un po' sdentato e cardiopatico, non so pensare a quando non ci sarà più. E' un compagno di vita e l'unico che mi saluta tutto felice quando rientro dal lavoro, gli altri un CIAO sforzato!!!!

    Mi piace

  3. Che bella storia….Anch'io ho un cagnolino da 12 anni. E' un po' sdentato e cardiopatico, non so pensare a quando non ci sarà più. E' un compagno di vita e l'unico che mi saluta tutto felice quando rientro dal lavoro, gli altri un CIAO sforzato!!!!

    Mi piace

  4. Che bella storia….Anch'io ho un cagnolino da 12 anni. E' un po' sdentato e cardiopatico, non so pensare a quando non ci sarà più. E' un compagno di vita e l'unico che mi saluta tutto felice quando rientro dal lavoro, gli altri un CIAO sforzato!!!!

    Mi piace

  5. bellissima ,intelligentissima,affettuosa come era la mia Laika,non cè più da oltre 20 anni…nei anni 80-90 potevano fare la vita da cane pastori,andare in piena libertà nei campi,tornare felici quando volevano e sempre con la coda tra le gambe per paura di una sgridata per la loro assenza prolungata,avevano la più totale privasi dei lori bisogni fisiologici. ora e tutto cambiato …non ci sono più i campi ma palazzoni e stradoni…e non và più di moda la razza pastore tedesco 😦

    Mi piace

  6. Bella lei 🙂 io avevo un cane che è stato con noi 12 anni anche lui, lo adoravamo, ci faceva sentire importanti e felici averlo, avere qualcuno che ci proteggeva e ciaccompagnava ovunque andassimo 🙂 mi manca anche ora.

    Mi piace

  7. E' un compagno insostituibile. Pero' devo dire che siccome hanno una personalita' esattamente come i bipedi, non sempre si va d'accordo. Per dire il cane successivo dei miei genitori era veramente insopportabile :/

    Mi piace

  8. Nella mia famiglia c'è un solo cane, che, a causa della gelosia per le attenzioni che i suoi padroni dedicavano a mia figlia, l'ha morsa in volto, per fortuna con minime conseguenze, che però resteranno per sempre parte della sua fisionomia. Il fatto che, nonostante questo, le presenza di questo cane ci venga comunque imposta quando ci vediamo, mi dà non poco fastidio. Ovviamente non penso che queste persone dovrebbero disfarsi del cane, ma credo che sarebbe un segno di rispetto nei nostri confronti, che viviamo questi incontri con molta apprensione, lasciarlo a casa quando vengono da noi (si tratterebbe di qualche ora, al massimo mezza giornata).Sono d'accordo con te sul fatto che anche i cani abbiano la loro personalità, per cui generalizzare non è corretto, ma se penso allo spavento che mi son presa, sto male ancora adesso

    Mi piace

  9. Scusami Lucy, mi sono resa conto di aver usato un tono troppo polemico, non in linea con il contenuto del tuo post. È semplicemente la conseguenza di una situazione di insofferenza che si protrae da tempo e di cui avevo appena finito di discutere per l'ennesima volta!

    Mi piace

  10. Grande Patti!! Quello che hai capito e' che Peppe e' un modo di essere, e infatti anche altri cani poi li chiamavamo Peppe, a volte anche Picci la chiamo cosi', e' proprio l'essere Peppe che e' fondamentale!

    Mi piace

  11. Ma Serena, stai scherzando? Non ti ho colta assolutamente polemica, anzi, mi dispiace profondamente per quello che e' successo a tua figlia. Posso solo immaginare lo spavento e lo shock. Purtroppo come con certi figli i genitori, il problema di certi cani sono i padroni. Sono d'accordissimo con te poi sul rispetto a casa d'altri, e' assurdo che ve lo impongano. Un abbraccio grande.

    Mi piace

  12. Esatto!! Infatti per me Beniamino, Labrador nero, era Ciccio. E quanti Ciccio ho incontrato!!!! Gabriele no… Troppo rompiballe per essere un Ciccio!!!Patti

    Mi piace

  13. Abbandonati, no. Ce ne sono troppi randagi. Noi negli anni ne abbiamo curati tanti, adottati part-time e stavolta siamo riusciti a portare una cucciola in Italia: vive in campagna, felice con i ns cari amici, nn deve più patire la fame e i monsoni. Ho imparato ad amare i cani proprio in India, prima ero terrorizzata per un trauma infantile. Ci siamo riabilitati a vicenda, io e i cani di strada a Bombay. Ecco perché questo sogno. Per tornare ai cani in Italia, tutto dipende dal padrone. I miei hanno un rottweiler, e sapessi quante ne sentono. Il cane se ne sta tranquillo per i fatti suoi, mica se ne va in giro a sbranare… Mah!

    Mi piace

  14. Grazie.. Dolcissima la tua pelosa Peppe, loro fanno bene al cuore: Margot è arrivata in un momento della mia vita particolare, togliendomi tutta quell'apatia che da troppo mi attanagliava. Prendermi cura di lei mi ha come svegliato da un lungo sonno e ho avuto il coraggio di riprendermi un po' la mia vita che in quel periodo subivo per questo non posso che esserle ancora più grata!!

    Mi piace

Che ne dici?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.